We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - 1.100 anni nascita S.Nilo, l’omelia di mons. Vittorio Mondello - Presidente Conferenza Episcopale Calabra


<<Reverendissimi Confratelli nell’Episcopato, carissimi Presbiteri, Diaconi e Seminaristi, onorevoli Autorità, carissimi Fratelli e Sorelle! Grazia a voi e pace nel nome del Signore nostro Gesù Cristo! Introduzione: Siamo radunati qui a Rossano, una terra con un suo volto preciso, che ha vissuto i drammatici scenari degli incontri e degli scontri di interi popoli, con le pagine della sua storia attraversate da una parte dai giochi di potere, dall’altra dal desiderio dell’Assoluto... Siamo qui per un uomo, un calabrese, un santo...  e per una data precisa: 910-2010. Mille e cento anni dalla nascita di San Nilo di Rossano. Non potevamo non esserci!             Noi, Vescovi della Calabria, che rappresentiamo tutte e 12 le nostre Chiese locali, siamo qui. Accogliendo la proposta dell’Arcivescovo di Rossano, Mons. Santo Marcianò, siamo venuti - in una circostanza così singolare - per venerare qui, nella sua città, il grande San Nilo, ed offrire all’intero popolo calabrese un messaggio di fede e di speranza.             Perché, la verità é che tra la vita di San Nilo e quella della Calabria - lunga la prima, ma breve se confrontata alla secolare storia della Regione - c’è una sorta di drammatico e suggestivo parallelismo: un “perenne cammino” ed una “perenne difficoltà” attraversano la storia di San Nilo e quella della Calabria.             Ma, mentre il cammino di San Nilo e le difficoltà della sua vita furono il segno della “fatica della ricerca” e il fuoco del desiderio di Dio illuminò ogni tappa ed ogni svolta di quella storia singolare; il cammino e le difficoltà della Calabria sono spesso avvolti dentro una serie di contraddizioni, dentro le quali é più facile cogliere a volte il grigiore delle nuvole, piuttosto che la chiarezza della luce.             Per questo siamo qui: per chiedere a Dio di illuminarci - per intercessione di san Nilo - sul senso del cammino delle nostre Chiese e della Calabria intera.  L’eco della Parola              La Parola di Dio della Liturgia che stiamo celebrando - la Messa votiva in onore di San Nilo - ci offre - su questa frontiera - una molteplicità di motivi di riflessione.             Ad iniziare dall’invito - o meglio ancora dal comando - che Dio rivolge ad Abramo: “Vattene!”. “Esci dalla casa, dal paese, dalla patria”. E Abramo partì.             Anche Nilo “uscì”. Uscì dalla famiglia, dalla casa, da una vita scontata, dalle consuetudini quotidiane e “partì” verso il progetto di Dio, il disegno misterioso di una vita diversa, nuova, impensata. Una vita donata.             La domanda a questo punto diventa bruciante. Da dove deve uscire la Calabria, verso dove camminare? Cosa Dio le ordina, verso quali prospettive la chiama?             “Non è la circoncisione che conta” -  scrive ai Galati Paolo di Tarso -  “ma l’essere nuova creatura”. S. Nilo lo fu. Vissuto il “distacco”, sperimentò la “novità”. Tutta la sua vita, lungo ognuna delle tappe, fu al contempo l’esperienza di un “distacco” e l’offerta di una “novità”.             Ed anche qui la domanda si fa pungente. È possibile una Calabria nuova? In che cosa può consistere la novità per la Calabria?             Ed infine. Nel brano del Vangelo, che ci invita a contemplare lo sguardo di Gesù che ama il giovane ricco e lo invita ad andare oltre se stesso, è racchiusa l’icona di San Nilo che, a differenza di quel giovane, riuscì a lasciare tutto e a sperimentare la bellezza del Volto di Dio, nascosto lungo i sentieri di un perenne cammino, nella povertà e nel silenzio dell’eremo.             Ma in quella stessa circostanza Gesù, con lo sguardo al suo presente e all’eterno futuro, esclama: “Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel Regno di Dio!”. E qui la domanda si tramuta in ferita.             È ricca o è povera la Calabria? Ricchezze palesi e povertà nascoste o povertà palesi e ricchezze nascoste? Ricchezze e povertà che allontanano o avvicinano a Dio?             