We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Palermo (Palermo) - Dichiarazione dei redditi 2010 per l’anno 2009 : modello 730


  Dichiarazione dei redditi 2010 per l’anno 2009 :  modello 730     Chi deve presentare il nuovo modello 730/ 2010 ?     I soggetti obbligati alla presentazione del nuovo modello 730 2010 per il pagamento dell’irpef 2009 sono:
  • coloro che percepiscono redditi da pensione, lavoratori dipendenti, anche con retribuzione convenzionale;
  • coloro che percepiscono redditi sotto forma di indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente come il trattamento di integrazione salariale, proventi derivanti da indennità di mobilità;
  • soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • coloro che percepiscono redditi dalla Chiesa cattolica (essenzialmente preti, sacerdoti, parroci, e affini);
  • giudici costituzionali,  parlamentari nazionali e coloro che ricoprono cariche pubbliche elettive come consiglieri comunali, regionali, provinciali, ecc..;
  • I lavoratori  dipendenti con contratto di lavoro a tempo determinato  per un periodo inferiore all’anno. Questi lavoratori possono rivolgersi1) al datore di lavoro (sostituto d’imposta)  se il rapporto  di lavoro dura almeno dal  mese di aprile a luglio 2010; 2) a un centro di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti (Caf-dipendenti)  o a un libero professionista abilitato, se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di luglio 2010 e si conoscono i dati del sostituto d’imposta che dovrà effettuare il conguaglio a fine anno;
  • Personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato se il contratto dura almeno dal mese di settembre dell’anno 2009 al mese di giugno dell’anno 2010;
  • Coloro che, nel 2010,  posseggono solo redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente almeno per un periodo compreso  tra il mese di giugno e il mese di luglio 2010 e conoscono i dati del sostituto d’imposta che dovrà effettuare il conguaglio,
  • Produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione 770 dei sostituti d’imposta sia semplificato che ordinario., Irap e IVA.
I soggetti che devono presentare la dichiarazione per conto delle persone incapaci, compresi i minori, possono utilizzare il Mod. 730, se per questi contribuenti ricorrono le condizioni sopra indicate. Quali sono i vantaggi per presentare il modello 730/2010? I vantaggi per chi presenta il modello 730 sono: ·         il rimborso dei crediti che scaturiscono dalla dichiarazione viene effettuato direttamente in busta paga o nella rata di pensione soltanto pochi mesi dopo aver presentato la dichiarazione (a partire dal mese di luglio per i lavoratori dipendenti e a partire dal mese di agosto/settembre per i pensionati); ·         il pagamento del debito che scaturisce dalla dichiarazione viene effettuato, con la stessa tempistica, attraverso trattenute sullo stipendio o sulla rata di pensione evitando, così, lunghe file presso gli sportelli bancari e/o postali.; ·         anche con il modello 730 è possibile chiedere la rateizzazione delle imposte dovute indicando nella dichiarazione in quante rate si intende effettuare il pagamento (da un minimo di due a un massimo di cinque); ·         i contribuenti che si rivolgono al CAF sono esonerati da sanzioni per irregolarità commesse dal CAF nell’elaborazione della dichiarazione, di queste risponde il Caf tramite apposita Assicurazione prevista obbligatoriamente; ·          l'apposizione da parte di un CAF del visto di conformità sulla propria dichiarazione dei redditi; ·         Il contribuente, che presenta il Modello 730 "Pre-compilato", non deve alcun corrispettivo al Centro di Assistenza Fiscale, come disciplinato dal paragrafo 3.2 dalla Circolare n. 21/E del 4 maggio 2009. Il CAF effettuerà il controllo della documentazione, ai fini dell' apposizione del visto di conformità e successivamente invierà la dichiarazione all'Agenzia delle Entrate. Quali redditi possono essere dichiarati nel Mod. 730/2010? Il Modello 730/2010 permette di dichiarare:
  • redditi di lavoro dipendente e di pensione (rilevabili dal modello CUD );
  • redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente( co.co.co, l.a.p.)
  • redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • redditi di capitale;
  • redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA;
  • alcuni dei redditi diversi; (es. redditi di terreni e fabbricati all’estero)
  • alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata.
  La dichiarazione dei redditi mod. 730 può essere congiunto con il reddito del coniuge? Il contribuente che opta per la compilazione della dichiarazione dei redditi modello 730, può avvalersi della forma congiunta, ovvero di un’unica dichiarazione per tassare i redditi propri e del coniuge e detrarne le relative spese. Agli effetti pratici però la dichiarazione congiunta è di fatto composta da 2 dichiarazioni a sé stanti, ciascuna per ogni coniuge, dove ognuno di essi dichiara separatamente i propri redditi e detrae le proprie spese, per poi congiungersi in una vera e propria somma algebrica in fase di risultato finale. Quando si può utilizzarla?
  • Quando entrambi i coniugi possiedo tipologie di redditi che possono essere dichiarate nel modello 730 (ovvero lavoro dipendente ed assimilati e redditi diversi di vari natura, ma non lavoro autonomo abituale, non redditi di impresa, o anche solo partecipazioni, ecc.).
