We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Il palazzo di S. Lucia, diventato sede del settore cultura, ricorda in una targa le cinque famiglie che ne fecero dono al Comune


È proprio vero, la storia di una città passa attraverso la storia delle sue famiglie. Cinque sono quelle che un tempo abitarono il palazzo che, dal 2007, ospita il settore cultura dell’Amministrazione comunale, nel quartiere detto di Santa Lucia, cuore del centro storico. Per tutti un tuffo nel passato che rivive nelle parole della signora Converso quando racconta di se stessa e degli altri  bambini del palazzo, “quest’atrio era il nostro parco giochi, perché fuori dal portone – ricorda – non potevamo andare”. Con i Converso, ci sono i Perciavalle, i Rao, gli Spadafora, i Tignanelli. Nessuno- riferisce testualmente una nota dell’ufficio stampa del comune di Cosenza -  ha fatto mancare la sua presenza e, con essa, il suo ringraziamento al gesto dell’Amministrazione Perugini di voler allocare – proprio in quell’androne, oggi prestigioso ingresso degli uffici comunali – una targa marmorea che ricorda l’atto di generosità di quelle famiglie. Che il loro palazzo lo donarono al Comune per vederlo rinascere, grazie ai finanziamenti del cosiddetto Contratto di Quartiere S. Lucia. Quel rudere, ritornato palazzo, ha restituito così un patrimonio archeologico di straordinaria rilevanza. Anche questo è giustamente ricordato nella targa marmorea, che recita “Palazzo del XV secolo costruito sui resti di un edificio termale di epoca romana”, e – merito a chi ha curato la ristrutturazione – una buona parte di quelle terme romane sono lì, visibili a chiunque faccia ingresso nel palazzo e passeggi sul pavimento di vetro che sotto di sé svela un tesoro che emoziona. Alla mano del Sindaco Salvatore Perugini (nella foto) , insieme a quella dei rappresentanti delle cinque famiglie protagoniste dell’atto di donazione, il giusto privilegio di scoprire quella targa che – nei sentimenti del Primo Cittadino – è il modo di dire “grazie per il bene che avete donato alla città, all’istituzione il compito di saperlo conservare e valorizzare. Senso della memoria e senso della collettività – ha detto il Sindaco Perugini – sono valori da rinverdire e dei quali condire il futuro se vogliamo che sia davvero migliore. Accanto ad altri  gesti di generosità che vengono ricordati – ha concluso - anche il vostro dono di un bene personale all’Amministrazione comunale, che è la famiglia di tutti i cittadini, è meritevole di ricordo e, soprattutto, di un segno tangibile che ce lo ricordi sempre”.

di Redazione | 17/12/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it