We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Il Consiglio comunale approva il Rendiconto di Gestione relativo all’esercizio finanziario 2009


Il Consiglio Comunale di Cosenza ha approvato il Rendiconto di Gestione relativo all’esercizio finanziario 2009 (bilancio consuntivo) con 21 voti favorevoli  e una astensione (Furlano). L’Ufficio stampa del Comune ha trasmesso una sintesi dei lavori consiliari. Documento che di seguito si riporta testualmente:   Alcune comunicazioni del Presidente Pietro Filippo, che hanno dato conto di una serie di movimenti sullo scacchiere del Consiglio comunale hanno aperto la seduta consiliare. In particolare  si è riferito dello scioglimento del gruppo di Alleanza per la Calabria per le graduali dimissioni dei suoi componenti, a cominciare da Antonio Belmonte, sino ad arrivare ad una consistenza numerica che non consentiva più, per Regolamento, la sussistenza del gruppo. Sul fronte di Autonomia e Diritti, si registra la nomina di Stefano Filice a capogruppo, ma la comunicazione di quest’ultimo relativa alla sostituzione di componenti del suo gruppo all’interno delle commissioni consiliari, solleva l’obiezione di Sergio Nucci il quale porge l’invito – accolto – al Presidente del Consiglio Comunale di provvedere alla revisione degli assetti delle commissioni affinchè le stesse non risultino illegittime.  Si è passati dunque alla trattazione dell’unico punto all’OdG: “Approvazione Rendiconto della Gestione relativo all’esercizio finanziario 2009”. RELAZIONE DELL’ASSESSORE MARIA LUCENTE “La validità di questo documento va valutata tenendo presente e leggendo il contesto generale. È il solito refrain, ma si è costretti a ripetersi per dovere di informazione al cittadino. A questo proposito, richiamo un elemento di criticità, evidenziato dal documento dell’ANCI titolato “ La crisi sulle spalle dei Comuni”, che dice testualmente “ il limite che possiamo ravvisare ….. è piuttosto legato alla capacità che gli stessi Comuni hanno di far percepire in modo corretto alla cittadinanza gli sforzi fatti”. I Comuni italiani, a causa del Patto di Stabilità e della riduzione delle entrate si trovano in forte difficoltà e per questo l’unica possibilità è ridurre la spesa. Ma questa condizione stride con l’altro dato stimato dall’ANCI, quello relativo alla domanda di servizi sociali, che a causa della crisi in atto, è cresciuta rispetto all’anno scorso almeno del 20%. Nessun territorio è risparmiato da questa condizione. Quindi, siamo in un paradosso istituzionale allarmante. Mi viene in mente un’immagine quella di una macchina: qualcuno chiude il serbatoio di benzina e si dà la colpa all’autista, che, per raggiungere, comunque, la meta, non si ferma, ma, continuando la metafora, spinge a mano la macchina, perché vuole arrivare alla meta. In un simile scenario, non è cosa di poco conto rilevare, in estrema sintesi, che l’Amministrazione ha operato una gestione oculata delle entrate e delle uscite: un risultato che ha consentito di non aumentare la pressione fiscale nell’anno scorso e di mantenere, se non aumentare, i servizi, nonostante la difficile situazione finanziaria. Entrando nello specifico, è doveroso ribadire che la verifica, come ogni anno è stata effettuata dal settore economia, programmazione e risorse finanziarie dell’Ente che ha avuto esito positivo e non posso che ulteriormente ringraziare, se è possibile ancor di più di quanto ho fatto in occasione del Bilancio di Previsione, il Dirigente del settore, avv. Ugo Dattis, tutto il suo staff e  il Collegio dei revisori. Il rendiconto della gestione costituisce il momento fondamentale del processo di pianificazione e controllo dal quale deve trovare ragione la complessiva attività svolta dall’ente. