We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Il Presidente della Provincia in conferenza stampa illustra i tagli finanziari dello Stato agli enti locali


“Una manovra, quella estiva convertita con la legge 122, che taglia in maniera drammatica i trasferimenti dello Stato agli enti locali che da oltre 10 anni sono chiamati ad offrire un significativo contributo al miglioramento dei saldi di finanza pubblica e ai quali è stato chiesto un ulteriore sacrificio. I Comuni devono concorrere per oltre 1.500 milioni per il 2011 e 2.500 per il 2012, mentre le Province per 300 milioni per il 2011 e 500 milioni a decorrere dall’esercizio 2012, con un impatto significativo sulle proprie finanze. Ciò, con una impostazione unilaterale che non ha tenuto conto delle osservazioni delle autonomie locali. Non si tratta di un provvedimento che richiama alla responsabilità ma spinge alla disarticolazione del Paese. Ed è questa  nella sostanza, una vera “polpetta avvelenata l’”antipasto” al Federalismo Fiscale che una volta attuato avrà effetti devastanti, soprattutto nel Mezzogiorno.” Così il Presidente della Provincia Mario Oliverio (nella foto) in una conferenza stampa che ha contato la presenza del presidente del Consiglio Provinciale Orlandino Greco e del dirigente del Settore economico finanziario dell’Ente  Antonio Molinari, servita a informare, soprattutto, su quanto accadrà nei prossimi mesi alla luce del provvedimenti di taglio agli enti locali e degli effetti conseguenti sui loro Bilanci. Un  incontro con gli organi di informazione al quale hanno massicciamente partecipato Sindaci ed amministratori del territorio che hanno voluto intervenire palesando le proprie preoccupazioni e  portando testimonianze puntuali che sono suonate come vere grida di allarme, spesso di impotenza, rispetto alle condizioni in cui versano i Comuni amministrati. “ La Provincia di Cosenza- ha detto il Presidente Oliverio- rispetto ad una media stabilita in 5 euro pro capite, si vede decurtata risorse per 11 milioni e 300mila euro  rispetto ai  3 milioni e 900mila euro preventivati. Il dato più generale parla di una ulteriore decurtazione di circa 15 milioni di euro per gli enti locali superiori ai 5000 abitanti. Questo si traduce in risorse in meno per tutto territorio provinciale, quantificabili in più di 26 milioni di euro. Analizzando i dati del provvedimento si nota una media di circa 2 euro pro capite al Nord contro  i 17 del  Sud. Per fare due esempi:  la Provincia di Milano subisce una decurtazione pro capite di 1 euro ( per circa 700mila euro complessivi) contro i 18 euro della Provincia di Cosenza corrispondenti a 11 milioni e 300 mila euro. Questo è già federalismo fiscale. La Giunta provinciale ha già deliberato di dare mandato all’Ufficio Legale dell’Ente di impugnare il Decreto del Ministero dell’Interno dell’1-12-2010 in base al quale si è venuta a determinare la drastica riduzione dei trasferimenti destinati alle Province.” “ Per quanto riguarda la Provincia di Cosenza- ha ancora evidenziato Oliverio- la decurtazione  è stata calcolata non esclusivamente su trasferimenti erariali, per come previsto dalla normativa, ma anche su due funzioni trasferite dallo Stato, Mercato del Lavoro e Anas, le cui spettanze corrispondono a circa 31 milioni di euro.  A fronte di queste condizioni risulta difficile approvare il Bilancio di Previsione annuale e certamente impossibile la Programmazione Triennale in quanto i tagli del 2012 saranno decisamente superiori, quantificabili in circa 19 milioni di euro.” “ Certamente le altre Province del Sud, dati i tagli notevoli operati proprio sugli enti locali di questa parte del Paese, avranno le stesse grandi difficoltà. Una impostazione distorta, che non tiene in nessun conto le condizioni economiche e sociali, per la quale il prezzo pagato dal Mezzogiorno sarà salatissimo. Oggi si taglia sui trasferimenti erariali ai Comuni con popolazione superiori ai 5.000 abitanti; domani saranno più che probabili effetti a catena. Il primo passo per minare la stessa unità d’Italia. Un percorso che sembra scientificamente stabilito al quale occorre opporre un fronte unitario quanto più largo possibile, che la Provincia intende contribuire a formare e sempre più rafforzare. E’ proprio nei momenti di difficoltà profonda che è richiesto agli amministratori, chiamati a rappresentare i cittadini,  di rimboccarsi le maniche e difendere non interessi di parte ma gli interessi delle comunità, difendere il futuro che, stanti le condizioni che si palesano, sarà durissimo. ”

di Redazione | 21/01/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it