We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Corigliano Calabro (Cosenza) - Fabio Salvatore protagonista di “Incontro con l’autore”


  “Una serata speciale per un giovane eccezionale”. Questo, ad onor del vero, dovrebbe essere il titolo della manifestazione organizzata dalla Libreria Aurora di Corigliano domenica ventuno marzo u.s. dal titolo “Incontro con l’autore”, che ha avuto come protagonista il giovane attore, regista e scrittore Fabio Salvatore, pugliese che vanta origini coriglianesi.          Fabio Salvatore, formatosi sotto la guida di Veneziano Corrado, già titolare della cattedra di Linguistica nella prestigiosa Accademia di Arte Drammatica Silvio D’Amico e perfezionatosi in stages e seminari diretti da Giorgio Albertazzi, Enzo Garinei e Jenni Tamburi, è uno degli attori emergenti italiani. Basti pensare che il Nostro vanta partecipazioni ad importanti produzioni televisive e cinematografiche come “Il grande Torino”, “il Pirata - Marco Pantani”, “i colori della gioventù”, “Carabinieri” e “Two families”.          Le sue “passionacce” sono la regia e la scrittura. Dirige con gusto e competenza lo spot “La tua vita è solo tua” (Comunicazione Mediaset per il sociale) e “La vita di sempre” (Comunicazione Rai e Mediaset). E’ autore del romanzo “Cancro non mi fai paura” (ben due ristampe in meno di un mese)  e “La paura non esiste”.          Nel primo romanzo Fabio Salvatore racconta il suo “incontro” con il cancro, con il cosiddetto “male incurabile” o, come si dice ancora da noi  con “Un brutto male”. Infatti, all’età di venti anni è colpito dal cancro e lo debella ed oggi egli è il portavoce di che lotta quotidianamente con il cancro e con il male in generale.          Tornando alla manifestazione di domenica ventuno marzo, primo giorno di primavera,  alla presentazione del romanzo “La paura non esiste” (Aliberti editore, gennaio 2010, pagg. 240, prezzo euro 16,00, con il ricavato dei diritti d’autore che sarà devoluto all’Associazione Nuovi Orizzonti) possiamo ben dire di aver vissuto uno di quei momenti che lasciano tracce indelebili nel cuore e nella mente: un’occasione speciale con un giovane semplicemente eccezionale. Presenti il sindaco di Corigliano Pasqualina Straface, il deputato al Parlamento nazionale Giovanni Dima, l’ex sindaco di Rossano Giuseppe Caputo e tanta bella gente proveniente da tutta la Sibaritide, ho avuto la gioia di presentare e coordinare lo “Incontro” con Fabio Salvatore.    Nonostante qualche lustro di differenza, come età anagrafica, ci siamo subito sintonizzati sulla stessa lunghezza d’onda che ha tre parole chiave: fede, rispetto, coraggio. La manifestazione è stata impreziosita dal dibattito con il pubblico e dagli interventi del medico-scrittore Serafino Lefosse, che ha ben saputo dissertare sull’importanza del registro dei tumori nella nostra regione e sul cancro esaminato dal punto di vista clinico, nonchè  del cancelliere Vincenzo Filippelli che, pur vivendo su di una sedia a rotelle (la sua Ferrari a due ruore senza motore)  “per colpe non sue” ma per tutta una serie, che definisce, “errori ed orrori”. Filippelli, che presto pubblicherà un’opera sulla sua vicenda umana, ha il coraggio di andare a lavorare superando con dignità barriere architettoniche insormontabili “per gli altri”, per “chi ha paura”. Una serata fuori e al di là dai soliti schemi e il dibattito, soprattutto con i giovani, venuto fuori senza “paura”, senza fronzoli, senza mezzi termini, ha messo in risalto la grandezza di Fabio Salvatore che con semplicità, con schiettezza, con coscienza, con ingegno ha saputo penetrare nel cuore dei presenti. Ma Fabio Salvatore viene da una scuola, quella di “Don Tonino Bello”, che è la scuola dell’Amicizia (con la a maiuscola) con Dio e con il prossimo, della fede come vera chiave di lettura di ogni tipo di dolore, della malattia vista in modo positivo che consente di vivere, non sopravvivere, in una società che rifiuta il dolore degli altri e che non accetta il dolore proprio, di una società nella quale “tutti siamo abbastanza forti da sopportare i mali altrui” (Massime de La Rochefoucald)  Fabio Salvatore con il suo messaggio d’Amore aiuta a vivere con il cancro e a “comprenderlo”, ad affrontare il mondo attraverso la malattia. “Il malato - ci rammenta a più fiate - ha la visione umana di Cristo. La Vita di Fabio Salvatore (in tutte le sue estrinsecazioni) è un vero inno alla Vita che egli canta ogni qualvolta apre bocca: che bellezza ascoltarlo. Soprattutto quando ci dice:”Io del cancro ne ho fatto una gioia”.                                                                                                                           Pier Emilio Acri    

di Redazione | 27/03/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it