We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Confindustria, presentato il Protocollo legalità


In Confindustria Cosenza, alla presenza del Prefetto di Cosenza Raffaele Cannizzaro e di Federico Landi, Vice Direttore Area Organizzazione e Sviluppo Associativo e Segretario della Giunta di Confindustria, è stato presentato il Protocollo della Legalità, sottoscritto dal Ministero dell’Interno e da Confindustria. Recepito dall’Assindustria cosentina a marzo 2011, tra le prime di tutto il  sistema confindustriale, il Protocollo costituisce un passo in avanti decisivo per innalzare i livelli di legalità e trasparenza in tutti i contesti in cui operano le imprese e si pone in linea di continuità con le altre iniziative assunte negli anni da Confindustria per prevenire e contrastare i comportamenti illeciti e spingere le imprese associate a denunciare i tentativi di infiltrazione criminale. Il processo di condivisione degli obiettivi e degli impegni previsti dal Protocollo si sostanzia in due fasi: con la formale adesione da parte delle Associazioni Industriali, che per Cosenza è già avvenuta con la Delibera del Consiglio Direttivo di marzo 2011 e con l’adesione delle aziende associate. <<Si tratta di una scelta volontaria – ha sottolineato il Presidente di Confindustria Cosenza Renato Pastore –, una best practice in termini di trasparenza e legalità. Le imprese che decideranno di aderire al Protocollo si assumeranno impegni rigorosi riguardanti la scelta dei partner commerciali e la lotta al lavoro nero. Si impegneranno a  selezionare subappaltatori e fornitori adottando procedure responsabili e qualificate volte, inoltre, a rafforzare i livelli di sicurezza sul lavoro. Come Associazione degli Industraili della provincia ci impegniamo  per concorrere a realizzare ed a garantire un sistema che osservi le regole e i modelli di competizione basati su qualità, innovazione e confronto con i mercati internazionali. Noi imprenditori abbiamo ben presente che operare nella legalità conviene. E’ l’unica condizione che alla lunga paga sempre>>. <<Stiamo pensando ad iniziative di informazione e formazione sui temi della sicurezza e della legalità - ha dichiarato il Presidente di Ance Cosenza Natale Mazzuca - in modo da favorire la più ampia adesione da parte delle imprese associate al Protocollo. Esso rappresenta la necessità di tutelare il valore più importante per chi fa impresa: la libertà di poter competere in un mercato dalle regole trasparenti, nel rispetto delle norme e della certezza del diritto. Una condizione che viene pesantemente compromessa se vi è presenza di pressioni tali da tendere ad instaurare un sistema che si fonda sul ricatto, sull’illecito e sulla sottomissione. Contrastare il sommerso, premiare la regolarità e combattere l’abusivismo sono e saranno sempre più le nostre parole d’ordine>>. Il Prefetto Cannizzaro ha commentato molto positivamente l’intesa che pone in essere una stretta collaborazione fra pubbliche autorità e sistema imprenditoriale <<per rafforzare e rendere più incisiva la sicurezza, intesa nell’ottica di una intensificazione dei controlli mirati a prevenire e reprimere ogni possibile infiltrazione della criminalità organizzata nel mondo dell’impresa e nel mercato del lavoro. Una sinergia a livello territoriale tra i responsabili di Ministero dell’Interno e Confindustria non potrà che favorire i controlli ed il monitoraggio, assicurando adeguati strumenti di prevenzione, in materia di appalti per lavori, servizi e forniture, al fine di contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia. Per far crescere il territorio occorre  l’impegno di tutti, un'alleanza di sistema, una regia a più voci>>. <<Con la stipula del Protocollo con il Ministero dell’Interno – dichiara il Vice Direttore dell’Area Organizzazione di Confindustria Landi - possiamo affermare che la previsione di un ruolo attivo delle imprese è stato assunto a principio primario di condotta dall’intera Confindustria a livello nazionale. L’intesa risponde, infatti, all’esigenza di garantire un impegno concreto da parte del mondo imprenditoriale, anche sul piano istituzionale, sul tema della legalità e di avviare iniziative congiunte e coordinate con le istituzioni preposte al controllo del territorio per migliorare i controlli sulle attività economiche>>. Tutte le imprese che aderiranno verranno inserite in un elenco sul sito di Confindustria dedicato alla legalità, dando evidenza a tutto il sistema di quali sono quelle che hanno preso parte, con un impegno diretto, a questo progetto. Per il Direttore degli Industriali cosentini Rosario Branda, che ha moderato i lavori dell’incontro, l’auspicio è che <<si rafforzi la domanda di fornitori “legali” per dare vita ad un circuito imprenditoriale sano e impermeabile alle infiltrazioni mafiose, ad un sistema virtuoso e premiale per i soggetti economici che ispirano la propria attività ai valori della trasparenza, della correttezza e del rispetto delle regole. Il protocollo, nei fatti – aggiunge Branda – aiuta le imprese nella propria organizzazione interna, rende più efficienti e trasparenti i rapporti con i propri partner e con i fornitori, concorre in maniera efficace a restituire certezza e dignità alle imprese sane che operano nel pieno rispetto delle norme grazie alle previste attività di prevenzione, contrasto e repressione>>.

di Redazione | 16/07/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it