We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Catanzaro (Catanzaro) - “Centro aiuto donna” e “Centro ascolto uomo”, presentata la campagna per conoscere i servizi attivati dall’Assessorato Pari opportunità’ con “Citta’ solidale”


E’ stata presentata la campagna che promuoverà, in tutto il territorio comunale, i servizi  “Centro aiuto donna” e “Centro ascolto uomo” attivati, già da tempo, dall’Assessorato alle Pari Opportunità e dalla Fondazione Città solidale onlus. Una campagna muraria, utile anche per divulgare il numero verde “800979656” cui ci si può rivolgere in caso di bisogno. L’assessore Tommasina Lucchetti – riferisce testualmente una nota dell’organo di informazione del Comune di Catanzaro - ha illustrato la necessità di far conoscere sia alle donne, sia agli uomini in difficoltà, l’esistenza di centri “ai quali ci si può rivolgere con fiducia, sapendo che lì ci sono persone pronte ad aiutarli”. Lucchetti ha anche aggiunto che nell’attuale società “si sta arrivando ormai all’impassibilità di fronte  agli episodi di violenza, considerati quasi come naturali. Non c’è attenzione perché sembrano avvenimenti che non ci appartengono. In realtà sappiano che non è così”. E’ stato ricordato che il Comune di Catanzaro è capofila del progetto “Rete antiviolenza” che coinvolge molti comuni della provincia. Sottolineata anche l’esigenza di fornire servizi di supporto anche agli uomini. “E’ per questo che, assieme alle sole città di Milano e Torino, abbiamo attivato il Centro ascolto uomo – ha concluso – una risposta alle necessità di sostegno a favore di chi presenta problematiche relative alla identità maschile e, in particolare, alla propria genitorialità, vissute  all’interno di un rapporto di convivenza, matrimoniale o post-matrimoniale”. Alla conferenza stampa ha partecipato anche l’assessore alla Sicurezza Raffaele Salerno. “Finalmente – ha detto – si sta comprendendo che è necessario investire in sicurezza perché ciò che si spende in questo settore è certo garanzia di un ritorno fondamentale in tema di vivibilità. La microcriminalità – ha spiegato – fa più paura della criminalità organizzata perché è la violenza quotidiana che preoccupa. In tal senso, l’Amministrazione sta facendo il possibile per intervenire nelle zone a sud della città. Speriamo di poter presto aprire il centro sociale del quartiere Aranceto e un presidio di polizia penitenziaria in località Pistoia: si tratta di due segni tangibili di attenzione verso questi quartieri che, certo, non risolveranno tutti i problemi, ma che aiuteranno a migliorare una situazione, in tema di sicurezza, difficile”.  

di Redazione | 20/10/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it