We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Vergine e Madre


di DON MICHELE ROMANO - Un testo Conciliare afferma: all'annuncio dell'Angelo (Lc 1, 26-38), Maria Vergine "accolse nel cuore e nel corpo il Verbo di Dio", divenendo così Discepola e Madre del Verbo. Discepola, perché si mise in "Ascolto" della Parola; Madre, perché offrì, in maniera libera e generosa, il suo grembo alla Parola, custodendola per 9 mesi, nello "scrigno" del suo corpo. Sant'Agostino arriva a dire che Maria, fu più grande per aver accolto la Parola, prima nel cuore, che nel grembo. Seppe così dare stabile alloggio al Signore, nella stanza più segreta della sua anima. Accogliendolo nel corpo, seppe adattare i suoi ritmi a quelli del Bimbo Divino, modificò le sue abitudini, consacrando i suoi giorni alla gestazione di una creatura, che era il Figlio di Dio, che si incarnava per la salvezza di tutti noi.
A questo, si aggiunge Don Tonino Bello che dice: "In questo modo Maria ha contribuito a riscattare il peccato di Eva, pagando con cambiali di lacrime". L'Incarnazione del verbo è il Miracolo dei Miracoli.
Tutta la scena, è arricchita da tanti nomi e riferimenti geografici e temporali, come a dimostrare che tutto questo è realmente avvenuto (Kài Egèneto = E avvenne !). 
È avvenuto, è storia, Gesù è una Persona reale, non un'idea o fantasia men che meno un'ideologia .
È quì che tutto L'Antico Testamento trova il suo compimento. Von Bàlthasar ci dice "che si è mossa tutta la Trinità, per entrare nella casa di Maria" ! Singolare tutto questo, perché finora, Dio Nella Bibbia, non era mai entrato a casa di nessuno. Infatti tutti quelli che volevano incontrarlo, dovevano recarsi nel Tempio.
Notiamo anche che Luca fa precedere l'Annunciazione a Maria, da quella fatta a Zaccaria. Ora, entrambi esprimeranno un "dubbio": "Com'è possibile"?
Ma mentre Zaccaria venne "punito" ("resterà muto"), perché il suo era un dubbio di natura materiale: "Io sono vecchio e mia moglie è avanti negli anni (Lc 1,18), quasi a mettere in dubbio la Onnipotenza di Dio; Maria, invece, viene addirittura confortata dall'Angelo: "Vedi, anche Elisabetta...", perché il suo era un legittimo dubbio, sul "Come" si sarebbe potuto realizzare questo meraviglioso progetto, dal momento che lei non era ancora sposata: "Come avverrà questo, poiché non conosco uomo (Lc 1,34).
I Santi Padri, poi, ci hanno insegnato a provare leggere la prima parola che l'Angelo rivolge alla Madonna, cioè "Ave", al contrario, ovvero "Eva", come a dire: "Tu, o Maria, sei la nuova Eva"!
Come Eva, col suo Peccato Originale, col suo No all'Obbedienza a Dio, ha portato la morte nel mondo, così Tu o Maria, con il tuo Sì, con la tua Obbedienza alla Divina volontà, sei divenuta la nuova Eva, la nuova "Ave" della storia, perché hai portato la Vita e la salvezza per l'intera umanità.
Perciò, riconoscenti per tutto questo, preghiamola ogni giorno, con quella meravigliosa Invocazione, che è l'Ave Maria, chiamata anche preghiera "Teandrica": "Theòs" = Dio e "Àntropos" = Uomo, ovvero una Preghiera tutta speciale, composta per metà direttamente da Dio, L'Ave o Maria, e la seconda parte, la Santa Maria, composta dagli uomini, dalla Chiesa. Buon ammino a tutti, per il gioioso incontro con Gesù a Betlemme! 


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 20/12/2021

Pubblicità

IonioNotizie per la tua pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it