We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Altomonte (Cosenza) - “Identità ribaltate”, mostra personale di Zefa Paci


Zefa Paci è un'artista poliedrica nell’utilizzo di diverse tecniche, dall’acquerello alla pittura, fino a sperimentare figure antropomorfe realizzate giocando e trasformando gli oggetti a sua disposizione. L’artista cosentina espone da ieri 19 dicembre fino al ventinove presso il Bar “Città del Sole” nel suggestivo centro storico di Altomonte, dove ha avuto luogo l’inaugurazione della mostra alla presenza dell’artista dagli addetti al settore e dagli amici, tutti hanno apprezzato il lavoro originale e contemporaneo. Molte sono i pezzi esposti dall’artista di origini siciliane ad Altomonte, tra i lavori presenti ricordiamo le opere su tela dipinte sul retro. In questi lavori il telaio, diviene una sorta di finestra dalla quale la Paci ci trasporta e ci mostra una realtà fatta da tanti personaggi che “espongono” le loro molteplici identità. Le tele, infatti, nel loro insieme diventano una sorta di mappa identitaria di una società che sempre più spesso non guarda le cose in  modo diretto, ma osserva il mondo attraverso le tante finestre di windows.  Il ritratto diviene per la Paci un modo per creare una sorta di catalogazione di tanti personaggi per lo più adolescenti che ritroviamo nello sterminato archivio di Facebook.  Oggi, infatti, i social network sono divenuti i mezzi preferiti per la comunicazione per i ragazzi e per la Paci, sono diventati i mezzi d’osservazione privilegiati che gli permettono di captare ed esporci un nuovo modo di percepire il mondo dalla società contemporanea. La Paci vuole sottolineare attraverso i suoi lavori, una società che rischia di soffermarsi, ormai sempre più spesso alla semplice apparenza delle cose, senza capire che solo attraverso una visione meno superficiale di ciò che ci circonda si può conoscere e apprezzare anche il lato nascosto del  mondo che ci circonda.  Interessanti sono anche una serie di lavori Antropomorfi - una sorta di OGM - non esposti ad Altomonte, che la Paci sperimenta già da qualche anno.  L’artista, infatti, utilizza spesso piccoli oggetti che trasforma come un alchimista in un laboratorio segreto, determinando così nuovi oggetti che perdono la loro funzione originaria e il loro significato per acquistarne altri, ricchi di simbologie che rimandano alla vita, ma soprattutto al suo vissuto personale e autobiografico.

di Redazione | 20/12/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it