We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - La 'prosopopea'


di DON MICHELE ROMANO -  Oggi Gesù nel Vangelo (Lc 10,13-16), esprime tutto il suo rammarico per l'atteggiamento di rifiuto e di chiusura, proprio di quelle città, come Corazìn, Betsàida e Cafàrnao, che avevano maggiormente beneficiato di miracoli e segni da Lui compiuti.
Tuttavia, nel linguaggio di Gesù cogliamo un sentimento di tristezza, piuttosto che una minaccia. 
Il rammarico più grande lo esprime per la città di Cafàrnao ("Fino agli inferi sarai precipitata"), dove Lui, quando era al nord, in Galileia, aveva, nella casa di Pietro, il suo punto di riferimento, tant'è che ne aveva fatto il centro della sua predicazione .
Sono proprio questi atteggiamenti di autosufficienza, questa prosopopea di sentirci "arrivati", ritenendo di non aver bisogno di niente e di nessuno, sono proprio questi atteggiamenti di arroganza ed altezzosità, che ci inducono a sentirci superiori agli altri.
Saranno, invece, sempre e solo i poveri, i piccoli, gli ultimi, ad accogliere l'annuncio del Vangelo. 
Purtroppo questo rischio, lo corriamo soprattutto noi, che da persone "religiose", sempre a contatto con "le cose di Dio", non ci lasciamo più interpellare da esse, fomentando così, disprezzo o timore verso gli altri .
Il lamento di Gesù, dicevamo, esprime più sofferenza che condanna, dobbiamo anche saperlo 'attualizzare' .
L'atteggiamento del rifiuto è una sofferenza che Egli vive tuttora. 
Lui è presente nella sua Chiesa,  ma ahimè, oggi le nostre Chiese, bellissime e splendide, sono per lo più vuote, quasi dei "musei" visitati da migliaia di turisti curiosi, non più luogo di incontro privilegiato col Signore. 
Mi sembra di sentire Gesù, che ancora oggi ci dice :" Se a Mosca o a Pechino (L'est europeo, che ha conosciuto solo anni e anni di persecuzione comunista), si fossero visti i miracoli, come quì da noi, nell'occidente cosiddetto "cristiano", da tempo si sarebbero convertiti.
Che grande mistero la nostra libertà, possiamo dire di "No" anche a Dio, accettarlo o rifiutarlo.
Ecco allora, l'esortazione finale :"Chi ascolta voi, ascolta me "- Lc 10,16).
Se apriamo il nostro cuore, all'ascolto della sua Parola, siamo ancora in tempo per convertirci, facendo sì che, nella nostra vita, l'amore superi progressivamente ogni forma di egoismo.
Buona Giornata 


di Redazione | 01/10/2021

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it