We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Guai al seme che non attende più nessuna primavera


di LETIZIA GUAGLIARDI - E siamo di nuovo in primavera ma – colpa del tempo ancora rigido e della situazione che stiamo vivendo – ci sentiamo come i semi che, sotto terra, aspettano i primi tepori per sbocciare e deliziarci con i loro doni. Stiamo aspettando anche noi ma, per il secondo anno consecutivo, ci viene veramente difficile apprezzare i piccoli segni della natura che si sta preparando al risveglio. Eppure lo sta facendo, anche quest’anno, grazie a Dio. Leggiamo questi stupendi versi:

Tu visiti la terra e la fai sovrabbondare,

l’arricchisci grandemente; il fiume di Dio

è pieno d’acqua; tu procuri agli uomini

il loro frumento, dopo che così hai preparato la terra.

Tu imbevi d’acqua i suoi solchi, l’ammorbidisci

con le piogge e ne benedici i germogli.

Tu coroni l’annata con la tua munificenza,,

e le tue orme traboccano d’abbondanza di beni.

I pascoli del deserto grondano acqua

e le colline sono ricoperte di letizia.

I pascoli si rivestono di greggi

e le valli si coprono di frumento;

essi mandano grida di gioia e cantano (Salmo 65: 9-14)

La primavera è una stagione, sì, ma è soprattutto uno stato d’animo. Manteniamolo vivo nel nostro cuore. E manteniamo viva, anche, la speranza che la primavera – cioè la rinascita – arriverà.

Non possiamo ancora andare fuori per godere della bellezza della primavera ma, nel frattempo, possiamo iniziare a portarla in casa nostra. Ecco alcuni piccoli accorgimenti che ho sperimentato – sono semplici, costano poco e ci fanno bene:

- riempiamo dei vasi (ma anche dei semplici bicchieri o delle tazze) con fiori freschi e distribuiamoli in vari posti: il loro profumo e i loro colori ci metteranno di buonumore;

- prepariamo piatti allegri con le verdure di stagione, dolci e spremute alla frutta;

- leggiamo un bel libro e scegliamo un angolino, circondiamoci di altri libri ancora da leggere, aggiungiamo qualche pianta e dei fiori;

- regaliamo alla nostra casa dei tocchi di colore, freschi e briosi: lenzuola, cuscini, strofinacci e presine, tovaglie e asciugamani, magari a tema floreale;

- facciamo spazio alla primavera mettendo ordine nei cassetti e negli armadi: scopriremo che eliminare le cose inutili e superflue ci fa sentire più leggeri;

- cambiamo posizione ad alcuni mobili e agli oggetti: cambierà l’immagine di una stanza e scopriremo nuovi modi di vedere le cose;

- prendiamo pennelli e colori e dipingiamo oggetti anonimi: non serve essere pittori, non dobbiamo venderli né sottoporli al giudizio altrui, devono piacere a noi (in alternativa, scegliamo altri modi per esprimere la nostra creatività);

Osserviamo dalla finestra: c’è tanto, lì fuori, per chi vuole guardare. Senza accorgercene, la mente vaga, immaginiamo e ci rilassiamo. Quando la mente vaga, si attiva la creatività.

Il termine “primavera” deriva dal latino “ver”, che si ricollega al sanscrito “vas”, che vuol dire “splendere”. La natura si sta preparando perché sa che tornerà a vivere e a brillare, dopo il silenzio e il buio dell’inverno. Prepariamoci anche noi. Verrà, sicuramente, il momento di uscire da questo “buio”: non facciamoci trovare impreparati. “Estoti parati!”

Guai al seme che non attende più nessuna primavera (Theodor Codreanu)


di Letizia Guagliardi | 24/03/2021

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50 IonioNotizie per la tua pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it