  • Quando almeno uno dei due coniugi ha un sostituto di imposta al momento della presentazione del modello.
Quando conviene optare per la dichiarazione congiunta?
  • Quando uno dei due coniugi matura (per vari motivi) un credito molto alto e l’altro coniuge è a debito: le partite si compensano.
  • Quando uno dei due coniugi non ha sostituto di imposta al momento della presentazione del modello: utilizza così il datore di lavoro del contribuente dichiarante per ottenere in tempi brevi un eventuale rimborso.
Il contribuente che opta per la dichiarazione congiunta dovrà presentare pertanto i due modelli compilati, barrando sul frontespizio del dichiarante (in alto) la casella “dichiarazione congiunta”, mentre il coniuge dovrà barrare sul proprio modello, sempre nel frontespizio, la casella “coniuge dichiarante”. Interpretando le istruzioni del Modello 730/2010 sembra confermato che in caso di matrimonio avvenuto prima della presentazione del Modello 730, sia corretto utilizzare la forma congiunta. In effetti lo stato civile del contribuente deve essere quello alla data di presentazione del modello e non al 31 dicembre del 2009. Cosa deve fare il contribuente per decidere se presentare il modello 730/2010? Il contribuente deve controllare se è obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi o se è esonerato.  Il contribuente  ha la possibilità di presentare la dichiarazione  per far valere  eventualità oneri sostenuti e detrazioni non attribuite, oppure per chiedere il rimborso di eccedenze di imposta che risultano da dichiarazioni presentate in anni precedenti o derivanti da acconti versati per il 2009. Il contribuente  che ha l’obbligo di presentare la dichiarazione, deve controllore se può utilizzare il modello 730 o se invece deve presentare il modello Unico PF. Quali soggetti non possono utilizzare il mod. 730/2010 ? Non sono invece tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi su modello 730/ 2010 le persone fisiche che nel corso dell’anno di imposta 2009 hanno:
  • prodotto solo redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione che dovranno compilare il modello unico 2010 solo in alcune fattispecie;
  • prodotto redditi di lavoro autonomo o sono professionisti titolari di partita iva;
  • prodotto redditi “diversi” come prestazioni occasionali, proventi derivanti dalla cessione totale o parziale di aziende, proventi derivanti dall’affitto e dalla concessione in usufrutto di aziende, eventuali plusvalenze derivanti dalla cessione di beni o anche partecipazioni qualificate e non qualificate in società residenti in paesi o territori a fiscalità privilegiata (non white list)  i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati;
  • coloro che sono obbligati a presentare una tra le dichiarazioni Iva, Irap, sostituti d’imposta modelli 770 ordinario e semplificato;
  • coloro che non sono considerati residenti in Italia nel 2009 e/o nel 2010;
·         coloro che devono presentare la dichiarazione dei redditi dei contribuenti deceduti; ·         coloro che nel 2010 percepiscono redditi di lavoro dipendente erogati esclusivamente da datori di lavoro non obbligati ad effettuare le ritenute d’acconto (ad es. collaboratori familiari , altri addetti alla casa e portieri). Quali soggetti sono esonerati alla presentazione della dichiarazione dei redditi? Non sono tenuti a presentare alcuna dichiarazione dei redditi coloro che hanno conseguito nell’anno 2009:
  • solo reddito dei fabbricati, derivante esclusivamente dal possesso dell’abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);
  • solo reddito di lavoro dipendente o di pensione corrisposto da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute d’acconto ed eventualmente redditi di fabbricati, derivanti esclusivamente dal possesso dell’abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);
  • solo redditi di lavoro dipendente corrisposti da più soggetti, se avete chiesto all’ultimo datore di lavoro di tenere conto dei redditi erogati durante i rapporti precedenti e quest’ultimo ha effettuato conseguentemente il conguaglio, ed eventualmente redditi di fabbricati, derivanti esclusivamente dal possesso dell’abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);
  • un reddito complessivo, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 8.000,00 nel quale concorre un reddito di lavoro dipendente o assimilato per un periodo non inferiore a 365 giorni e non sono state operate ritenute;
  • un reddito complessivo, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.500,00 nel quale concorre un reddito di pensione per un periodo non inferiore a 365 giorni e non sono state operate ritenute;
  • un reddito complessivo, al netto dell’ abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.750,00, nel quale concorre un reddito di pensione per un periodo non inferiore a 365 giorni e il soggetto ha un’età pari o superiore a 75 anni e non sono state operate ritenute;
  • un reddito complessivo, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 4.800,00 nel quale concorre uno dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro (es. compensi percepiti per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente dal Servizio sanitario nazionale) e/o redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, redditi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente;
  • redditi da pensione per un ammontare complessivo non superiore a euro 7.500,00, goduti per l’intero anno, ed eventualmente anche redditi di terreni per un importo non superiore ad euro 185,92 e dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e relative pertinenze;
  • solo redditi fondiari (terreni e/o fabbricati) per un ammontare complessivo non superiore a 500 euro;