Ecco, miei cari fratelli, una serie di domande, alle quali non credo di poter dare risposte esaurienti nello spazio di una rapida omelia; ma domande che pongo come offerta per il pensiero, stimolo per la preghiera, aiuto per la nostra ricerca.  Sentieri              Frattanto, come immediato tentativo di risposta, credo si possa affermare che tre stili di vita di San Nilo possano venire indicati come “sentieri” da percorrere per la gente della Calabria.             Li indicherei così quei tre stili di S.Nilo :             a) la fatica della ricerca,             b) la libertà di essere se stesso,             c) la certezza che consola.  a) La fatica della ricerca...              S. Nilo visse la sua vita in perenne cammino. Il suo cammino conobbe anche l’esperienza della vita familiare. Si sposò ed ebbe figli.      Fu una scelta, un errore? Fu una tappa.             I tempi di Dio non coincidono sempre con i tempi nostri. Ed anche nelle scelte nostre, le più scontate e comuni, Dio sa come intervenire. Ci chiede la “fatica della ricerca” per entrare nel “suo disegno”.             Nilo la visse: sistemò i suoi cari, per seguire una voce che lo chiamava al dono totale, al mistero della preghiera e del silenzio, all’esperienza della “nullità” di se stesso dentro la “totalità” di Dio.             La fatica della ricerca.             La Calabria la sta vivendo. Ed anche le nostre Chiese.             A volte anche le nostre scelte possono sembrare banali e scontate, troppo comuni. È la fatica di entrare nel disegno di Dio.             Cosa vuole Dio dalla Calabria, cosa vuole dalla Chiese di Calabria? Da dove devono uscire le nostre Chiese; da dove deve uscire la Calabria?             Non siamo tutti noi, pastori e fedeli delle Chiese di Calabria, chiamati ad uscire da una pastorale arroccata nella convinzione che “si è fatto sempre così”?             Non siamo chiamati, d’altra parte, ad uscire dagli individualismi, dalla cultura dell’arrivismo, dalla tentazione dell’apparire, dall’abbaglio degli idoli, successo e denaro in testa?             O – al contrario – non siamo chiamati ad uscire da una religiosità troppo devozionale, o dal rischio di chiuderci nei nostri spazi di vita, dal rifiuto del confronto, dalla scarsa attenzione verso i diversi, dalla paura di una società multiforme?             E da che cosa è chiamata ad uscire la Calabria?             Non è forse chiamata ad uscire dal giogo secolare della malavita organizzata, da una subcultura mafiosa, che si fa strada dentro gli scenari della vita di ogni giorno e che si manifesta in una miriade di segni di una violenza inaudita, sostenuta a volte dall’omertà e spesso dalla paura?             Non deve forse uscire la Calabria da una politica schiava del clientelismo, ferita dal gioco delle parti, vissuta senza respiro, chiusa agli orizzonti, incapace di farsi eco credibile dei problemi e del dolore della gente?             È davvero grande, miei cari fratelli, ma inesorabile, la fatica della ricerca…  b) la libertà di essere se stesso              Ci fu poi, per S. Nilo, la libertà di essere se stesso. Il suo ideale non fu altro, alla fine, che la scoperta del “profondo”. Fu “tutto” di Dio. E ciò avvenne quando egli si accorse e visse la stessa esperienza di cui parla Agostino di Tagaste: Dio non era “fuori”, ma “dentro”.             “Tardi ti amai, bellezza tanto antica e tanto nuova, tardi ti amai. Tu eri dentro di me ed io ero fuori. Lì ti cercavo. … Tu eri con me, ma io non ero con te. .. “ confessa S. Agostino.             S. Nilo visse questa meravigliosa esperienza: l’ideale come scoperta del profondo! Dio, non “fuori”, ma “dentro”.             Per questo S. Nilo riuscì ad essere “operaio di pace”, compose una miriade di contrasti, sollecitò la riconciliazione fra i nemici; e fu nel contempo “profeta contro le ingiustizie”.             E per tutto questo, dovunque si trovasse, perfino nel suo eremo, fu sempre ricercato, proprio perché non era solo. S. Nilo era “abitato”: era Dio che lo abitava!             La libertà di essere se stesso. Ecco l’icona di ogni cristiano: un figlio abitato dal Padre.             