We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Reggio Nell'emilia (Reggio Emilia) - Sindaco e autorità hanno dato il benvenuto ai migranti di Reggio Emilia divenuti cittadini italiani


“Solo chi si sente a casa e accolto può dare un contributo alla comunità”, ha detto il sindaco Delrio (nella foto) – Presenti all’incontro anche il prefetto De Miro e rappresentanti di Comune e Provincia – Sono oltre 400 – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Reggio Emilia - le persone di diversi Paesi che hanno ottenuto la cittadinanza nel 2010. In un clima di grande emozione, i migranti di diversi Paesi divenuti cittadini italiani nel 2010 hanno partecipato oggi, sabato 18 dicembre, “Giornata internazionale dei diritti dei lavoratori migranti e delle loro famiglie”, nella Sala del Tricolore di Reggio Emilia, a un incontro nel corso del quale le autorità hanno dato loro il benvenuto nella comunità locale. Ad accogliere molti degli oltre 400 nuovi cittadini reggiani vi erano il sindaco Graziano Delrio, l’assessore comunale alla Coesione e Sicurezza sociale Franco Corradini, l’assessore provinciale alla Sicurezza sociale Marco Fantini, il prefetto Antonella De Miro e i consiglieri comunali.  “Il tema della cittadinanza ci è molto caro – ha detto il sindaco Delrio – perché solo chi si sente a casa e si sente accolto ha la possibilità di dare un contributo alla comunità. Cittadinanza vuol dire infatti far sentire tutti importanti per la costruzione della comunità, senza nulla togliere ai doveri. Rispetto a questo tema – ha annunciato tra  l’altro il sindaco - stiamo lavorando a una campagna nazionale per la promozione della cittadinanza per i bambini nati in questo Paese. Fare parte di una comunità significa conoscere la storia, la cultura, le leggi del paese in cui si vive, ma significa anche non abbandonare la propria cultura, perché l’identità è il contatto tra le culture. Se ci chiediamo perché a Reggio Emilia le virtù civiche sono così importanti, dobbiamo ricordare che questa sala in cui ci ritroviamo, che era l’archivio ducale, è diventata la sala delle riunioni più importanti della città, grazie al contatto con la rivoluzione francese, con ideali che venivano da oltralpe di libertà, fratellanza e uguaglianza, che cambiarono la storia di questa città e del nostro paese. Ognuno porta il suo pezzo dentro l’identità collettiva. Vi chiediamo quindi di continuare ad essere attivi, a partecipare alla vita della città, per formulare insieme il messaggio della convivenza”.   “L’incontro di oggi – ha aggiunto l’assessore comunale alla Coesione e sicurezza sociale Franco Corradini – è un atto importante per promuoverne la partecipazione dei nuovi cittadini italiani residenti a Reggio Emilia alla vita sociale, un atto concreto che valorizza la presenza in città di tante persone che contribuiscono al benessere di tutta la  comunità. In questo modo, il Comune si fa carico di un percorso di dialogo che, pur se faticoso, è fondamentale per la convivenza”.  

di Redazione | 19/12/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 cartolandia nuovo 2015 studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it