We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Pescara (Pescara) - Progetto Pet Therapy, L’assessore comunale alla Pubblica istruzione ha presentato i risultati in conferenza stampa


“Una maggiore sicurezza nel rapporto con gli amici a ‘quattrozampe’ e, al tempo spesso, l’aver imparato a rispettare anche le esigenze dell’animale, che non è un giocattolo. Sono queste le nozioni che il progetto di Pet Therapy, avviato in via sperimentale nella scuola elementare di via Anelli, ha impartito ai nostri studenti che per settimane hanno imparato a vivere con un cane, o con i conigli, piccoli animali domestici che hanno avuto un effetto benefico soprattutto con i piccoli studenti diversamente abili, consentendo loro di sviluppare abilità sensoriali insperate. Un risultato che ci sta già inducendo a ipotizzare una proroga del progetto stesso”. Lo ha detto ieri l’assessore alla Pubblica istruzione Roberto Renzetti nel corso della conferenza stampa – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Pescara -  indetta per presentare i risultati conclusivi del progetto di Pet Therapy svolto nella scuola elementare ‘Di Resta’, alla presenza della Dirigente scolastica Roberta Dalla Ragione e dei responsabili della cooperativa Diapason che hanno materialmente realizzato l’iniziativa, con il cane labrador Nuvola. “I nostri piccoli studenti – ha ricordato l’assessore Renzetti – per 40 ore, distribuite in alcune settimane, hanno distolto la propria attenzione da libri, quaderni e penne, per imparare a confrontarsi con i nostri amici animali. Inizialmente il progetto, che abbiamo voluto sperimentare per la prima volta all’interno di una scuola, avrebbe dovuto coinvolgere solo i bambini diversamente abili dell’Istituto, poi però abbiamo volutamente deciso di coinvolgere anche gli altri compagni, di tutte le classi, dalle prime alle quinte, per consentire a tutti gli alunni di approfondire la conoscenza di un cane, fosse un labrador o un bassotto, e dei conigli. In pochi giorni gli studenti hanno imparato a condurre un cane, anche di grossa taglia, a impartirgli semplici nozioni e ordini, a premiarne i risultati e anche a giocare in modo corretto con il proprio animale, rispettando i suoi tempi, imparando a riconoscere la stanchezza del cane. Come ci hanno dimostrato gli insegnanti della cooperativa Diapason i risultati sono stati estremamente positivi, soprattutto con gli studenti diversamente abili. Addirittura un bambino privo della parola, ha all’improvviso imparato a pronunciare ordini chiari al cane, per chiedergli di sedersi o di restituirgli la palla, risultati accolti con soddisfazione dal corpo docente e anche dall’amministrazione comunale. Quello realizzato nella scuola di via Anelli rappresenta sicuramente un esempio ben riuscito di collaborazione tra governo cittadino e istituzione scolastica, un progetto che stiamo già ipotizzando di proseguire nella elementare di via Anelli e di avviare, dal prossimo anno scolastico, in altre strutture cittadine, considerando la Pet Therapy un valido ausilio all’attività didattica”.  

di Redazione | 29/04/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia IonioNotizie per la tua pubblicità bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it