Ma, qual è la libertà delle nostre Chiese e della nostra Calabria? Le nostre Chiese sono libere di essere quello che sono nel disegno di Dio? Sono abitate da Dio le nostre Chiese? E non mi riferisco alla presenza di Cristo nei tabernacoli di tutte le chiese della Regione. Mi riferisco allo stile della nostra vita, al tessuto del nostro quotidiano.             Cosa traspare dalla nostra stessa esistenza? Siamo abitati da Dio? Si avverte, lungo i passi del nostro andare, il profumo di Cristo?       O nelle nostre chiese diffondiamo soltanto i segni di una nostra presenza che a volte diventa perfino assenza?             E da che cosa è abitata la nostra Calabria? E’ – come è stato scritto – “uno sfasciume pendulo sul mare” o vive e si nutre della bellezza del creato? È un giardino o una selva? Vi splende il sole, una stagione dietro l’altra, o l’incertezza?             Chi si avventura dalle nostre parti è colpito dalla bellezza o è sconfitto dai luridumi? Attratto dall’accoglienza o respinto dall’approssimazione?             La Calabria, fratelli miei, sarebbe davvero stupenda se avesse la libertà di essere se stessa…  c) la certezza che consola...              Ed infine, la certezza che consola.             San Nilo ebbe questa certezza. Questa certezza fu per lui una presenza che avvertiva: la presenza del Dio della vita, che per lui fu ora il Dio del silenzio, ora il Dio dell’attesa, ora il Dio della sorpresa... sempre il Dio che consola. Il Padre che - come afferma la Scrittura - scende dal trono e asciuga le  lacrime dal volto dei suoi figli. E al quale S. Nilo poteva dire con il Salmo: “Le mie lacrime nell’otre tuo raccogli!” (Sl.56)…             Quale certezza - mi domando - quale certezza consola la vita delle nostre Chiese e della nostra Calabria?             Nel panorama, ancora così lontano dalla perfezione, delle nostre Chiese; e nello scenario così fragile della nostra terra, dove il lavoro sembra una chimera, e i viaggi della speranza alla ricerca di un’occupazione si susseguono lungo i giorni di ogni anno; in uno scenario dove una sanità efficiente sembra a volte un lontano miraggio, e i conflitti quotidiani continuano a partorire lutti e paure, dove i giovani si aprono al futuro come fosse un gioco d’azzardo… quale certezza può diventare consolazione?             Nell’attesa che si formi una classe politica matura, un laicato più coraggioso, una burocrazia più efficiente, una scuola più qualificata, quale certezza può consolarci?             Non è forse l’unica certezza dell’unica Presenza che non tradisce? La certezza di Dio.             Di quel Dio, Padre misericordioso, che alla gente di Calabria manifesta la sua presenza anche attraverso la tenerezza di Colei che è per Lui Figlia, Sposa e Madre: Figlia del Padre, Sposa dello Spirito, Madre del Figlio.             È Lei a svelarci il Volto di Dio attraverso il suo molteplice esprimersi lungo le icone che ne rappresentano la vita: la Madonna della Consolazione, o della Montagna, o dei Poveri, o l’Achiropita, la Vergine delle Grazie o la Madonna del Pettoruto, o di Capocolonna, o del Rosario, o del Carmine, o dei Marinai…             È sempre la Madre, nel sorriso della quale splende la luce del Volto di Dio; nella tenerezza della quale il Padre abbraccia le Chiese e la terra di Calabria.  Conclusione              Fratelli carissimi, è proprio per la Sua intercessione - e per quella  di S. Nilo - che chiediamo oggi al Dio della vita che conceda a queste nostre Chiese e alla terra di Calabria una vita nuova, nella quale la speranza non sia una parola, ma diventi il tessuto prezioso di una storia che con coraggio e fatica ricomincia.             Una vita nuova, nella quale la gioia di conoscere, amare e servire il Signore e operare per l’avvento del Suo Regno, abbia una felice  ricaduta anche sul progresso umano e civile della Calabria intera: nella convinzione  che, se cerchiamo e operiamo per l’avvento del Regno di Dio, tutto il resto ci sarà dato in aggiunta. Così il Signore ci dice, così noi crediamo, così è!>> +  Vittorio Mondello - Arcivescovo Metropolita - Presidente C. E. C.

di Redazione | 06/10/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia IonioNotizie per la tua pubblicità bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it