We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crotone (Crotone) - 150°, il messaggio del Presidente del Consiglio provinciale, Benedetto Proto, agli studenti


<<Omaggiare questo giorno, è un dovere. Di tutti. Nessuno escluso. Questo Paese, che compie 150 anni,  ha fatto una difficile strada ed è necessario che ognuno di noi comprenda a fondo le motivazioni storiche che ci hanno reso una Nazione capace di far parte dell’Europa Unita- Sono convinto che sarebbe un tragico errore, vanificare questo cammino, faticoso, che dobbiamo non solo rispettare, ma anche e soprattutto, proseguire. Ecco perché ho deciso che il migliore dei modi che avevo era scrivere a tutti voi. A voi giovani che siete il presente, la linfa che ci condurrà nel futuro. Vi scrivo e ripenso che questa è una sfida che ci attende. Perché se è vero che questa terra a forma di stivale è varia, piana, concava, si distende sulle coste e si inerpica su cime altissime, se è vero che ritiene i suoi dialetti un valore, che ha tradizioni alle quali nessuno rinuncerebbe, né mai ha dovuto rinunciare, è anche vero che questa Patria, la sua bandiera, il suo simbolo, trattengono una dignità di cui non possiamo e non vogliamo fare a meno. Eppure esiste su di noi, una minaccia invisibile,  pericolosa. C’è chi vorrebbe dividerci, che sarebbe la causa di un indebolimento che pagheremmo a lungo. Come si può pensare di spezzare in due, alzare barricate tra nord e sud. Tutto ciò, avrebbe solo un significato, di cui già le statistiche ci indicano.  Dal punto di vista economico, di fatto,  esistono due Italie: le regioni settentrionali che competono con i bacini industriali del Nord europeo e il Mezzogiorno, sempre più vicino alle zone più povere dell'Europa. Se non si interviene su questa situazione, il processo di disgregazione del paese diventerà inevitabile. E le formazioni politiche separatiste, per quanto odiose, possono essere considerate un mero effetto, più che la causa principale di tale preoccupante fenomeno. Al contrario,  dobbiamo puntare su un'idea di Italia europea che, attraverso le strutture comunitarie, cerchi di trainare il Sud verso lo sviluppo. E’ la questione meridionale che deve essere affrontata. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, continua ad ammonire “una Italia divisa, o una macro-regione italiana diventerebbe immediatamente insignificante”. Di fronte al resto dell’Unione Europea e nel contesto geopolitico mondiale. Ecco perché questa giornata deve essere il punto di riferimento, ci deve ricordare il significato del termine Patria. Che è una parola d’amore, patria è la terra dei padri, il luogo al quale fare ritorno, o dal quale partire per concedere il proprio apporto forti di una cultura, di una identità. E’ per la Patria che molti nostri uomini hanno sacrificato la propria vita, altri sono sui fronti tutt’ora. E’ quando intoniamo l’inno di Mameli  “Fratelli d’Italia” che ci sentiamo tutti uguali, è quando sentiamo parlare la nostra lingua in un Paese straniero che ci riconosciamo, è quando vogliamo dimostrare, protestare,  partecipare, che sventoliamo la nostra bandiera. Perché, nonostante qualcuno abbia intenzione di dimostrarci il contrario, noi siamo e resteremo un popolo. Il Risorgimento, la Resistenza, la Costituzione, sono i capisaldi sui quali poggiare le nostre nuove fondamenta. Perché è nella Carta fondamentale che si cela quanto la storia ha scritto, e la nostra storia parla di senso dello Stato. Una Costituzione, la nostra,  che è ancora pienamente da compiere e che ci detta i principi in base ai quali quelle parole, di speranza, di democrazia, possono diventare realtà concreta. Perché questo avvenga devono essere i cittadini di questo Paese che devono agire, con grande senso di responsabilità. Questa Repubblica Democratica e la sua regola fondante ci garantiscono la cosa più importante che un uomo deve possedere. La libertà. Che deve percorrere l’Italia. Tutta, intera. Ippolito Nievo che di cotanta bellezza e amore non ha avuto il tempo di vivere già diceva della sua Italia “dall’Alpi alla Sicilia, è tutta una casa. L’abito con un solo sentimento che non morrà mai, neppure colla mia morte”. Rischieremmo di diventare un nulla se ci lasciassimo vincere dal desiderio brutale di abbandonare una parte viva del Paese, che chiede con forza che venga messa nelle condizioni di crescere e di svilupparsi. Altre soluzioni sono, a mio parere, da intendersi fuorvianti ed antidemocratiche. Se le premesse sono quelle inizialmente esplicitate, quale parte della frammentazione del Paese dovrebbe essere fatta a favore del Mezzogiorno. Ed il resto dell’Italia, arricchita da donne ed uomini del Sud, non potrebbe diventare, come avverte il Presidente Napolitano “un Paese monco”. Senza prospettive? E sconfitto, proprio perché diviso? Sconfitto non da un nemico, ma da se stesso. Al terzo articolo, la Costituzione italiana afferma  “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. E’ compito di questa Repubblica, una ed indivisibile. Buona festa dell’Unità a tutti voi>>. Benedetto Proto - Presidente del Consiglio provinciale di Crotone

di Redazione | 18/03/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia IonioNotizie per la tua pubblicità bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it