We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Edificare la Chiesa


di DON MICHELE ROMANO - Il discorso che Gesù ci propone nella pagina del Vangelo di oggi (Lc 9, 1-6), mostra chiaramente che la costruzione della "Casa di Dio" (La Chiesa), non è frutto di potenza umana, ma esclusivo potere di Gesù che, fidandosi dell'uomo, affida e condivide questo potere con i Dodici. 
Mi piace sottolineare, come nel Vangelo di Matteo, Gesù fa precedere questa consegna, da una espressione che manifesta tutta la tenerezza di Dio, verso ciascuno di noi: "Vedendo le folle, ne sentì compassione"- Mt 9,36).
Ecco l'indicazione ottimale, che deve caratterizzare un'autentica missione: innanzitutto "guardare", vedere (uno sguardo d'amore, che preceda ogni umana parola), compenetrandosi nei problemi quotidiani della gente, riconoscendone i segni della stanchezza, e condividendo le sofferenze dei marginati e degli esclusi (compassione, infatti, viene da :"Cum-Patio" = Soffrire con l'altro).
Un "vedere" che superi le nostre miopie e le nostre ristrettezze pastorali. 
Come Gesù guarda tutti, scorgendo sui nostri volti, le stanchezze e le amarezze della vita, parimenti l'azione della Chiesa, è invitata a "entrare nelle case" ("Passavano di villaggio in villaggio"), deve tornare ad annunciare il Vangelo, partendo dal basso, entrando (nuovamente) nelle case, ascoltando il cuore della gente ("Là rimanete...").
In definitiva, noi annunciamo il Vangelo del Regno, una lieta notizia (Vangelo), non un discorso accademico, né  tantomeno la recita di un copione. 
Il potere consegnatoci da Gesù, nell'edificazione della sua Chiesa, non ci dà diritto ad alcun possesso, ma solo l'umiltà di farci prossimo dell'altro ("allontanando i demòni, e guarendo le loro malattie").
Da questo, dice Gesù, vi riconosceranno, "se avrete amore per i vostri fratelli"- Gv 13,35).
Anche noi, inviati per questo annuncio, siamo (o dovremmo essere), umili e poveri ("Non portate niente con voi, neanche un bastone per riposarvi).
Una maggiore credibilità si fonda sulla sequela di Gesù ("Qualunque cosa fate all'ultimo, la fate a me"- (Mt 25,40), in uno stile di gratuità ("gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date"- Mt 10,8), e di grande sobrietà ("Non portate niente con voi"- Lc 9,3).
Buona accoglienza della Parola, e che Dio ci benedica.


di Redazione | 22/09/2021

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it