We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Trebisacce (Cosenza) - Il consigliere regionale Gianluca Gallo, al convegno diocesano parla del piano di rientro della sanità calabrese


di PINO LA ROCCA «A bocce ferme, dopo che il Piano di rientro sarà stato presentato e  accettato dal Governo, bisognerà mettersi attorno a un tavolo e ridiscutere le decisioni assunte dal commissario Scopelliti, che penalizzano fortemente la provincia di Cosenza ed in particolare la Sibaritide. In questo senso garantisco il massimo impegno personale». Lo ha affermato il consigliere regionale di Maggioranza Gianluca Gallo nel corso dei lavori del Convegno organizzato dalla Diocesi di Cassano Jonio a Trebisacce per far sentire la solidarietà della Chiesa e per legittimare le rivendicazioni delle popolazioni dell’Alto Jonio circa i tagli alla sanità operati da Scopelliti. Gallo, ha fatto prima la lucida cronistoria dei fatti, partendo dalla storica Conferenza dei Sindaci dell’ex Asl n. 3 di Rossano (agosto 2006) che si espresse favorevolmente alla nascita dell’ospedale “nuovo e non unico” della Sibaritide, a  condizione che gli ospedali di Trebisacce e Cariati fossero salvati e fosse potenziato l’Hospice di Cassano e poi ha elencato tutta la serie delle decisioni assunte, dalla Giunta Loiero e dal Commissario Scopelliti, che in pratica hanno fatto piazza pulita dei patti sottoscritti dai sindaci e determinato una situazione di grave discriminazione nei confronti delle nostre popolazioni, «tanto che – ha dichiarato Gallo chiamando in causa l’Agenas e cercando di “indulgere” sulla posizione di Scopelliti - mi sono sempre espresso per un atteggiamento “movimentista. I tempi però erano stretti e bisognava approntare un Piano e presentarlo al Governo: un piano che, seppure ancora carente del quadro economico, ha falcidiato di posti-letto la nostra Provincia e soprattutto la Sibaritide che ha perso prima la Clinica di Sibari e poi ha visto martoriati gli ospedali di Trebisacce e di Cariati, oltre all’Hospice di Cassano». I conti che non tornano, snocciolati in precedenza dal Presule Bertolone sono stati infatti ribaditi dal sindaco di Cassano: alla Sibaritide toccano circa 600 posti-letto e non certo i 260 previsti nel Piano di Rientro che, insufficienti come sono, rischiano di azzerare per i circa 200 mila abitanti della Sibaritide sia i livelli minimi di assistenza ospedaliera, sia l’emergenza-urgenza e sia anche le prestazioni diagnostiche e specialistiche che già oggi presentano lunghe liste di attesa. «Da qui - ha ammonito l’avvocato Gallo – l’imperativo di rimanere uniti, di evitare le sterili contrapposizioni ideologiche e di impegnarsi, invece, nell’elaborazione di una proposta alternativa, che risulti però seria e fattibile. Anche se ho il sentore – ha concluso con una punta di pessimismo che ha un po’ raggelato la sala – che forse ci attendono tempi ancora più bui».                 

di Redazione | 25/11/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it