We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Sezze (Latina) - Stagione teatrale “Sezze In - Con- Tra il teatro” (II edizione) presenta: “Opera d’arte”


Giunge a conclusione la stagione teatrale “Sezze In - Con- Tra il teatro”, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Sezze. L’ultimo spettacolo dal titolo “Opera d’arte”, a cura dell’Ass.ne “Fools” di Roma, andrà in scena il 05 gennaio alle ore 21.00. L’opera presentata in anteprima nazionale è patrocinata dall’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”. Il testo di Riccardo Puccini è interpretato da Daniele Mazzocchi, Antonio Piaggio e Luigi Orfeo, a cui è affidata anche la regia con l’ausilio di Loredana Loffredo. Il nuovo spettacolo dei “Fools”, prodotto a Parigi nel settembre 2010, è una commedia divertente e mai banale. Lo spettacolo ha tutti gli ingredienti di una storia universale: cos'è l'amicizia? Cos’è l’arte? “...Un'opera intelligente, sottile, dal ritmo incalzante e spesso esilarante, che evidenzia come un fatto del tutto banale possa far scatenare contrasti e conflitti inconfessati e avvelenare anche i rapporti più consolidati....”, dichiara il regista. In scena tre amici, Diego un dentista, appassionato di arte contemporanea, Luca un  avvocato penalista, dai gusti più tradizionalisti, e Andrea un rappresentante della Buffetti che tiene molto ai suoi due amici e non vuole perderli. Diego, un giorno, compra un quadro «bianco» per quarantamila euro, ma Andrea non approva. La diatriba che si scatena e che degenera facendo insorgere paranoie e incompatibilità tra i due amici costringe Andrea a fare da paciere, complicando ancor di più le cese. Sotto la superficie, la commedia esplora con estrema ironia la profondità e la complessità dell’amicizia. “Quando mettemmo su la compagnia dei Fools – spiega Luigi Orfeo- non fu per una scelta estemporanea, ma fu perché, un po’ per caso un po’ per destino, ci ritrovavamo a lavorare sempre insieme. Fu perchè a tutti piaceva come lavoravamo insieme, fu perché venivamo quasi tutti da una realtà di gruppo come l’Accademia, fu perché eravamo nauseati dall’idea dell’attore mercenario, che presta il suo mestiere a progetti di cui non condivide contenuti e risultato, fu perché volevamo tutelare il nostro percorso di studio, ricerca e formazione, fu perché volevamo creare un luogo dove l’artigianato teatrale, onesto e faticoso, fosse il mezzo per costruire storie e spettacoli, e pazienza se non girano tanti soldi, fu perché in scena volevamo continuare a giocare, fu perchè avevamo molte cose da dire e tutt’ora le abbiamo. Così fu, ed oggi è…”.

di Redazione | 01/01/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it