We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - L’altra metà dell’unita’. Domani in Provincia inaugurazione mostra , convegno di approfondimento e presentazione di un volume


Parte domani, lunedì 4 Aprile il primo degli eventi che la Provincia di Cosenza ha organizzato in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Ad aprire, significativamente, il ciclo di appuntamenti dedicati all’alta ricorrenza è “L'altra metà dell'Unità”, un progetto particolare dedicato al ruolo della donna nelle complesse vicende che hanno accompagnato il processo di unificazione.   Si tratta della pubblicazione di un volume e di una mostra, realizzati con la collaborazione della società cooperativa Cluster,  che raccontano, con modalità innovative, la storia d’Italia attraverso la scoperta di sorprendenti profili biografici di figure femminili, interpreti autorevoli delle vicende dell'epoca. Madri, mogli, figlie, ma soprattutto donne. Donne che hanno compiuto scelte difficili, donne che hanno messo in gioco la propria esistenza, donne che hanno stentato a essere riconosciute nella loro identità in un Paese che concederà loro il diritto di voto, al divorzio e all'aborto solo in un secondo momento.   Trenta giovani artiste, provenienti da tutta Italia, rappresentano e interpretano il profilo esistenziale di trenta donne risorgimentali, impegnate nel lavoro, in guerra, nella politica, nelle conquiste, nel rapporto con se stesse e con il proprio corpo, nella costruzione del proprio e del nostro futuro. Profili femminili da conoscere e da stimare, i cui contributi sono  nascosti dalla storiografia ufficiale. Omaggio alle donne voluto dalla Provincia di Cosenza, “L'altra metà dell'Unità” rappresenta un’ operazione culturale di grande spessore in cui passato e memoria storica si fondono, per guardare con più consapevolezza e responsabilità al futuro.   L’inaugurazione della Mostra, che rimarrà in visione per il pubblico sino al 20 aprile, è fissata per le ore 18,30 nella Sala Commissioni del Palazzo della Provincia e  sarà occasione per approfondire il tema dal quale è ispirata. Per le ore 17,30, nella Sala degli Specchi, è infatti previsto un incontro con la partecipazione dell’Assessore alla Cultura Maria Francesca Corigliano; di Luca Ardenti della Cluster Società Cooperativa; della giornalista de “l’Unità” Silvia Santirosi; del presidente Mario Oliverio. Parteciperà ancora Anna Stratigò, studiosa del Risorgimento Arbëresh e straordinaria interprete e ricercatrice musicale. La stessa Stratigò, eseguirà alcuni canti dedicati alle donne del Risorgimento, accompagnata dai maestri Spiro Pano (contrabbasso e violoncello), Checco Pallone(  percussioni), Enzo Naccarato ( fisarmonica). Per il pubblico anche un brano inedito: il testo porta la firma di Matilde Mantile Stratigò, una delle donne ritratte dalle trenta artiste, ed è una lettera da lei scritta in carcere e musicata da Anna Stratigò, sua pronipote, e da Spiro Pano.       L’ALTRA META’ DELL’UNITA’ In mostra, fino al 20 Aprile, Palazzo della Provincia, dal lunedì al venerdì- dalle ore 10,00 alle 18,00. Opere originali di: Francesca Assirelli, Birò, Zelda Bomba, Rossana Bossù, Alessandra Castagni, Anna Castagnoli, Elisa Cesari, Elda Cingolani, Allegra Corbo, Dadà Di Donna, Sabrina Esquerra, Sabina Feroci, Monica Indelicato, Rosaria Iorio, Barbara Lupo, Miss Miza, Ilaria Pigaglio, Martina Peluso, Erica Preli, Elena Rapa, Marilina Ricciardi, Felicita Sala, Silvia Santirosi, Irene Servillo, Flavia Sorrentino, Elisabetta Travet, Bruna Troise,Martina Troise, Alessandra Vitelli, Daniela Volpari.

di Redazione | 03/04/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it