We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - La custodia della Parola


di DON MICHELE ROMANO - Oggi la pagina Evangelica (Lc 8, 4-15) ci mostra come Dio non ha paura di rischiare il seme della sua Parola, sui 4 tipi di terreno, che rappresentano i campi della nostra umanità, senza badare a risparmi o ad attendersi risultati immediati (accetta anche che qualcosa vada "sprecato" o si "perda", nella sua seminagione).
Il nostro è un Dio che non si limita ad attendere, "esce a seminare", sa avere pazienza con tutti noi, sia che siamo asfalto, o spine, o rovi, o pietre (a ognuno ha dato talenti diversi). 
Sa attendere con paterna pazienza il germogliare del seme e poi i frutti da raccogliere. 
Apparentemente questo seminatore (Dio) mostra tutti i tratti della "stranezza" e della "distrazione", eppure Dio nella sua infinita sapienza, conoscendo il cuore dell'uomo, spesso duro come l'asfalto, o incostante e superficiale, come il terreno pieno di pietre, o soffocato dalle spine (che pure crescono in un terreno forte), rappresentate dalle preoccupazioni umane e dell'ingordigia della ricchezza, che bloccano ogni anelito di crescita della Parola nel suo cuore, Dio è lì, a manifestare tutta la sua premurosa vicinanza e affetto paterno per ciascuno di noi, sapendo anche rispettare i "tempi", finché la sua Parola possa attecchire e crescere in noi.
Ma, dobbiamo chiederci: io, noi, a quale terreno apparteniamo?
Siamo disposti ad accogliere la fatica di un seme, che deve essere inghiottito dalla terra, capace, cioè, di "morire", perché possa portare frutti?
Oppure bastano pochi uccelli, un forte sole, o delle acuminate spine, per soffocare tutto e renderci improduttivi? ("Se il Chicco di grano, caduto in terra, muore, produce molto frutto" - Gv12 ,24).
Riconosciamo: quanta insipienza nelle nostre valutazioni umane, quanti rimpianti alle nostre spalle, veri "tranelli esistenziali" (e quì, il demonio la sa lunga), che ci fuorviano nella giusta preparazione del "campo" dell'animo umano, dove Dio ha posto il terreno migliore e più fecondo.
Solo la sapienza e l'ottimismo ci garantiranno un animo distaccato dagli affanni e dalle inquietudini della vita, consapevoli che: "Il Padre vostro sa perfettamente ciò di cui avete bisogno" (Lc 12,30).
Quanti rimpianti per occasioni perdute, quanti rimorsi per scellerate valutazioni, quante amarezze per aver sprecato provvidenziali opportunità.
L'importante è non scadere mai nella disperazione, sapendo che tutti siamo in vitati a "superare" i tanti tipi di terreno che lo precedono, per approdare a essere un terreno buono e ubertoso, dove la Parola di Dio attecchisce e porta frutto ("Dove il trenta, dove il sessanta, dove il cento, per uno), sempre con la nostra perseveranza .
Tuttavia, è richiesto un "concime" particolare, per la fecondità di questo terreno: l'umiltà e la docilità. 
Auguri e Buona Giornata. 


di Redazione | 18/09/2021

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it