We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - La città di Rossano e il popolo arbëreshë piange per la morte di Pino Cacozza


È arrivata prematuramente la morte del prof. Giuseppe  Cacozza. Il docente e artista, originario di San Demetrio Corone, ma da tanti anni residente nella città di Rossano, si è spento presso il policlinico di Catanzaro. I funerali sono stati celebrati a San Demetrio Corone, paese a cui è sempre rimasto fortemente legato. In occasione delle esequie, tante persone, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, sinceramente commosse, hanno voluto dare l’ultimo saluto. Partecipazione attiva di vari rappresentanti istituzionali e religiosi, oltre a numerosi amici. La famiglia sta ricevendo innumerevoli messaggi, anche internazionali, di sgomento e cordoglio. Fra questi, anche, capi di Stato. La sua mancanza sarà difficile da colmare. Il suo ricordo non si spegnerà, perché Pino è entrato nell’animo di tutti: albanenesi, kossovari, bosniaci, grecanici, italo-albanesi e i suoi Italiani.

Mirava a creare una reale integrazione fra queste etnie diverse ponendo alla base del suo progetto il bisogno oggettivo di educare alla pace tra i popoli. Quando avremo modo di celebrare appieno la sua figura di artista, fornito di apprezzabile  cultura, di immensa  sensibilità e di profonda fede, doti che gli permettevano di trasmettere alti valori, si capirà come i motivi posti a giustificazione di prestigiosi e internazionali premi e riconoscimenti  furono appropriati.

Per il suo curriculum rinviamo al sito arbitalia.it, qui, a mo’ di esempio, si riporta alle giustificazioni poste  a base del “Premio Mediterraneo d’Arte e Creatività”, ricevuto  nel 2009 a Napoli. Questo prestigioso riconoscimento viene  assegnato annualmente a personalità del mondo politico, scientifico, culturale e artistico che hanno contribuito, con la loro azione, a ridurre le tensioni e ad avviare un processo di valorizzazione delle differenze culturali e dei valori condivisi nell'area del Grande Mediterraneo,

A Pino fu assegnato con questa motivazione: “Per aver dato espressione alla coscienza collettiva del popolo arbëresh. Nella sua ampia produzione di poesia e canzoni fa rivivere con invenzione e gusto di leggenda le memorie latenti d'una comunità che si è socialmente e politicamente fusa nella nazione italiana senza perdere la propria tradizione storica e linguistica. Preferendo al teatro le piazze, nelle sue recite piega il verso e la musica all'esaltazione di tutto un popolo, ne rinnova le radici, rafforza il sentimento unitario e trascina l'uditorio nel giro fraterno della danza corale con cui chiude sempre lo spettacolo”.

Ecco, il popolo ha sentito, introitato e quindi  si è lasciato plasmare dalla  forza attrattiva che a Pino Cacozza dava il potere di trasmettere alti valori morali, di solidarietà e fratellanza si da fornire un grande contributo per una civile convivenza .

Ha fatto capire al mondo intero chele tradizioni, i valori  del popolo arbereshe costituiscono un tesoro a cui conviene attingere onde costituire quello scambio culturale  che fa tanto bene alla convivenza. Ed è cosi che lo piangono tutte le etnie!

Nel suo nome continueremo quella sua aspirazione di nobilitare il territorio in cui viveva tanto da fondare a Rossano l’ Associazione Arbëreshë.  Vincenzo Iapichino


di Redazione | 23/02/2021

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it