We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Catanzaro (Catanzaro) - Il Consigliere regionale Magarò scrive al Governatore della calabria: Dotare della Pet – tac i presidi ospedalieri di Cosenza e Reggio Calabria


<<La Pet-Tac è una metodica medico-nucleare non invasiva di recente applicazione in campo clinico, indispensabile per la diagnosi e la cura delle patologie oncologiche. Con la Pet-Tac è possibile ottenere con un unico esame, informazioni quantitative e qualitative sulla fisiologia dei tessuti viventi, altrimenti individuabili sottoponendo i pazienti a diversi esami diagnostici tradizionali, quali la Scintigrafia, la Tac, la Rmn, esami le cui liste di attesa sono particolarmente intasate. L’esecuzione di un esame Pet-Tac nel 38% dei casi cambia la stadiazione diagnostica, nel 42% cambia la terapia e nel 70% evita la biopsia>>. E’ quanto si legge in una missiva del consigliere regionale Salvatore Magarò indirizzata al governatore Scopelliti. <<In Europa la strumentazione che adotta la metodica Pet è assai diffusa, in Italia molti presidi dispongono di questa attrezzatura, sia nel campo pubblico che privato, in Basilicata, Campania, Puglia e Sicilia è istallata o in via di istallazione almeno una Pet-Tac per ogni provincia, in Calabria ne esiste una sola presso il Polo oncologico di Germaneto. Nel 2009 oltre 7.600 pazienti per sottoporsi a questo esame, sono stati costretti a spostarsi fuori dalla Calabria, con tutti i disagi che ciò comporta per un ammalato di tumore, con una spesa per le casse regionali di oltre otto milioni di euro di cui hanno beneficiato i bilanci di aziende sanitarie di altre regioni. Si stima per il 2010 un incremento del 25%.  Ritengo che per razionalizzare la spesa sanitaria si debba anche investire sull’acquisto di apparati di ultima generazione. Questa apparecchiatura – sottolinea Magarò – ha un costo relativamente accessibile pari all’incirca a 3 milioni di euro. Dotare della Pet-Tac almeno i presidi ospedalieri di Cosenza e Reggio Calabria, dove vi sono le professionalità per il suo funzionamento, consentirebbe di ammortizzare l’investimento nel giro di pochi mesi e di offrire ai pazienti un servizio diagnostico all’avanguardia, riducendo così l’emigrazione verso altre regioni e tagliando la spesa sanitaria>>.

di Redazione | 24/09/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it