We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - “L’INTERVENTO” 50° anniversario della Parrocchia “Divino Cuore di Gesù” di Mirto, excursus storico di don Giuseppe De Simone


<<Era il 10 aprile 1960, Domenica delle Palme, quando Mons. Giovanni Rizzo, Arcivescovo di Rossano, benediceva la nuova Chiesa parrocchiale, sorta in una frazione del Comune di Crosia ,in via di veloce espansione , Mirto. Il presule aveva voluto per Mirto, intuendo i tempi nuovi dello spopolamento delle zone montane e lo sviluppo del litorale ionico una Chiesa bella , spaziosa, adeguata ai nuovi criteri architettonici del tempo. Gli abitanti del luogo, anche i più illuminati si chiedevano : “Perché una Chiesa così grande ?”. Mons. Rizzo, secondo i racconti di qualche antico abitante del luogo, riportati dal Parroco emerito Mons. Pietro De Simone, per 44 lunghi anni pastore della comunità mirtese, rispose  - e il tempo gli diede ragione - :  “Mirto si ingrandirà e questa Chiesa sarà adeguata alle sue necessità !”.   Ma dobbiamo andare indietro nel tempo per capire la storia di questa Chiesa e di questa Comunità, che anticamente si ritrovava a celebrare la Messa e le altre funzioni liturgiche nell’antica chiesetta del “Castello” di Mirto, dedicata all’apostolo S. Bartolomeo,  una grossa masseria con residenza padronale degli allora proprietari i Conti Mangoni di Napoli. Ora quella Chiesa è diruta e l’incuria umana e il tempo la stanno del tutto distruggendo ! Fu proprio Mons. Rizzo a erigere canonicamente questa Chiesa in Parrocchia con decreto arcivescovile del  26 maggio 1949, poi riconosciuta civilmente nel 1950. C’è da ricordare che nel pomeriggio dell’ 8 novembre 1949 Mons. Rizzo poneva la prima pietra della erigenda nuova Parrocchia. Come leggiamo sul Bollettino ecclesiastico del tempo (agosto-novembre 1949) parteciparono alla manifestazione numerosi fedeli della zona, insieme ai donatori del suolo i Conti Mangoni   e ai componenti del Comitato per la nuova Chiesa. Presenti anche diversi sacerdoti provenienti da Rossano e dalla zona pastorale di Longobucco. L’Arcivescovo ringraziando tutti i presenti e soprattutto i benefattori e gli altri volenterosi, che si adoperarono per il sorgere della Chiesa, consegnava una sua personale offerta di L. 50.000. Intanto passarono diversi anni per vedere la realizzazione della nuova Chiesa, oltre dieci anni per arrivare al 1960 ! La Messa festiva o per altre circostanze veniva celebrata nell’antica chiesetta del Castello da vari sacerdoti, tra cui è bene ricordare Don Fedele di Calopezzati, mentre più tardi, nel 1952,  primo Parroco fu nominato Don Alfonso Cosentino, in quel momento V. Rettore del Convitto Arcivescovile di Rossano e, dopo di lui, seguirono diversi altri sacerdoti,  che si alternavano nella cura della nuova Parrocchia. Sono da ricordare anche i benemeriti Padri Giuseppini del Murialdo, che operavano a Rossano e tra questi in particolare P. Agostino Tirelli (“P. Lappa”), a cui a Mirto è stata dedicata una strada e P. Pasquale De Troia, i quali cominciarono a celebrare la Messa in un locale più centrale messo a disposizione, nei pressi della piazza di Mirto, poco distante dalla stazione ferroviaria. Il primo “P. Lappa”, così chiamato per la sua altezza, è ricordato dagli abitanti del tempo per il suo spirito missionario e la sua grande bontà. Egli si presentava con il suo simpatico motociclo “il galletto”, percorrendo le strade di campagna sterrate del tempo. I lavori della Chiesa iniziarono nel 1957 , mentre precedentemente nel 1954 la Contessa Piria Litteria in Mangoni formalizzava la donazione del terreno (1800 mq. in contrada Mirto) all’Arcivescovo del tempo. Essi  previdero la costruzione non solo della Chiesa, ma anche della Canonica e delle altre opere di ministero pastorale, finanziati anche con i contributi dell’ Opera “Valorizzazione della Sila”, previsti per il Centro