We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Forum telematico Magna Graecia, aderiscono i sindaci di Crosia e Isola C.R.


Confluiscono di diritto nel Comitato Magna Graecia anche i sindaci di Isola Capo Rizzuto e Crosia Maria Grazia Vittimberga e Antonio Russo. Continuano gli incontri telematici del movimento civico volto a sensibilizzare sull’idea dell’istituzione della provincia Magna Graecia, con due capoluoghi (a nord Corigliano Rossano, a sud Crotone) e, soprattutto, a saldo zero per lo Stato.

Tale convergenza è stata manifestata nel corso della diretta Facebook sul canale Magna Graecia. Nel precedente appuntamento hanno dato assenso alla proposta i parlamentari Barbuto e Sapia.

Diversi gli argomenti che hanno animato la diretta, fra cui, la sproporzione demografica e territoriale tra la provincia di Cosenza e quella di Crotone; il  blocco ai lavori dell’elettrificazione del tronco Sibari-Corigliano; lo squilibrio in termini di servizi e mobilità tra la linea Jonica e quella Tirrenica.

Il sindaco Vittimberga ha palesato le problematiche che oggi vivono le municipalità per la mancanza di un rapporto di rete intercomunale nei servizi; la necessità di aprire il territorio a quelle che sono le vocazioni dello stesso, inverando pertanto le potenzialità delle aree vaste. Si è soffermata, anche, sulla crisi post covid che potrebbe riverberare effetti nefasti nelle già provate economie joniche, che basano i propri introiti soprattutto sui servizi turistici.

Il sindaco Russo ha confermato la necessità di consolidare un rapporto tra l’area sibarita e del crotoniate, soprattutto in funzione della nascita della nuova città di Corigliano Rossano, che acquisisce il ruolo di baricentricità all’area sibarita. Ha altresì posto l’accento sulla necessità di invertire una linea di tendenza che, storicamente, giunti a Sibari, vira verso l’entroterra, decretando di fatto la morte dell’asse Sibari-Crotone. Ha posto l’accento sui disegni infrastrutturali perpetrati negli anni e perpetuati ad oggi, che vedono l’arco Jonico come assoluto soccombente, invitando ad un cambio di rotta che tagli col passato, facendo quindi uscire lo Jonio da quella condizione di periferia nella quale è piombato.

Entrambi gli amministratori hanno apprezzato la bontà dell’idea progettuale che il Comitato si propone, sposandone la nobile causa e invitando a una sensibilizzazione ancor più capillare ed un sempre costante coinvolgimento degli attori istituzionali dell’area Jonico-Silana.


di Redazione | 25/05/2020

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it