We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Longobucco (Cosenza) - L’Associazione “Anima longobucchese” promotrice di un convegno sul dissesto idrogeologico


“Presenza di numerose criticità di dissesto idrogeologico, parzialmente resesi visibili, a seguito del nubifragio del settembre 2009 e situazione di pericolo ancora incombente in vaste aree del territorio, fra queste gran parte del centro abitato”. Questa l’allarmante analisi emersa dalla presentazione dello studio sulla “Franosità nell’intorno di Longobucco”, a cura del neo geologo Antonio Vulcano nel corso di una manifestazione organizzata dall’associazione culturale “Anima Longobucchese”. Manifestazione alla quale hanno preso parte, il sindaco Luigi Stasi, il consigliere regionale Giulio Serra, l’assessore regionale all’Agricoltura e alla Forestazione Michele Trematerra, il consigliere comunale Giovanni Ioele, Pino Vulcano, già apprezzato capo operaio Afor ed i responsabili dell’associazione Pino Cruceli e Ciccio Madeo, davanti ad un pubblico attento che ha gremito la sala del centro storico. L’assessore Trematerra nel corso del proprio intervento ha affermato che è “assurda la mancanza totale di programmazione per la montagna. Prossimamente –ha affermato- presenteremo al governo ed la Ministro Tremonti un Piano di Riforma dell’interno comparto della Forestazione. Per i danni subiti dall’intero territorio calabrese negli ultimi anni a seguito delle avverse condizioni atmosferiche, non basterebbero meno di 10milioni di Euro una cifra molto superiore a quella che avremmo speso con opere e lavori di prevenzione sul territorio. Importante il lavoro svolto dagli operai forestale che spesso non è conteggiabile”. Riferendosi all’attuale situazione degli enti che operano in Calabria, l’assessore Trematerra ha affermato che “bisognerà trasformare l’Afor in un’azienda produttiva utilizzando il legname e i prodotti del sottobosco, dobbiamo smetterla di presentarci davanti al governo sempre con il cappello in mano. Sono altresì necessarie politiche – ha continuato- di prevenzione nel campo della protezione civile per evitare ulteriori disastri. Anche nel campo dell’Agricoltura –ha affermato Trematerra- l’esecutivo regionale si appresta a compiere scelte coraggiose, è giunto il momento che l’agricoltura calabrese inizi ad alzarsi di quota”.  Francesco Madeo

di Redazione | 20/10/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it