We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Roma (Roma) - Alla Biblioteca Angelica di Roma incontro sul tema: “Matera come luogo di energia culturale”


In occasione della Settimana della Cultura 2011, lunedì 11 aprile, alle 18, nel Salone Vanvitelliano della Biblioteca Angelica di Roma, si terrà un incontro culturale per promuovere il ruolo fondamentale della città di Matera come luogo di energia e produzione culturali. L'incontro riferisce testualmente una nota di Sissi Ruggi addetto stampa per la Fondazione Zétema di Matera - è stato promosso dal direttore generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Mario Resca e dal direttore della Biblioteca Angelica, Fiammetta Terlizzi.   Claudio Strinati, direttore generale di staff del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, introdurrà e commenterà il tema della riunione, con la presentazione del catalogo “Requie post-necrosi di una città” di Franco Di Pede, arricchito dai commenti di Mario Resca, direttore generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale, di Mariadelaide Cuozzo, docente di Storia dell’arte presso l'Università di Basilicata e di Raffaello De Ruggieri, presidente della Fondazione Zétema di Matera.   In questa occasione sarà esposto il dipinto di Franco Di Pede “Requie post-necrosi di una città” (m. 4,5x 1,5) in un confronto analogico con l'opera “Il Bacio” di Gustav Klimt e con l’affresco della Genesi del 'Pittore dei Fiori di Matera', presente nella Cripta del Peccato Originale (sec. IX d.C.).   Il pannello pittorico di Franco Di Pede fa parte di una serie di opere realizzate dall'artista materano alla fine degli anni Sessanta, intitolate “Requie post-necrosi” e ispirate dalla condizione di abbandono dei Sassi di Matera. L'accostamento all'opera di Klimt è una provocazione intellettuale poiché anch'essa esprime forme bidimensionali intrise di forti simbolismi raccordandosi poi alle pitture rupestre materane per il fondale di corolle rosse su cui galleggiano le immagini vetero e neo testamentarie.   Il Direttore della Biblioteca Angelica, per una migliore affermazione dell’incontro, ha ritenuto di esporre per la prima volta al pubblico le vedute panoramiche della città di Matera eseguite nel 1585 da Angelo Rocca. Si tratta disegni realizzati con inchiostro ocra su carta che documentano il perimetro urbano di Matera nel XVI sec.   La serata romana sarà arricchita dalla relazione del presidente della Fondazione Zétema Raffaello de Ruggieri sul modello materano di azione culturale, un tema attualissimo in un momento in cui le scarse risorse destinate alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio culturale vanno utilizzate col massimo rigore per raggiungere risultati qualitativamente apprezzabili.   Concluderà la manifestazione una degustazione di cibi e di vini materani, a dimostrazione che anche la tradizione enogastronomica può diventare un’occasione di scambio culturale.

di Redazione | 10/04/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it