Servizio di Mirto. E finalmente il 10 aprile del 1960, come apprendiamo ancora dal Bollettino ecclesiastico del tempo (Rivista ecclesiastica, giugno 1960),  Mons. Rizzo benediceva la campana e la Chiesa, consacrando l’altare maggiore,  i vasi sacri e celebrando la Messa vespertina. Numerosi i presenti e in particolare gli abitanti del luogo, che espressero all’ Arcivescovo la loro gratitudine, offrendo anche arredi e oggetti di culto, necessari per la nuova Chiesa. Mons. Rizzo prendendo la parola dopo il Vangelo, da parte sua, leggiamo nella rivista : “Ha ringraziato il Signore per il dono fatto alla zona rilevando l’importanza del Tempio nella vita spirituale dei fedeli. Esprimeva gratitudine a quanti contribuirono e collaborarono per un’opera veramente grandiosa che costituirà il punto di inizio per la nuova Mirto”. A questa bellissima ed entusiasmante manifestazione presero parte non solo il Sindaco del tempo Dott. Francesco Santoro con i membri del Consiglio comunale, ma anche le Associazioni di Azione cattolica, le Pie Unioni della Poa-Onarmo, i rappresentanti del Capitolo Cattedrale di Rossano e diversi Parroci della zona pastorale, nonché P. Pasquale De Troia già ricordato. La cura della nuova parrocchia vide succedersi negli anni successivi altri sacerdoti nelle persone di Don Placido Nicotra e Don Gaetano Conti, originari della Sicilia, fino al novembre 1966, quando  fu nominato Parroco Don Pietro De Simone, in quel momento parroco di S. Domenico in Longobucco. Nei suoi oltre quarant’anni di guida pastorale a Mirto,  Mons. De Simone ha assistito allo sviluppo sociale, culturale ed economico di Mirto, che da una piccola frazione è diventata una  cittadina, facente parte del Comune di Crosia, dove sono confluiti migliaia di persone e tantissime famiglie, provenienti dall’entroterra e in specie da Longobucco, Bocchigliero ed altri paesi limitrofi. Don Pietro in questi lunghi anni di parrocato non solo si è impegnato per completare e rifinire la Chiesa in tutte le sue parti, ma l’ha arricchita di preziosi mosaici e vetrate istoriate, ristrutturandola completamente,  rendendola più accogliente e liturgicamente più adeguata. Il suo impegno è stato profuso nel campo  civile e culturale, promuovendo ad esempio l’istituzione dell’ Istituto professionale per il commercio e tante altre iniziative nel campo religioso, che hanno fatto di Mirto una della realtà leader del territorio. L’evento del cinquantesimo è stato ricordato, anche se con  alcuni mesi di  ritardo, in occasione dei Festeggiamenti patronali del S. Cuore di Gesù , nella serata del 5 agosto 2010. Il Comitato del S. Cuore, insieme alla Amministrazione comunale, presieduta dal Sindaco Prof. Gerardo Aiello e all’Amministrazione provinciale, rappresentata dal Dr. Giovanni Forciniti, hanno organizzato la serata, allietandola con un Concerto di fiati della Provincia di Cosenza. Nel ricordo dell’evento è stato salutato e ringraziato ufficialmente Mons. Pietro De Simone, che ha lasciato la cura pastorale della Parrocchia per raggiunti limiti d’età, a lui sono succeduti come Parroci in solido,  a cominciare da giorno11 agosto 2010 Don Umberto Pirillo e Don Giuseppe De Simone. Ci si augura che questo cinquantenario di storia della Comunità parrocchiale del “Divino Cuore di Gesù” di Mirto possa concludersi con un’ altra significativa manifestazione che prevede già da tempo,  in occasione della Visita pastorale dell’attuale Arcivescovo Mons. Santo Marcianò che si svolgerà nei primi giorni del mese di dicembre prossimo, la predisposizione -  per iniziativa delle locali Poste e Telecomunicazioni nonchè dell’ Amministrazione comunale,  in sintonia con la stessa Parrocchia -  di un apposito annullo filatelico che ricordi e tramandi  ai posteri l’importante evento giubilare!>>. Don Giuseppe De Simone  

di Redazione | 29/09/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it