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene appunto mediante il Rendiconto di Gestione, il quale comprende il conto del Bilancio, il conto economico ed il conto del patrimonio. -          Il conto del Bilancio dimostra i risultati finali della gestione autorizzatoria contenuta nel bilancio annuale rispetto alle previsioni;  -          il conto economico evidenzia i componenti positivi e negativi dell’attività dell’ente secondo criteri di competenza economica. Comprende gli accertamenti e gli impegni finanziari del conto di Bilancio, rettificati al fine di costituire la dimensione finanziaria dei valori economici riferiti alla gestione di competenza, le insussistenze e sopravvenienze derivanti dalla gestione dei residui e gli elementi economici non rilevati nel conto del Bilancio;  -          il conto del patrimonio rileva i risultati della gestione patrimoniale e riassume la consistenza del patrimonio al termine dell’esercizio, evidenziando le variazioni intervenute nel corso dello stesso, rispetto alla consistenza iniziale. L’approvazione del rendiconto è un momento, oltre che di grande importanza politica, in quanto si rende il conto della gestione e si forniscono ai cittadini, ai consiglieri, agli organi di controllo ed agli enti pubblici informazioni sulla situazione patrimoniale e finanziaria, sull’andamento economico e sui flussi finanziari dell’ente, di fondamentale importanza amministrativa, sia perché i risultati conseguiti finiscono con l’influenzare le scelte programmatiche che l’Amministrazione deve adottare negli anni successivi, sia perché la sua mancata approvazione entro il termine del 30 Aprile comporta l’applicazione di gravi sanzioni previste dal combinato disposto di diversi articoli del T.u.e.l. Queste consistono nella sospensione dell’ultima rata del trasferimento erariale, nell’impossibilità di ricorrere all’indebitamento a decorrere dall’esercizio successivo, nella soggezione ai controlli centrali previsti per gli enti strutturalmente deficitari fino ad arrivare all’estremo della nomina di un commissario e all’avvio delle procedure di scioglimento del consiglio. Detto questo, entro nello specifico. I numeri del nostro consuntivo evidenziano un bilancio che rispetta sostanzialmente i programmi dell’ente per la parte corrente, sia rispetto all’entrate che per quanto riguarda le spese. Le entrate correnti si attestano su € 87.480.824. Si ricorda che le entrate correnti sono la sommatoria dei primi tre titoli delle entrate, cioè  le entrate tributarie, i trasferimenti e le entrate extratributarie. Nel 2009 le entrate tributarie accertate sono € 31.469.143 con una differenza positiva rispetto alla previsione iniziale di € 650.344 (+2%) e anche rispetto al dato consuntivo del 2008, di € 30.940.426. Le componenti più importanti sono l’ICI per un importo di € 8.500.000 e la Tassa rifiuti solidi urbani per € 11.386.901. I trasferimenti erariali per esenzione ICI e per fabbricati ex gruppo D sono € 3.901.787 di cui € 2.623.828 riscossi nel corso dell’2009 e € 1.278.521 da riscuotere ed iscritta come residuo attivo. Per quanto riguarda la tassa per la raccolta dei rifiuti solidi urbani la copertura dei costi per l’erogazione del servizio si attesta sul 99,8% con un miglioramento rispetto alla percentuale di copertura prevista che era del 96,77%. Nel 2009 l’ente ha efficacemente proseguito nell’attività di recupero dell’evasione, conseguendo risultati superiori a quanto previsto. In particolare a fronte di € 1.000.000 previsto per Recupero evasione ICI, l’accertato è di € 1.317.000 e per quanto riguarda l’evasione Tarsu, a fronte di un previsto di € 1.500.000, l’accertato è di € 2.224.099, per un complessivo recupero evasione tributaria di € 3.541.099. si tratta di risorse preziose per l’Ente che è determinato a proseguire, con sempre maggiore efficacia la lotta all’evasione. Per quanto riguarda i trasferimenti dallo Stato e da altri Enti si registra un incremento rispetto al 2008. I trasferimenti passano da € 36.434.180 a € 37.294.643. Di fronte a una contrazione dei trasferimenti correnti dallo Stato, vi è un aumento dei trasferimenti da parte della Regione. Le