We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - L’amara diagnosi del medico Amoruso sulle amministrative passate


di PIER EMILIL ACRI - Riceviamo e pubblichiamo una nota del medico rossanese Giuseppe Amoruso, detto Tito. Lo stimato professionista, candidato con Autonomia e Diritti (con aspirante a sindaco il medico, nonché  assessore provinciale, Antonello Graziano) alla passate elezioni amministrative del 15 e 16 maggio, in cui ha riportato 102 preferenze, propone al lettore un’amara diagnosi sulla tornata elettorale. “Il rendiconto elettorale del 15-16 maggio - esordisce lo stimato professionista rossanese -  che ha sancito una eclatante vittoria del centro-destra, mi ha indotto ad alcune riflessioni. Premetto che mi sono candidato in questa consultazione, in una lista del centro-sinistra, per scelta ideologica e perché la stessa rappresentava l’unico settore della sinistra, che aveva realizzato un minimo di organizzazione, sia pure con notevole ritardo rispetto alla destra”. “Analizzando i risultati del suffragio - prosegue Amoruso - constato che il centro-destra ha evidenziato una compagine di partito unita e compatta, che ha conseguito, perciò, risultati più che brillanti. Mi sento acutamente polemico nei confronti della sinistra, che non è riuscita a compattarsi in un’unica coalizione; che non ha saputo organizzare le strategie politiche aggreganti, necessarie per continuare a parlare con la gente, interpretandone le esigenze; che si è presentata frantumata in zona Cesarini, calpestando, di fatto, la logica organizzativa e politica dei partiti”. E Amoruso così prosegue nella sua amara considerazione:” C’è da dire, poi, che i candidati della compagine di sinistra hanno riportato voti meramente personali, consensi distanti dalla realtà della ideologia politica di riferimento. Con deformazione professionale, constato, altresì, a malincuore, che nell’anatomia del consiglio comunale, gli eletti della sinistra non avranno voce in capitolo, ma potranno solo scaldare la poltrona”. “Qui a Rossano - conclude il professionista - il centrosinistra e la sinistra si sono rivelati sofferenti e malati. Dunque, vanno curati e guariti con terapie specifiche ed idonee. Si pone l’esigenza di un cambiamento radicale, innovativo ed efficace della politica democratica, che andrebbe ripensata e rivista dal fondo. L’auspicio possibile potrebbe essere quello che quanti volessero scendere in campo, dovrebbero agire nel ventaglio disciplinare dei partiti, perché la politica non va praticata in maniera personale, ma vissuta sotto l’etica ideologica, coerente ed organizzativa, rivolta al servizio dei cittadini e del vivere civile”.

di Redazione | 25/05/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it