  • solo redditi esenti (ad es. rendite erogate dall’Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, talune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, sussidi a favore degli hanseniani, pensioni sociali, compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche per un importo complessivamente non superiore a euro 7.500,00);
  • solo redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta (ad es. redditi derivanti da attività sportive dilettantistiche per un importo fino a euro 28.158,28; interessi sui conti correnti bancari o postali);
·         solo redditi soggetti ad imposta sostitutiva (ad es. interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico); ·         se non siete obbligati a tenere scritture contabili, siete in ogni caso esonerati dalla presentazione. Quali sono le novità per la compilazione del Mod. 730/2010? La dichiarazione dei redditi modello 730/2010 relativo ai redditi dell’anno 2009 presenta alcune novità, tra cui in particolare si evidenziano:
  • la possibilità di fruire della detrazione del 20% per l’acquisto di mobili, apparecchi televisivi e computer finalizzati all’arredo di immobili che sono stati oggetto di ristrutturazione a partire dal 1° luglio 2008;
  • la proroga della detrazione del 20% per la sostituzione di frigoriferi e congelatori e per l’acquisto di motori ad elevata efficienza e di variatori di velocità;
  • la possibilità per i proprietari di immobili situati nella regione Abruzzo di fruire della riduzione del 30% del reddito derivante dalla locazione o comodato di detti immobili a nuclei familiari le cui abitazioni principali siano state distrutte o dichiarate inagibile in conseguenza del sisma del 6 aprile 2009;
  • la proroga della detrazione d’imposta nella misura del 19% per le seguenti spese: spese di autoaggiornamento e formazione dei docenti, spese sostenute, spese per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblici locale, regionale e interregionale;
  • la proroga per le spese sostenute dai genitori per la frequenza di asili nido;
  • la possibilità per i lavoratori dipendenti del settore privato che hanno percepito dal datore di lavoro compensi per l’incremento della produttività di scegliere una differente modalità di tassazione di detti compensi;
·         la previsione di una detrazione per il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso;la proroga della detrazione del 36% per le spese di ristrutturazione e del 55% per le spese relative agli interventi finalizzati ai risparmio energetico degli edifici esistenti, e in taluni casi, la possibilità per gli eredi o gli acquirenti di questi immobili di rideterminare il numero delle rate residue. Quando si presenta il Mod 730/2010? I termini per la presentazione sono: ·         entro il 30 aprile se il modello è presentato al sostituto d’imposta (datore di lavoro): ·         entro  il 31 maggio se il modello è presentato al Caf o a un professionista abilitato. Come si presenta il  Mod. 730/2010 al Caf- dipendenti p professionista abilitato? Per la consegna del nuovo modello 730 2010 entro la scadenza a un Caf o a un professionista abilitato si dovrà inserire la documentazione nella busta comprensiva del modello già compilato a fronte di alcun compenso né al caf né al professionista abilitato. In caso di compilazione da parte del caf o del professionista vi saranno richieste anche le generalità, fotocopia del documento e documenti che attestino che le spese inserite siano state effettivamente sostenute ai fini della detrazione dalle tasse per l’anno di imposta 2009 da pagare entro la scadenza di giugno 2010. In tale caso sarà chiesto un onorario per la redazione del modello 730/2010 Quali documenti presentare al Caf-dipendenti o al professionista abilitato? I documenti da presentare che servono sono quasi sempre:
  • certificazioni di lavoro dipendente, pensione e simili (CUD 2010 o CUD 2009) attestanti le ritenute subite dal datore di lavoro e che sono le tasse che noi già anticipiamo mensilmente sulla busta paga;
  • scontrini, ricevute, fatture e quietanze comprovanti gli oneri. Non va esibita la documentazione riguardante gli oneri deducibili riconosciuti dal sostituto d’imposta in sede di determinazione del reddito.
  • spese sostenute per il recupero del patrimonio edilizio, dalle ricevute dei bonifici bancari o postali, dalle quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, dagli attestati di versamento delle ritenute operate dal condominio sui compensi dei professionisti, nonché dalla quietanza rilasciata dal condominio attestante il pagamento delle spese imputate al singolo condomino e, inoltre, dalla ricevuta postale della raccomandata con la quale è stata trasmessa la comunicazione della data di inizio lavori al Centro di Servizio delle imposte dirette ed indirette competente o al Centro Operativo di Pescara. Per gli interventi sulle parti comuni, la documentazione può essere sostituita da una certificazione dell’amministratore di condominio che attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti per fruire della detrazione del 41 o 36 per cento e indichi la somma di cui il contribuente può tener conto per la detrazione;
  • versamenti delle tasse già nel corso dell’anno con modello F24;
  • in caso aveste crediti di imposta dall’anno precedente allora si renderà necessario presentare anche la dichiarazione modello unico 2009 o 730 2009 dell’anno precedente.
  • Scheda per la destinazione dell’8  per mille delle tasse da destinare alle chiese,
  • Scheda per la destinazione del 5 per mille delle tasse da destinare alla ricerca scientifica o ad onlus riconosciute.
Se non verrà fatta alcuna scelta per la destinazione del 5 per mille  andrà lo stesso eroga                                                                                                                           Anna Li Muli  

di Redazione | 01/03/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it