entrate extratributarie sono di € 18.717.037 con un incremento rispetto al 2008 di € 2.167.698. Questo grazie a un incremento dei proventi dei servizi pubblici. La spesa corrente è di € 82.349.274. La componente più rilevante è relativa alla spesa per il personale, di euro € 35.606.666, che rappresenta il 43.23% della spesa corrente. Il Comune di Cosenza ha mantenuto inalterati i livelli occupazionali e al 31/12/2009 risultano occupati 915 persone tra dipendenti a tempo indeterminato e dirigenti. Altre voci di spesa rilevanti da ricordare sono: ·        € 5.280.000 per le cooperative di lavoro di tipo B; ·        € 1.553.612 per le cooperative sociali di tipo A; ·        € 1.778.938 spese per l’Ufficio del Commissario servizio di smaltimento; ·        € 4.993.414 spese per il servizio raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani; ·        € 2.250.000 spese per la depurazione delle acque reflue; ·        € 3.003.796 canone annuo per spese diverse di gestione dell’acquedotto SORICAL; ·        € 427.031,59 prestazioni diverse per il servizio mensa e refezione; ·        € 200.000 contributo alla Biblioteca Civica; ·        € 770.000 mutui abitativi centro storico; ·        € 218.411,67 fitto locali per alloggio agli sfrattati e sinistrati, ed integrazione canoni di locazione; ·        € 104.986 fondo per la povertà; ·        € 917.012, 23 Teatro Rendano; ·        € 722.421 esenzione e riduzione TARSU; ·        € 1.516.784,42 finanziamento debiti fuori bilancio; ·        € 3.186.758,01 quote capitali (mutui); ·        € 1.099.051 spese fitti passivi; ·        € 340.000 spese di vigilanza; ·        € 300.400 spese di pulizia; ·        € 475.000 gas metano; ·        € 1.128.500 spese telefoniche; ·        € 2.102.809 spese di energia elettrica.   La spesa per interessi passivi sul debito è di € 3.612.000, rispetto al debito residuo all’ 1/01/2009, determinando un tasso di incidenza medio del 4.99% sulle entrate correnti. Sulla questione degli strumenti di finanza derivata, facendo proprie le giuste raccomandazioni e preoccupazioni espresse in più occasioni dalla Corte dei Conti, il Comune ha svolto una attenta attività di controllo e verifica di tali strumenti. Si precisa che l’Ente possiede unicamente contratti di tipo INTEREST SWAP. Gli swap sono contratti a termine, che prevedono lo scambio a  di flussi di cassa, calcolati con modalità stabilite alla stipulazione del contratto. Questo sistema  permette di gestire e controllare il rischio connesso, per esempio, alle fluttuazioni dei tassi di interesse o di cambio. L'Interest Rate Swap è il contratto swap più diffuso, con il quale due parti si accordano per scambiarsi reciprocamente, per un periodo di tempo predefinito al momento della stipula, pagamenti calcolati sulla base di tassi di interesse differenti e predefiniti, applicati ad un capitale nozionale. Da sottolineare che non c'è scambio di capitali, ma solo di flussi corrispondenti al differenziale fra i due interessi. In particolare il Comune scambia il tasso fisso su parte dell’indebitamento con un tasso variabile. Si preme precisare, quindi, che il Comune, data la propria tipologia di contratti derivati, non è minimamente coinvolto nella crisi Greca, come invece è avvenuto per atri Enti. Infatti, per i 4 contratti derivati in essere, si prevede un flusso positivo per gli anni 2010, 2011 e 2012 così come certificato dalla BRADY Italia, consulente finanziario del Comune di Cosenza. Per la parte investimenti sono state effettuate spese per € 13.162.228 di cui: € 2.970.000 per assunzioni mutui; somma rientrante dai limiti imposti dal art. 1 commi 678, 679, 681 e 683 della Legge 27 dicembre 2006 n. 296 (Legge Finanziaria 2007) ed art. 1 commi 379, 380 e comma 137 della Legge 24 dicembre 2007 n. 244 (Legge Finanziaria 2008). € 3.444.062,96 per trasferimenti regionali, € 906.203,04 per trasferimenti statali, € 1.782.344 per alienazione beni patrimoniali, € 4.059.618,22 proventi delle Concessioni Edilizie e Sanzioni Urbanistiche.  