We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Longobucco (Cosenza) - Dissesto idrogeologico, l'esecutivo comunale fa chiarezza sui finanziamenti


di FRANCESCO MADEO - L’amministrazione comunale, tramite un comunicato del sindaco Luigi Stasi (nella foto) intende far chiarezza circa i fondi destinati al Comune di Longobucco, tramite “L’Accordo di Programma Quadro (APQ), con il Ministero dell’Ambiente, per la mitigazione del rischio idrogeologico”. “L’Accordo –scrive il primo cittadino- , prevede per la Calabria un finanziamento di 220 milioni di euro, mediante l’utilizzo di fondi “ordinari” già destinati alla nostra regione. Il Piano che verrà attuato in due fasi, ha programmato e finanziato gli interventi prioritari che gli eventi calamitosi degli ultimi anni hanno reso urgenti ed improrogabili. Nella prima fase, finanziata con fondi nazionali e già disponibili, per il Comune di Longobucco è stata inserita la somma di un milione di euro ed un altro milione sarà inserito nella seconda fase, da realizzare con fondi FAS. Queste somme –continua la nota del sindaco- si vanno ad aggiungere a quelle già ottenute (altri 3.800.000 di euro) in questi tre anni, sempre per la difesa del suolo e la mitigazione del rischio idrogeologico. Una somma complessiva quindi di 5.800.000 euro con cui si potranno mettere in sicurezza alcune delle aree più a rischio. Tutto ciò grazie al costante impegno prodotto dal Comune di Longobucco sin dal 2007 per ottenere finanziamenti destinati alla tutela ed alla difesa del territorio. Alcune delle risorse disponibili –comunica il sindaco Luigi Stasi- sono già utilizzate per la messa in sicurezza della parete sx del Macrocioli. Con altre verranno realizzati interventi per i quali si sta completando la procedura di gara d’appalto. Non appena la Regione ci darà il via, verrà avviato l’iter per l’utilizzazione di questi ulteriori finanziamenti. Ma il problema del dissesto idrogeologico è troppo importante e complesso per essere affrontato con provvedimenti parziali ed in conseguenze di calamità. Va inquadrato, infatti, in una visione d’insieme delle caratteristiche del territorio. E gli interventi devono prevenire più che “riparare” i fenomeni franosi ed alluvionali. Ciò significa -termina il comunicato del sindaco- che il Governo, per la sistemazione idraulica-forestale del territorio deve mettere a disposizione delle Regioni finanziamenti straordinari e continuativi che oltre a dare risposte sul piano occupazionale, consentano di mettere gradualmente tutto il territorio in piena sicurezza”.      

di Francesco Madeo | 14/12/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it