We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Caritas, aiutate migliaia di famiglie. I volontari nell’area urbana. Presto anche a Mirto


Migliaia, tra individui e famiglie assistite, aiutate, supportate, facilitate, ogni giorno, nella ricerca di un lavoro o di una casa. Vicinanza materiale e spirituale.  Conforto e soluzioni ad innumerevoli situazioni di disagio. Con la fine dell’anno, la Caritas prova a fare un primo bilancio delle attività svolte e dei risultati ottenuti. Ed alla vigilia del suo terzo anniversario (il prossimo 29 gennaio), il Centro di accoglienza Beato Giovanni XXIII, di Rossano scalo più le sedi periferiche di Schiavonea, Rossano e Corigliano centro storico, possono dirsi più che soddisfatti per quanto messo in atto fino ad oggi. E’ prossima, tra l’altro, - riferisce testualmente una nota di Lenin Montesanto Comunicazione e lobbying – l’apertura di una nuova sede a Mirto Crosia, per rendere ancor più capillare il lavoro dei tanti volontari e assicurare sull’intero territorio dell’intera Diocesi i servizi oggi offerti nell’Area Urbana. Dalle opportunità lavorative, ai pasti caldi, dai viveri alla consulenza medico-legale, fino alla messa a disposizione, per tanti, di un tetto sotto il quale poter dormire. È ai volontari della Caritas, che dedicano tempo prezioso della loro vita alle persone meno fortunate e alla beneficenza in spirito solidaristico, che l’Arcivescovo di Rossano-Cariati Mons. Santo Marcianò e il responsabile della Caritas Don Vincenzo Miceli, - prosegue il comunicato stampa -  si rivolgono per ringraziarli dell’apporto prezioso ed indispensabile donato. La presenza della Caritas, in questi tre anni, nella sola Rossano, attraverso il servizio mensa aperto 365 giorni l’anno dalle 18 alle 19.30, ha permesso di fornire un pasto caldo e un pranzo a sacco ad oltre 600 persone che ne hanno fatto richiesta. Presso la Chiesa di Santa Maria della Pace in Via Giovanni XXIII, oltre 360 persone, tra famiglie e singoli individui italiani e stranieri, non solo residenti, hanno usufruito del pernottamento notturno e della prima colazione per una media di 15 giorni all’anno. In casi particolari, diverse proroghe, sono state effettuate per sostenere situazioni di maggiore disagio che richiedevano un intervento di più lunga durata. Nel centro storico di Rossano, in Via San Bartolomeo, oltre 1.350 famiglie, hanno avuto la possibilità di percepire viveri, abiti usati e di usufruire del centro di ascolto alla presenza di personale medico competente. Anche a Rossano Scalo, presso l’ex delegazione comunale, con l’istituzione del centro di ascolto Maratanà, in tanti hanno trovato risposte e persone competenti disposte ad ascoltarli ed a trovare soluzioni adeguate anche da un punto di vista legale. Gli stessi servizi sono stati garantiti nel centro storico di Corigliano in Via S. Antonio e a Schiavonea in Via S. Maria di Nives. Infine, una ulteriore funzione di estrema importanza e rilievo sociale, che ha assunto la Caritas, è stata caratterizzata dal ruolo di intermediazione tra domanda e offerta lavorativa. In tanti, grazie alla passione e all’impegno dei volontari, del responsabile del centro e dell’Arcivescovo Marcianò, hanno avuto la possibilità di trovare lavoro e di uscire dallo stato di indigenza in cui versavano. – Un lavoro prezioso, spesso sotterraneo e silenzioso, che al di là delle fisiologiche e circoscritte situazione di disagio che possono degenerare e capitare in qualsiasi famiglia, rappresenta il più autentico ed esemplare valore aggiunto, in termini di concreta solidarietà umana, soprattutto nei nostri territori e nella contingente crisi nazionale.

di Redazione | 17/12/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it