L’avanzo di amministrazione 2009 è di € 464.168 e costituisce una risorsa effettivamente spendibile per l’Ente. Questa amministrazione ha inteso utilizzare detto avanzo, come già avvenuto negli scorsi anni, in modo del tutto cautelativo, finanziando per € 392.696 le ordinanze di assegnazione e per € 71.472 gli eventuali crediti di dubbia esigibilità. Il rendiconto 2009 è stato redatto in rispetto dei principi del Tuel, dei principi contabili e del Regolamento di contabilità del Comune. È una rappresentazione fedele della situazione patrimoniale finanziaria ed economica dell’Ente ed una radiografia di un Ente perfettamente operativo e funzionante che, anche per il 2009, rientra nei parametri obiettivo ai fini dell’accertamento della condizione di Ente non strutturalmente deficitario, avendo rispettato sei parametri su dieci previsti”.   Dopo un passaggio sul positivo andamento dei lavori della Commissione Bilancio da parte del suo Presidente, Raffaele ZUCCARELLI (PD), si avvia il dibattito. Sergio NUCCI (Gruppo Misto) “Il consuntivo è importante perché non è solo di numeri ma di opere. Vedendo questo consuntivo abbiamo la fotografia di ciò che è stato realizzato in città. E in città cresce il partito degli scontenti. È forse la congiuntura particolare, tanti i momenti che determinano una scontentezza latente, che sarà difficile mettere da parte, nemmeno se si facessero le primarie. Gli scontenti si stanno avviando verso un cambio definitivo di questa Amministrazione. Si respira in città la stessa aria che si respirava rispetto al candidato governatore del centro sinistra, poi sonoramente bocciato dall’elettorato. Non credo esistano più i tempi di ravvedersi e di rimediare. Tuttavia sarebbe il caso di darsi una mossa. Non credo che non abbiate messo in atto il possibile per cercare di rimediare ad una situazione, tuttavia i parametri forniti per far capire che l’ente non è in dissesto non sono così rosei come si vuole far credere. Se sei sono positivi e quattro negativi, vuol dire che per un pelino si è rientrati nei comuni non deficitari. Quello che vorrei sottoporre all’attenzione è l’aspetto relativo al volume dei residui passivi. Quando siete entrati avete detto che i conti erano disastrati e andava invertita la rotta e correre ai ripari. I residui attivi nel 2009 sono 170 milioni di euro, che dovremmo percepire ma non abbiamo percepito. Se tanto mi dà tanto, questa somma deve essere nettamente al di sotto della somma trovata nel 2006. Invece no,  nel 2006 erano 137 milioni. Significa che tutto ciò che avete detto di voler realizzare non lo avete realizzato anzi la situazione si è aggravata. Una risposta sulla questione andrebbe data. Un altro problema che  riscontro è relativo alle anticipazioni di tesoreria di questo Comune. Significa che in questa Amministrazione si va avanti solo con anticipazioni della tesoreria, ovvero non esistono somme destinabili a pagare spettanze e onorare impegni se non vengono anticipate dalla tesoreria. È un altro aspetto che per un Amministrazione che diceva di voler risanare le casse, è devastante. Un’altra criticità la rintraccio nella lotta all’evasione che non sta portando i frutti sperati. Se non si imprime una svolta netta ad un andazzo siffatto non sarà più possibile raddrizzare la barca. Le somme accertate che non vengono riscosse sono il vero problema di questa Amministrazione.  