We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Milano (Milano) - "L'INTERVENTO” Principia Bruna Rosco: Camillo De Milato, storia di un generale, di un uomo per la nazione


<< “Umano troppo umano” di Friedrich Nietzsche, mai frase è così appropriata ad un personaggio del nostro tempo come al Generale Camillo de Milato. Ecco un breve compendio della sua storia: “Generale Camillo de Milano, proveniente dal Comando di Corpo d’Armata Nato di Reazione Rapida di Solbiate Olona, dove è stato Capo delle Operazioni e Capo di Stato Maggiore.  Dal 10 novembre 2006 è alla guida del Comando Militare Esercito Lombardia. Ha prestato servizio a lungo in Comandi Nato e Internazionali. Nel 2000 è stato responsabile Nato e Osce della sicurezza nelle prime elezioni libere in Kossovo. Per tre anni addetto militare aggiunto all’ambasciata d’Italia in Turchia. Parla correntemente l’inglese ed è laureato in Scienze delle relazioni internazionali e diplomatiche e in Scienze strategiche. E’ sposato e ha due figli: Andrea e Cristina. L’amore per la Patria è ciò che unisce il Generale Camillo de Milato all’Esercito, raro esempio di chi lotta per non lasciare morire il suo bagaglio militare acquisito sul campo che gli ha dato un senso compiuto d’italianità. Per adempiere le formalità del suo ruolo, per forza maggiore, è sotto i riflettori delle luci della ribalta, ma questo significa anche avere la fortuna di conoscerlo, per scrivere questo articolo e sottolineare il carattere dell’uniforme, della veste che introduce il portamento dal quale emerge la personalità. Il Generale è fiero di indossarla perché simbolo di un’esistenza spesa al servizio della Nazione. Anche a mio avviso, la divisa esprime le proprie convinzioni, significa la costanza, l’adempimento del dovere, garanzia di credito che introduce un dialogo ideologico ed è, pertanto, oggetto di rispetto. Il Generale Camillo de Milato è un Personaggio, non perché insignito di importanti e solenni encomi come l’Ambrogino d’Oro, la Benemerenza della città di Milano, ma perché è un professionista militare con pochi eguali, nonché uomo intelligentissimo e modestissimo allo stesso tempo. L’ho osservato per un intero anno, ho scoperto di volta in volta particolari inediti quali gli audaci riscontri sulla missione nella guerra dei balcani, piena di sfolgoranti azioni volti alla pace nel Mondo. Sono rimasta impressionata dalla sua grande professionalità, sempre padrone della materia militare e dalla sua gentile disponibilità, rimanendo affascinata da tanta capace determinazione. Per me, e non solo per me, rimarrà una delle più belle figure di soldato che ho avuto la fortuna di incontrare nella mia vita. E’ stato uno di quegli incontri che non si dimenticano. Per ricostruire la sua storia, la sua vita di uomo e di soldato, non mi rimarrà che scrivere un lungo romanzo ma, per questo mi riprometto di farlo in seguito, perciò, in questo piccolo articolo non posso che rilevare che un Uomo e Generale come Camillo de Milato, che ha scritto nella storia contemporanea eroiche pagine con discrezione e umiltà, è un Valore e un Onore per tutto l’Esercito Italiano e per l’Italia. Non sono militare, non so mettermi sull'attenti, sono solo una reporter che sa, però, riconoscere il fondamentale ruolo e l’effetto che una persona come lui esercita e produce sulla nostra Nazione. Ammiro il suo contributo come quello di apprezzare e lodare i nostri ragazzi che vanno al fronte per missioni di pace, alcuni morti nell’adempiere il proprio dovere, di cui l’Esercito Italiano è fiero.  Pur nella sua giovane età, è un saggio, un’anima bella, aperta alla Patria e al Mondo, che ci fa toccare con mano la verità e sperare nella pace. “Il valore della vita è nell’uso che se ne fa” dice il Generale. E, su questi pensieri dobbiamo meditare, se vogliamo vivere con la certezza che ci sono persone come lui che subordinano la loro vita alla nostra. Nessuno è sufficiente a se stesso e, questo, non deve essere mai vergogna. Il nostro errore è di vedere la morte davanti a noi mentre essa è alle nostre spalle, perciò, non ci deve far paura la verità dell’obiettivo: la pace nel mondo, se vi sono uomini d’intelletto, d’azione e obbiettività come il Generale de Milato. Mi scuso per altri Grandi Ufficiali, ugualmente personaggi che sostengono i valori del loro lavoro, meritevoli di essere menzionati per il loro contributo che nessuno mai potrà cancellare. Come cronista faccio parte di coloro che hanno seguito e sostenuto per un lungo periodo di tempo le vicende, le crisi e i successi delle nostre Forze Armate: l’Italia ha bisogno di un Esercito che non deve essere defraudato dei suoi poteri la cui fiamma deve rimanere sempre accesa. Da due anni ho sposato in pieno il progetto siglato il 5 ottobre 2009 dal Comandante Generale Camillo de Milato e dal dott. Giuseppe Colosio, dirigente scolastico Regionale Lombardia, incoraggiato dai ministri Gelmini e La Russa. La sinergia tra l’Esercito e la Scuola, si chiama “Allenati per la Vita” e prevede dei corsi teorico/pratici per avvicinare la realtà scolastica alle Forze Armate. Tale realtà è vissuta dai ragazzi anche come stimolo per toccare con mano i valori della lealtà, dello spirito di corpo e di squadra, oltre ad acquisire senso di responsabilità e rispetto delle regole e dei principali valori della vita. La cosa importante da sapere è che questo percorso educativo serve soprattutto a contrastare il bullismo grazie al lavoro di squadra che determina l'aumento dell'autostima individuale e il senso di appartenenza a un gruppo. L'Esercito, nella persona del Generale de Milato, si è occupato anche di un concorso civico-letterario, sotto forma di lettera agli amici militari impegnati in Operazioni di Pace come quelle in Afghanistan, raccolte in un libro pubblicato dalla Mursia, che ispirano la crescita culturale del ragazzo. Inoltre, il Generale Camillo de Milato si è occupato dell’Expo 2015, finalizzato al progetto di candidatura della Città di Milano come sede dell’Esposizione Universale 2015, voluto e proposto dal Sindaco e sostenuto dal Presidente della Provincia e dal presidente della Regione Lombardia. Questo progetto si propone di tracciare un quadro futuro degli sviluppi e dei risultati che l’Esposizione potrà offrire, con un richiamo agli esiti delle ultime edizioni che si sono svolte in Europa (Lisbona, Siviglia, Hannover e Genova).  Di per sé, il Generale promuove il rilancio della funzione di Milano e del territorio come “motore” dell’innovazione economica, culturale e sociale e che, mentre riqualifica l’immagine e l’identità urbana, ridisegna i processi di mutamento che caratterizzano la vita della comunità milanese e del suo territorio, proponendo un insieme di profonde e accelerate trasformazioni. Come ho solo accennato, il Generale si occupa di sociale perciò sostiene molte Associazioni e, fra queste, la Fondazione Donna Milano che, fra le tante cose, cura anche le donne del Ghana. Principia Bruna Rosco

di Redazione | 30/12/2010

Pubblicità

cinema teatro sanmarco rossano vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile Il libro...mio amico 2017


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it