We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - "Ma voi, chi dite che io sia?"


di DON MICHELE ROMANO - Oggi ci troviamo nel centro del Vangelo di Marco (Mc 8, 27-35). Questo capitolo 8° fa da spartiacque nel suo Vangelo, dove Gesù ha finito la prima parte della sua missione, e ora è pronto per dirigersi verso Gerusalemme, dove lo attende la crocifissione e la morte. 
Ma, quì e ora, sulla strada (non in una Sinagoga, o nel Tempio), dove si svolge la vita dei discepoli, è quì che Gesù svela la sua identità.  Per questo vuole accertarsi che i dodici, scelti con tanta cura e dedizione, siano preparati per la sequela totale. 
E quì, che Gesù, da buon pedagogo, pone una domanda emblematica: "La gente, chi dice che io sia ?"
Parte dal generico, quasi facilita e favorisce una serie di risposte, che quasi si sovrappongono :"Sei Giovanni il Battista; altri dicono Elia e altri uno dei profeti...".
Tuttavia, queste risposte sembrano non interessare molto Gesù. Sono servite a mettere a proprio agio i discepoli, per prepararli, ora, alla domanda fondamentale: "Ma Voi, chi dite che io sia?"
Ed è quì, che cala il sipario di un silenzio imbarazzante. 
Il "Ma", di questa domanda è paragonabile a un "muro" che si alza, e divide le risposte "scontate", da quelle intime e personali, che Gesù si aspetta (allora...), dai suoi discepoli (e oggi, da noi).
Sì, ci dice Gesù, è facile riportare il sentore della gente, ma voi, voi che condividete la vita con me, che avete visto e condiviso eventi straordinari,(Vvi che siete "ministri" della mia Parola, voi che oggi frequentate le parrocchie), "Voi, chi dite che io sia?" A Gesù importa questa risposta, una risposta che Pietro, illuminato e sostenuto dallo Spirito Santo, darà a nome di tutti: "Tu sei il Cristo!". 
Sarà, poi, la sua fede in un Messia politico e glorioso, così come lo additava l'antica tradizione, che spiega i due modi diametralmente opposti, con i quali Gesù si rivolge a Pietro: prima lo loda, e subito dopo lo rimprovera aspramente ("Va da retro, Satana..., tu non pensi secondo Dio").
Questo ci dice come tante volte, anche noi guardiamo solo al Cristo "glorioso", bypassando la sua passione e la sua morte. 
Purtroppo non basta "sapere" che Lui è il Cristo, né tantomeno conoscere tutte le sue "credenziali", importante, invece, è sapere chi è Lui per me, se vivo in obbedienza alla Sua Parola.
Gesù ci ha preceduto sulla strada, che ci ha raccomandato di intraprendere: "Sforzatevi di entrare per la porta stretta..."(Lc 13, 24a). Sforzatevi (Agonistès), è il Verbo che indica un lotta estenuante, fino all'agonia.
Da quì capiamo come il vero messianismo d'amore di Gesù, passi per la passione e la croce, percorso che ci chiama a condividere nella nostra vita.
Buona domenica.  


di Redazione | 12/09/2021

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it