Le risposte che non riuscite a fornire alla città derivano essenzialmente da una mancanza di sostanze che non potete impegnare per fare le cose minime. Se queste sostanze non riuscite a riprendervele il problema si complica ulteriormente. Credo che l’assessore Lucente si sia trovata di fronte ad un compito ingrato, però avrei apprezzato che dicesse con chiarezza cosa si aveva di fronte e quali fossero i correttivi e non le toppe a colore che si sono messe in questi anni. Il problema è ora stabilire chi si dovrà veramente far carico di risanare il bilancio di questo Comune”. Eugenio DE RANGO (PD) “Parto dalla stessa considerazione di Nucci: la pratica di bilancio consente un ragionamento a 360 gradi sull’attività del Comune e in sede di consuntivo consente il bilancio su cose fatte e non fatte. Questo consuntivo certifica che i conti sono a posto. Chiunque governerà troverà i conti in ordine, sicuramente meglio di come li abbiamo trovati, troverà un rigore contabile che gli permetterà di governare con una certa agiatezza. In questo anno sono stati approvati importanti strumenti di programmazione: il Piano Strategico innanzi tutto. L’attività di programmazione è propedeutica all’attività amministrativa. Da qui a breve sarà approvato il Piano Strutturale Comunale, partiranno i lavori della metropolitana leggera, sono stati reperiti i fondi per un auditorium che servirà l’area urbana, si è messo mano al rifacimento delle reti idrica e fognaria, problemi oggi meno sentiti dai cittadini, si è risolto il problema dello smaltimento dei rifiuti mantenendo i livelli occupazionali, e lo stesso per le cooperative di tipo A, sono stati mantenuti i costi a carico dell’utente dei servizi a domanda individuale e l’elenco potrebbe continuare. Col mio voto non solo approvo e condivido l’attività dell’Amministrazione ma ne rivendico anche la paternità. Questo significa essere squadra, e il Sindaco ne è un componente, non è persona che da sola gestisce e amministra la città. Il paragone tra il Sindaco Perugini e l’ex governatore Loiero non regge, così come anche quello delle primarie è un falso problema. Proprio perché la maggioranza rivendica la paternità di quanto fatto e ancora da fare, il problema non è il candidato a sindaco ma la maggioranza di centrosinistra che si dovrà ricostituire per le prossime comunali, ponendo come discrimine della coalizione la condivisione o  meno dell’esperienza comunale a guida Perugini”. Antonio CIACCO (Gruppo Misto) “Penso che il profilo aritmetico del documento contabile abbia scarsa importanza, ma che vada valorizzato il profilo più pregnante, quello della sostanza delle cose, il bilancio consuntivo dell’azione di governo. Quello proverò ad esaminare, al di fuori della propaganda di parte, tentando di non indugiare sul terreno delle chiacchiere. Avendo come unico obiettivo quello di essere l’anno prossimo ancora classe dirigente di questa città. Gli avvenimenti politici delle ultime settimane hanno la forza di cambiamenti profondi, siamo ad uno snodo decisivo e la municipalità di Cosenza resta uno degli ultimi baluardi, delle ultime roccaforti, che voglio difendere ma senza fare lo struzzo. Siamo su un versante scivoloso dal quale però è ancora possibile non scivolare, è ancora contendibile il governo della città. Ne sono persuaso. A patto che ognuno di noi abbia il coraggio di guardare in faccia la realtà, con una assunzione di responsabilità collettiva. Non credo che nessuno voglia essere seppellito per colpa dei pochi. Lo spirito del tempo è tale qui in città da indurre la rassegnazione se non il disinteresse dei cittadini, che non generano consensi. Non si può arrivare al traguardo con ampi strati della comunità intrisi di questi sentimenti, bisogna dirlo senza reticenza. E non lo dico per autoassolvermi, nella mischia ci sono e ci rimango ma potendo dire la mia per contribuire insieme agli altri a modificare il corso delle cose. Rassegnazione e disinteresse non sono figli di nessuno, ma dell’idea che l’azione amministrativa ha segnato il passo. È sbagliata? Farei carte false per dimostrarlo ma non ci riuscirei. Le criticità sono davvero tante. Cosenza è diventata una foresta dell’amazzonia. Ma chi sta facendo la potatura? Le buche sono crateri. Il settore manutenzione non funziona, a tal punto da apparire nemico capitale dell’Amministrazione. Non bisogna fare sconti a nessuno. Ecco perché l’idea di un’azione amministrativa che ha segnato il passo è