We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Longobucco (Cosenza) - Il Consiglio approva il dimensionamento scolastico. Non piace all’opposizione


  Il Consiglio comunale ha approvato, a maggioranza, la proposta di dimensionamento scolastico per il quinquennio 2011/2015. Adempimento resosi necessario ai sensi della Delibera della Giunta Regionale n.48 del 2010. La delibera ha ottenuto il voto contrario dei consiglieri di minoranza Eugenio Celestino e Antonio Perri che, alla fine del dibattito, hanno votato contro la proposta dell’Amministrazione Comunale di riconfermare l’Istituto Omnicomprensivo di Longobucco aggregando tutte le Scuole di ogni ordine e grado (Infanzia, Primaria, Secondaria di 1° grado, IPSIA e Liceo Scientifico). Il Consiglio ha anche riaffermato la necessità del mantenimento dei punti di erogazione del servizio scolastico (plessi) con riferimento alle scuole ubicate nella frazione Destro adducendo come motivi quelli legati alla particolare situazione geografica, economica e sociale del bacino di utenza che interessa anche le frazioni Manco ed Ortiano.   L’Amministrazione comunale, con proposta dell’Assessore alla Pubblica Istruzione Domenico Perri, ha proposto al Consiglio l’istituzione di un unico Istituto omnicomprensivo che includa in se oltre alle scuole che già costituiscono tale Istituto anche il Liceo Scientifico che invece attualmente è una sezione staccata del Liceo Scientifico S. Patrizi di Cariati. Dopo un’ampia discussione si è deliberato sulla proposta della maggioranza con il voto contrario del gruppo di opposizione che ha così spiegato la propria contrarietà: “Gli istituti omnicomprensivi sono ormai unanimemente considerati una scelta didattica sconsigliata in quanto la loro esperienza non ha portato nessun elemento di crescita e di positività per la scuola in generale. La popolazione scolastica presente nel nostro Comune per i prossimi 5 anni (periodo di validità del presente dimensionamento) garantisce il mantenimento della Dirigenza e dei plessi scolastici; non c’è quindi nessun pericolo e nessun rischio di perdita di posti, di ruoli o quant’altro. Per quanto riguarda il Liceo Scientifico –è scritto nelle dichiarazioni del gruppo di opposizione consiliare- continuare a mantenere un rapporto didattico con la sede principale di Cariati vuol dire continuare ad avere la possibilità di collaborazione e di scambio socio-culturale con realtà esterne. Si parla spesso di battaglie culturali contro l’isolamento dei paesi interni e montani; ebbene –ha sostenuto l’opposizione- noi non abbiamo nessuna intenzione di chiuderci in alcun “recinto”, soprattutto in quelli culturali. Riteniamo, invece, che con le Istituzioni ed i cittadini dei Comuni vicini a noi bisogna instaurare rapporti di collaborazione, di solidarietà, e di reciproco rispetto al fine di una crescita comune. Questa nostra posizione –ha concluso il gruppo di opposizione motivando il proprio voto contrario- è nota a tutti da tempo, alle Istituzioni scolastiche, ai gruppi consiliari e al Sindaco. Il voto in Consiglio Comunale ne è stata la naturale conseguenza”. Francesco Madeo

di Redazione | 12/10/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it