We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Bari (Bari) - Nel Teatro Margherita “L’uomo senza qualità”. Video arte dal Konstmuseum di Malmö. Dal 27 aprile al 27 luglio 2011


Nuovo appuntamento con l’arte contemporanea nel Teatro Margherita di Bari con la mostra “L’uomo senza qualità - Video arte dal Konstmuseum di Malmö”, a cura di Luigi Fassi. L’esposizione – riferisce testualmente una nota dell’ufficio stampa del Comune di Bari - sarà inaugurata mercoledì 27 aprile, alle ore 19.30, e resterà aperta al pubblico fino al 27 luglio. Martedì 26 aprile, alle ore 11.30, si terrà una preview della mostra, durante la quale i giornalisti potranno osservare in anteprima le opere e ottenere maggiori dettagli sull’evento. Alla presentazione interverranno il sindaco Michele Emiliano e il consigliere incaricato del sindaco per le Arti visive Vito Labarile.   La mostra Esito di un’inedita collaborazione fra tre istituzioni europee, il Malmö Konstmuseum, il Comune di Bari e la Fondazione Morra Greco di Napoli, la mostra presenta per la prima volta in Italia una selezione di opere dell’istituzione svedese. Museo d’arte moderna e contemporanea della città di Malmö, il Konstmuseum è uno dei più antichi musei dell’area scandinava e detiene la più autorevole e significativa collezione pubblica di arte contemporanea nordica al mondo. Grazie ad una grande attività di acquisizione nel corso degli ultimi decenni, oggi copre il meglio della produzione artistica svedese, danese, finlandese e norvegese. La costruzione della collezione si è rafforzata in maniera particolare dagli anni Novanta in poi, attraverso il forte sostegno al nordic miracle, fenomeno di successo internazionale che ha visto l’arte contemporanea scandinava affermarsi in maniera globale. Il progetto “L’uomo senza qualità” prende il titolo dall’omonima opera di Lars Arrhenius del 2003 e intende presentare al pubblico italiano un esempio della complessità e della ricchezza di vent’anni di produzione video artistica nordica. Sotto la superficie del benessere sociale e dell’egualitarismo diffuso dei loro paesi, i diciassette artisti selezionati per la mostra di Bari dimostrano di aver saputo interpretare anzitempo la stagione di rivolgimenti sociali ed economici che investe attualmente l’Europa, destinata a vedere marginalizzato in modo crescente il proprio ruolo nello scenario geopolitico globale. Le opere in mostra esprimono una volontà di racconto sociale, tematizzata dagli artisti mediante la volontà di registrare indirettamente lo spaesamento politico contemporaneo in Europa, l’intersezione delle identità di genere tra il maschile e femminile e l’evolversi in termini schizofrenici di alcuni aspetti della vita privata e familiare. L’arte scandinava appare così particolarmente efficace nel saper rappresentare le inquietudini e il senso di inadeguatezza che caratterizzano una parte consistente della produzione artistica europea contemporanea. Tra paure e ossessioni, ma anche scenari spettacolari, malinconie e fantasie sfrenate, i lavori video in mostra costruiscono un’atmosfera di intensità ipnotica e di alto coinvolgimento  emotivo, per offrire allo spettatore la possibilità di esplorare il fascino dell’arte contemporanea nordica.   Gli artisti Nathalie Djurberg (SV), Santeri Tuori (FI), Lars Arrhenius (SV), Felix Gmelin (SV), Ronny Hansson (SV), Lisa Jeannin SV), Liisa Lounila (FI), Petra Lindholm (FI), Knut Åsdam (NO), Jesper Just (DN), Ann Lislegaard (DN), Annika Ström (SV), Marit Fölstad (NO), Peter Geschwind (SV), Elisabet Apelmo (SV), Stefan Otto (SV), Annika Larsson (SV).   Il curatore Luigi Fassi è il direttore di ar/ge kunst Galerie Museum di Bolzano. Nel 2008-09 è stato Helena Rubinstein Curatorial Fellow presso il Whitney Museum  ISP di New York e nel 2006 curatore ospite presso il Nordic Institute for Contemporary Art a Helsinki. Tra i suoi progetti recenti: “Artscape: Italy”, Galeri Vartaj, Vilnius, Lituania, 2010, “Theoretical Practice”, ISCP, New York, US  (2009); “Archeology of Mind”, Malmö Konstmuseum, Svezia (2008), “Baltic Mythologies”, Prague Biennale 3, Prague, Repubblica Ceca (2007). Scrive per Mousse, Artforum, Klat e Site ed è co-autore del volume Time Out of Joint: Recall and Evocation in Recent Art (Yale University Press, 2009).     Progetto di Vito Labarile e Maurizio Morra Greco Coordinamento Paola Marino  

di Redazione | 20/04/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it