maledettamente vera, perché sta fallendo il settore nevralgico dell’azione amministrativa, quello attraverso cui il cittadino misura la cifra della qualità della vita urbana. Certo è che non si può far finta di niente. In quel settore si ha l’obbligo morale e politico di intervenire. Persistendo così le cose i cittadini elettori ci consegneranno non una sconfitta ma una Waterloo. Cambiando le cose in quel settore, il governo della città è ancora contendibile. Da questo momento in poi le scelte del Sindaco non saranno neutre, con le sue scelte o non scelte sarà responsabile del destino di tutti.  E voglio che il nostro destino coincida con una plausibile vittoria. Col Sindaco Perugini in testa. E condivido che bisogna mettere al bando le primarie fasulle e taroccate. E sono d’accordo con l’esigenza di ragionare all’interno della coalizione, ma la coalizione va costruita daccapo. Perché oggi c’è solo il PD e poi una pattuglia di consiglieri. Ma da solo il PD non ce la fa. Non riuscirà a dettare l’agenda politica alla coalizione, perché il PD in Calabria, lo ha detto anche il suo segretario regionale, non è mai nato. È un sepolcro imbiancato, per cui affidarsi al solo PD significa legarsi ad un abbraccio mortifico carico di equivoci. Anche in quest’aula ci sono equivoci, sono quelli del fuoco amico, di chi rivendica a se stesso, stando in Giunta, la facoltà di tenersi le mani libere. Ci vuole chiarezza, e per primo il Sindaco deve dire chiaro e tondo che ripropone la sua candidatura. E questa scelta di campo non può essere rinviata, necessita un pronunciamento immediato che tolga fiato alle trombe dello sciacallaggio politico. Il Sindaco ha poi l’obbligo di cambiare il corso delle cose, di cambiare registro, di uscire dalla logica di alleanze di Palazzo e dei numeri. Dire che è la presenza sul territorio che manca è parziale, bisogna andare sul territorio col cuore. Se si vive dentro la politica bisogna stare dentro le cose. Questa è la traccia giusta da sviluppare, se lo faremo eviteremo che del Palazzo si impadroniscano i berluschini nostrani”. Fabrizio FALVO (PDL) “Potrei non parlare dopo l’intervento del consigliere Ciacco che è stato incisivo. Deve arrivare il confronto sulla verità. Ciacco, forse, oggi ha svegliato le coscienze del centro sinistra in questo Consiglio comunale. Chi non vede che questa macchina da 4 anni sta correndo verso un burrone e nessuno vuole saltare giù. Continuare a dire che tutto va bene è un errore. Dire che è stato risolto il problema dei rifiuti, è una verità da una parte ma è anche un errore perché i cittadini di Cosenza si aspettano che questa sia ordinaria amministrazione. L’avere determinato una normalità è una cosa straordinaria?   I numeri del bilancio, freddi, sono importanti, ma sono d’accordo con Ciacco che stasera più che discutere di anticipazione di  cassa o di bilancio consuntivo, dobbiamo dire che non c’è una sola opera realizzata. Una amministrazione che si rispetti non può dire ‘faremo’, ma a conto consuntivo deve dire ‘abbiamo realizzato’. Dirlo in termini di ordinaria amministrazione fa davvero sorridere. Ormai siamo in una situazione di evidente disamministrazione, e non vi è cosentino che non abbia la necessità impellente di cambiare pagina. L’ultima fase del mandato dovrebbe essere indirizzata verso quella fascia di popolazione che non può contribuire in maniera seria al gettito fiscale della città”.  