We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Rinnovato il Consiglio direttivo dell’Associazione culturale “Roscianum”


L’Associazione Culturale “Roscianum”, nel pieno rispetto dello Statuto sociale si è riunita nei locali del Ristorante “Le Macine”, gentilmente messi a disposizione, per riprendere con maggiore vivacità le sue attività, come sta facendo da ben trent’anni. Il primo atto di questo nuova “fioritura” è stato la nomina di un direttivo, con lo scopo di promuovere le attività del sodalizio. I soci – riferisce testualmente una nota del segretario del sodalizio rossanese, Davide Gambetta - hanno riconfermato presidente e vicepresidente vicario rispettivamente Mario Massoni e Pier Emilio Acri, eleggendo secondo vicepresidente Luigi Campana e segretario Davide Gambetta, cui si affiancherà il tesoriere Aldo Moschetto. Il direttivo consterà anche della presidentessa onoraria Jacobella Martucci di Scarfizi. Alla riunione hanno partecipato numerosi nuovi soci, principalmente giovani, tutti intenzionati a rifondare l’associazione. La “Roscianum” è e sempre sarà ligia al proprio dovere incondizionato ed incrollabile di promuovere la cultura e la tutela del vastissimo patrimonio storico, artistico e culturale della città “bizantina” e del territorio, come la fiamma che da sotto la cenere deflagra in brace. Proprio in tale ottica i soci hanno discusso il programma delle future attività: valorizzazione delle ricchezze locali, (progettando innumerevoli iniziative con l’amore e l’impegno che dal 1981 sono la linfa di questo sodalizio). Attualmente una incombente preoccupazione grava sull’associazione: la mancanza di una sede operativa e di un ambiente ove allocarne i beni. Il patrimonio (archivio, biblioteca ecc.) della “Roscianum” versa, infatti, in condizioni inidonee dopo  trentennale dedizione alla cultura. Trasportati fuori dall’ultima sede provvisoria, senza alcuna comunicazione alla Presidenza, i documenti e i libri giacciono alla rinfusa in attesa di essere prelevati oppure destinati a peggiore sorte. Reperti e documenti di rilevanza artistica e culturale innegabile sono a tutt’oggi privi di un degno locale che possa ospitarli e di qualsiasi custodia per la loro tutela. In mancanza di una sede anche le riunioni dei soci  risultano di più difficile organizzazione tanto che la loro effettiva riuscita è subordinata alla gentilezza dei gestori di pubblici locali o a qualche benemerito cittadino. Così come non può essere concepibile che le testimonianze di trent’anni di duro servizio per la comunità e la promozione del territorio rimangano dimenticate in un buio e inadatto deposito. I soci auspicano un fattivo interessamento  del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale. 

di Redazione | 02/12/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it