We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Il dilemma: essere o avere?


di DON MICHELE ROMANO - Dall'incontro descritto oggi nel Vangelo (Mc 10, 17-30), tra Gesù ed il giovane ricco, comprendiamo come quest'ultimo  fosse tanto desideroso di coltivare una relazione d'amore con una vita, finora per lui ricca di ogni bene, ma non pienamente appagante, sempre proteso alla ricerca di "altro" (" Cosa mi manca..."?).
Di fronte alla proposta di Gesù, di prendere la distanza da tutto ciò che in qualche modo costituiva la sua sicurezza..., un vero "Esodo" da una religiosità, che pur vera ("Sin da bambino aveva osservato i Comandamenti "), rischia di essere formale, perché si ferma all'apparenza. 
Pur riconoscendo in Gesù, un maestro buono ("Non sai che solo Dio è buono "?), ovvero lo riconosce al pari di Dio, vuole farsi suo discepolo, tuttavia dimostra di non fidarsi totalmente di Lui. Preferisce farsi forte più dall'avere, che dell'essere.
Eppure, con quella sua sincerità, aveva galvanizzato lo sguardo di Gesù,  uno sguardo pieno di amore e benevolenza, che lo invita ad intraprendere una scelta decisiva :"Rinuncia a possedere, investi nel tesoro del Cielo, solo dopo, sarai così libero da potermi seguire". Un invito ad espropriarsi di tutto, per guadagnare tutto:"La Vita Eterna". In fondo si possiede solo ciò che si dona, non ciò che si ha. Una espropriazione che gli avrebbe fatto ritrovare, finalmente, la vera gioia, quella  "perfetta letizia", che finora cercava unicamente nelle "sicurezze umane", ma che si realizza solo nella rinuncia ad ogni atteggiamento che abbia radici nell'umano.
Questo giovane "ricco", a questo punto, preferisce andare via, rifuggendo dalla dimensione della Croce. Ma è solo quando ci svuotiamo dell'umano, che possiamo essere riempiti di Dio (Madre Teresa di Calcutta). 
Puntando sulle sue sicurezze..., dimostra di non aver compreso la preziosità che gli era stata offerta : l'amore di Cristo, che solo dà pienezza di vita (Ef 3, 18-19). Il resto, dirà S.Paolo, è da ritenere "spazzatura"(Fil 3,8-10.
Anche noi, nel nostro quotidiano, sforziamoci di accogliere l'invito di Gesù nel donare, piuttosto che nel  trattenere, e sarà  questo che ci garantirà il suo sguardo d'amore. A tutti una buona domenica.


di Redazione | 10/10/2021

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it