Gianluca GRECO (Movimento per le Libertà) “Oggi si è quasi toccato il disastro. Si è ridotto ai minimi termini lo spazio della città europea, lasciando il passo ad una politica che mira solo a intrattenere rapporti con gruppi e famiglie. Da oggi bisogna essere pronti a governare la città con un modello di governo partecipato e alternativo. E il passato non si può rinnegare, l’era del leone socialista Mancini. Cerchiamo di prendere le cose buone fatte e di accantonare le meno buone per riportare Cosenza sui livelli sociali e culturali che merita. Vogliamo una città dei ricchi e una dei poveri o una città libera? I cosentini vogliono dare alla città una impostazione unificante, mettendo da parte le ragioni del particolare. Bisogna liberare la città da lobby, l’unico indirizzo deve essere l’interesse del cittadino. La politica deve uscire fuori da queste logiche, l’azione politica non può essere centrata sulla calunnia. Da oggi il compito deve essere lavorare per unire. Guardiamo all’avvenire. La città è stanca, soffre. Bisogna partire dai servizi minimi essenziali, è vero, ma non credo che la vera responsabilità sia solo della manutenzione, vogliamo parlare dei Lavori Pubblici, di oneri di urbanizzazione accertati ma che nelle casse non ci sono? I cittadini non pretendono, ma vogliono solo i loro diritti. Dobbiamo promuovere un patto per Cosenza, per la rinascita, chiamando alla stesura tutte le forze migliori della città Il compito è difficile, il problema è la responsabilità di chi guiderà questi processi, di rilancio e di nuova centralità della città. La partita si gioca sulla politica del fare e soprattutto sui quartieri popolari che hanno perso quella dignità che vecchie amministrazioni gli avevano dato”. Massimo BOZZO (UDC) “Stasera mi rendo conto che consiglieri di maggioranza fanno interventi da consiglieri di minoranza. Il vostro è un consuntivo di fine legislatura, l’anno prossimo dovrete confrontarvi con i cittadini e dire quello che avete realizzato. Per esempio nel centro storico, per riportarvi i giovani. E pensiamo poi alle frazioni. Ho iniziato questa legislatura sapendo che erano ben rappresentate in questo consiglio, col passare del tempo ci siamo ritrovati anche due assessori originari delle frazioni a sud di Cosenza. Ma la situazione che si vive oggi in quelle frazioni è drammatica. E poi la Città dei Ragazzi, la Biblioteca dei Ragazzi. Non sono responsabilità da ascrivere ad altri. Sulle opere non realizzate, mi chiedo cosa inaugurerete tra un anno. Un collega diceva che il Sindaco è componente di una squadra, io penso che lui sia il capo della squadra, colui  che ha maggiori responsabilità ed ha fallito politicamente. L’UDC in questi 4 anni vi ha più volte teso la mano ma non ci avete ascoltato. A noi non interessano le opere faraoniche ma una città vivibile secondo standard europei. Cosenza invece diventa sempre più una città di nostalgici. Non pensate di trovare nel cilindro un nome che sostituisca Perugini e di fare battaglie sul nome. La città non ha bisogno di nomi e di spot, ma di un progetto. La città vi chiede di fermare questa agonia. Poi tra un anno il vostro vero consuntivo”. Michelangelo SPATARO (Gruppo Misto) “So che i numeri di questo consuntivo sono quelli che conosciamo da tempo, elaborati costantemente dai dirigenti, sono il consuntivo dell’azione di governo di questa Amministrazione. Ho sentito alcuni interventi e su tante questioni sono d’accordo. Condivido il ragionamento del consigliere Ciacco che ha individuato qualche problema sotto gli occhi di tutti, ma aver ascoltato De Rango sulla democrazia interna ai partiti, mi induce a ritornarvi. Perché a me sembra che anche in questa Amministrazione si stia ripetendo quello che è successo alla Regione. Ovvero, la maggior parte degli Assessori alla Regione facevano riferimento al PD e ad Autonomia e Diritti, con due varianti, quella dei Socialisti e dei Comunisti Italiani. In una Amministrazione così ampia, credo che indebolire gli alleati non serva molto Mi sembra che in città il PD non sia molto aperto con gli alleati. I Socialisti dichiarano che da qui ad un anno avranno le mani libere, IDV non è nella coalizione, e anche verso l’UDC non si è avuto il giusto atteggiamento. Non vorrei che la situazione fotocopia si stia delineando anche a Cosenza. Abbiamo aperto questa legislatura ridando alla città il primo tratto di Viale Parco, non vorrei che nella mente di qualcuno ci sia il disegno di ridare l’ultimo tratto nel periodo delle