We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cariati (Cosenza) - L'Iis Cariati capofila in un progetto Erasmus +


L’Iis, Istituto di istruzione superiorem Cariati, è scuola capofila del progetto “Totaly of us, identity in the Folk” Erasmus +, un’importante iniziativa fortemente promossa dall’innovativa scuola del basso Jonio cosentino, che mira a superare i tradizionali confini didattici e a garantire un percorso formativo volto a dare pari opportunità a tutti e a favorirne l’effettivo esercizio della democrazia, aprendosi alla mondialità. Nel programma, oltre all’Istituto d’Istruzione superiore di Cariati – ha spiega la dirigente scolastica Sara Giulia Aiello (foto) durante una giornata dedicata alla presentazione del progetto - “sono coinvolti anche altri tre istituti internazionali: il Faruk Nafiz Çaml?bel Anatolian High School of Ankara (Turchia), l’Agrupamento de Escolas D. Sancho I (Portogallo) e il Liceum Ogolnoksztalcace im. Adama Asnyka (Polonia)”.

L’iniziativa è stata presentata durante un evento all’Ipsseoa, nel quale i ragazzi dell’istituto alberghiero, abilmente guidati dai docenti di sala e cucina Mignanelli, Ravatti e Pastore, hanno servito piatti tipici cariatesi agli ospiti presenti, tra gli altri, la sindaca di Cariati, avv.  Filomena Greco e la professoressa Maria Viteritti in rappresentanza della ds del Comprensivo cittadino, Tiziana Cerbino.

Le attività di mobilità del progetto Totally – “Identità nel popolo”, mirano a stabilire rapporti di sinergia e di collaborazione tra i giovani con differenti background culturali e linguistici, per giungere alla creazione di un blog che racconti la storia, le tradizioni, il folklore e le tradizioni enogastronomiche dei luoghi di appartenenza di tutti i gruppi partecipanti allo scambio di buone pratiche. Uno spazio, dunque, - spiega la Dirigente AIELLO - “in cui gli studenti potranno raccontare e descrivere le eccellenze dei loro luoghi di origine promuovendo anche la valorizzazione turistica del proprio territorio”. Un’attività, questa, che ha anche lo scopo di abbattere le barriere dei preconcetti e degli stereotipi, stimolando gli studenti ad aprirsi ed a comprendere il rispetto per gli altri e la ricchezza che si nasconde nella diversità. Il progetto “Identità nel popolo” nasce dalla volontà dell’Istituto di Cariati di educare persone capaci di pensare e di agire in modo autonomo e responsabile all’interno delle comunità, creando un sistema di formazione integrato e completo basato sul rispetto della persona e sulla valorizzazione dei rapporti interpersonali e tra le istituzioni.

Le attività che si stanno svolgendo in questi giorni in Turchia hanno coinvolto sia i quattro studenti beneficiari della mobilità, sia quelli delle istituzioni partner ospitanti.

I ragazzi sono stati accolti nella scuola di destinazione dai loro coetanei con i quali stanno condividendo il progetto di creazione di un blog. Questo sarà progettato interamente dagli studenti, sia dal punto di vista dei contenuti, sia per quanto riguarda la veste grafica.

Sarà elaborato in lingua inglese e tradotto nelle lingue di tutti i paesi partecipanti. Per cinque giorni di mobilità, gli studenti stanno collaborando e partecipando a tutte le attività di accoglienza previste dalla scuola ospitante, che prevedono anche la presenza di famiglie e di membri istituzionali della comunità locale. Gli studenti, insomma, stanno usufruendo sia delle attività didattiche di routine e di quelle previste per la costruzione del blog, nonché sono previste anche visite guidate organizzate dalla scuola. Sono stati accompagnati dal prof. Antonio Caruso e dal DSGA facente funzioni, dott. Sisto Carpentieri, i quali sono supportati dal personale docente rappresentante dei diversi partner, in particolare durante la fase di accoglienza, alloggio e gestione quotidiana degli ospiti: per il prof. Caruso, “sarà, questa, un’occasione di confronto e di scambio di idee anche tra docenti, sia per quanto riguarda l’approfondimento di nuovi approcci metodologico-didattici, sia per l’acquisizione di buone pratiche nella gestione dei progetti di mobilità e scambio.

Inoltre, il contatto con colleghi internazionali – sottolinea il docente - sarà anche un’opportunità per migliorare le competenze linguistiche nella L2 utilizzata per comunicare, che può essere l’inglese o anche la lingua del paese di destinazione, a seconda delle competenze del docente. Saranno, inoltre,  forniti strumenti di monitoraggio quali questionari e moduli relativi alle prestazioni degli studenti, come mezzo per preparare relazioni e comprendere lo stato di avanzamento della proposta fino al termine delle attività, quando lo staff presenterà i risultati del “Folking” che includono: l’aumento delle certificazioni in lingua inglese (almeno per il 40% dei partecipanti); l’incremento delle certificazioni informatiche (almeno per il 20% dei partecipanti); il miglioramento del rendimento scolastico; l’aumento della rete di contatti delle scuole; il miglioramento delle prestazioni dei docenti a seguito dell’acquisizione di innovative conoscenze metodologiche di apprendimento.

Ancora una volta l’IIS CARIATI si dimostra un istituto all’avanguardia, pronto a far dare ai propri studenti tutte le opportunità che solo una scuola attiva e dinamica come l’Istituto diretto dalla DS Aiello, riesce abilmente a cogliere.


di Redazione | 23/10/2021

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it