We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Reggio Di Calabria (Reggio Calabria) - Dal 20 al 22 maggio, il Medef presenta una rassegna cinematografica, mostre e convegni


Quest’anno il Medef (Mediterranean Experiences Festival) presenta a Reggio Calabria, nell’Aula Magna del Liceo artistico “Mattia Preti” diretto dalla dirigente Maria Rosaria Rao, un programma che passa attraverso le emozioni, le ferite, i giochi di seduzione, una rassegna cinematografica di 42 film in tre giornate dal 20 al 22 maggio 2011. Sono rappresentati i paesi del Nord Africa e dell’Europa. Con due “prime” per i festival : “L’Altra Rivoluzione”, una lunga partita a scacchi simboli e reale a Capri tra Gorkij e Lenin di Raffaele Brunetti e Piergiorgio Curzi, distribuito in tutte le sale europee, in Italia è appena uscito solo come dvd, distribuito dall’Istituto Luce Cinecittà. Il secondo evento filmico – riferisce testualmente una nota stampa - è “Big Mouth” dell’inglese Henry Darke, una storia emozionantissima di formazione per un ragazzo “difficile”. In anteprima anche una sitcom in lingua italiana,  "J.J. cerca casa" diretta da un regista nigeriano Ben Oduwole. Vederemo anche oepre di due “anziani” registi “A Felicidade”, del portoghese Jorge Silva Melo, film di grande semplicità e freschezza. E “L’art délicat de la matraque”, del francese Jean-Gabriel Périot. La Giuria che deciderà il vincitore è composta da studenti I film in concorso sono 24 di 12 paesi , in tre sessioni. Per la sessione Emozioni : Il pianeta perfetto, di Astutillo Smeriglia, (Italia, 2010), A Felicidade, di Jorge Silva Melo, (Portogallo 2008),  Come a Cassano, di Pippo Mezzapesa, (Italia, 2006), Ritratto di un private banker, di Ricky Farina, (Italia, 2009), Alice et moi, di Micha Wald, (Belgio, 2004), Don’t Worry, di Giacomo Agnetti, (Italia, 2009), La via dell'Armonia, di Fabrizio Di Giammarino, (Italia, 2010) e Il Labirinto di Porsenna, di Francesco Votano, (Italia, 2011) Per la sessione Sensi : L’art délicat de la matraque, di Jean-Gabriel Périot, (Francia, 2009), Regila, di Asaf Saban, (Israele, 2009), Stato privato, di Luigi Marmo, (Italia, 2009), Afvist, di Aage Rais-Nordentoft, (Danimarca, 2009), Giuditta Levato di Mimmo Raffa, (Italia), Big Mouth, di Henry Darke, (Gran Bretagna, 2010), Kosovo, di chi ? di, Tonia Cartolano, Sky Tg 24, (Italia, 2011) The End of the Line, di Rupert Murray (Gbr), L’Altra Rivoluzione, di Raffaele Brunetti e Piergiorgio Curzi (Italia, 2011). Per la sessione Seduzione : Une leçon particulière, di Raphaël Chevènement, (Francia, 2007), Diesis 3, di Franke Frigo, (Italia, 2009), Milos Tomic Kao Vo…, di Milos Tomic, (Serbia, 2003), Anna, di Ruben Pest, (Paesi Bassi, 2009), Walrus, di Christophe Reiner, (Austria, 2009), Galetten, di John Hellberg, (Svezia, 2008) e Please Say Something, di David OReilly, (Irlanda, 2009). Per la musica, Felice Zaccheo in trio presenta uno splendido programma di Fado, la dolcissima e straziante musica portoghese, di cui si è fatto ambasciatore in Italia. Da Amalia Rodriguez ai nostri giorni. Prosegue anche il progetto di riconquista della lingua calabrese in volgare, "Hjiuri e rispetti dei Cuntruvadori calabresi del dodicesimo secolo” con Francesco Macrì che ha fatto un recupero strettamente filologico sull’endecasillabo e Pino Piromalli che ne ha reso il versante più spettacolare. Due mostre, una di pittura, rassegna di volti blues dell’anconitano Massimo Volponi e una esposizione di mobili di Michele De Maria di San Giorgio Morgeto. Due convegni :  “Profumo di Ciclamini”, sulle rivoluzioni del Nord Africa e del mondo arabo in genere con video fuori concorso, interviste ai massimi intellettuali del mondo arabo dal 2009 a oggi, che ci mostrano cosa è cambiato nel nostro mare, un’intervista di Francesco Votano, consigliere nazionale dell’unione Nazionale Cronisti, al numero due di Wikileaks, Kristinn Hrafnsson, una memoria filmata di 40 giorni tra i ribelli a Bengasi di Marco Clementi inviato del Tg 1, e gli interventi di Mimmo Candito responsabile italiano di Reporter sans frontiere e giornalisti della Tunisia, Libia e Marocco. “Nicola Zitara, un meridionalista scomodo”, con due interviste prima della sua morte, una del 2005 “Il Padronato e i ragazzi di Locri” e una del 2007, in cui rielabora la sue tesi sul meridonalismo. E poi Focus sull’Africa centrale e documentari in bianco e nero storici e rarissimi degli anni Trenta e Cinquanta sul “Contributo dell’industria all’Unità d’Italia”, uno di questi di Adolfo Pizzi.

di Redazione | 11/05/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it