elezioni. La città non ce lo perdonerebbe. Anche la filiera istituzionale ha delle disparità, e so che qualche collega consigliere si è espresso sulla problematica del finanziamento fatto dalla Provincia a Rende per il ripristino del ponte crollato. Non vorrei che la litigiosità all’interno del PD possa ritorcersi sui cittadini di Cosenza. Il problema va risolto, ed il Sindaco, che ha dichiarato di essere alla ricerca della condivisione, credo che un ragionamento con il Presidente della Provincia possa farlo”. Giuseppe MAZZUCA (PD) “Siamo chiamati ad approvare il consuntivo per proseguire questo anno di consiliatura che consenta alla coalizione di questa città di governare ancora. In questo ultimo anno però Palazzo dei Bruzi deve parlare una nuova lingua, deve farsi chiarezza con chi ha veramente voglia di continuare il cammino con questa coalizione. È evidente che il PD ha qualche problema, anzi  - come dice il segretario regionale Guccione - non è mai nato. Ma i nostri alleati non ci danno una mano. È legittimo fare delle critiche sull’operato di una Amministrazione o richiedere ulteriori posti in altre Amministrazioni, ma si può fare se si rinuncia a stare in una Amministrazione, e mi riferisco all’esternazione dei Socialisti. Ai Socialisti chiedo, per continuare ad avere un rapporto di fiducia, di fare chiarezza. Non si può dire, fino a giugno sto dentro e poi decido. Se vogliamo continuare questo percorso, dobbiamo sapere chi vuole partecipare. Se non c’è questa chiarezza, non andiamo da nessuna parte. È un appello che allarghiamo a tutti i partiti del centro sinistra”.   Nella sua replica finale l’Assessore Lucente si sofferma in particolare sulle considerazioni del Consigliere Nucci in materia di residui attivi, relativi al 2006 e al 2009. “La comparazione non ha senso – afferma l’assessore alle politiche economiche - perchè il discorso si sostanzia nella presenza dell’equilibrio contabile tra residui attivi e passivi. Questo equilibrio sostanzialmente è presente”. Un altro aspetto sul quale si sofferma l’Assessore Lucente riguarda il richiamo del Consigliere Nucci quando affermava che nel 2006 bisognava avere il coraggio di dire che l’Amministrazione vestiva un abito consumato, vecchio. “Lo abbiamo sempre denunciato – replica Maria Lucente - si trattava di assumere un comportamento distruttivo, di dire ‘il vestito è stracciato, la città è nuda’. Quando si è in difficoltà bisogna piuttosto parlare di recupero. Lo sforzo di questa Amministrazione è stato questo, il vestito era logoro e noi ci siamo sforzati di ripararlo per crearne uno nuovo, più credibile e più serio”. Sull’intervento del Consigliere ciacco, nel passaggio che definiva il consuntivo non come semplice operazione numerica, ma come atto politico, l’Assessore Lucente concorda sul ragionamento di Ciacco rispetto  a quanto fatto e non fatto, sui correttivi da apportare alle cose che si ritengono portatrici di criticità. “È un bilancio di consuntivo non numerico che Ciacco ha fatto con passione, con la voglia di andare avanti. Cuore e passione ci sono in questo consuntivo, c’è tutto lo sforzo fatto per non lasciare questa città nuda”. Sul piano della verità  - ha detto ancora la Lucente - ha continuato il Consigliere Falbo, quando ad esempio ha parlato dell’ICI sulla prima casa che è stata tolta anche ai ricchi. “Razionalizzare le spese, rafforzare le entrate: questo è lo stile nuovo che abbiamo già inaugurato – conclude l’Assessore Lucente. Ed è uno stile di rispetto nei confronti della città. Sono certa che con il bilancio consuntivo di stasera abbiamo recuperato una dimensione di verità, la verità è che questa è una Amministrazione equilibrata, sana, che vuole solo l’interesse della città”.

di Redazione | 28/04/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno IonioNotizie per la tua pubblicità Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2020 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it