We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Focus scuole – Al Comprensivo un dibattito contro la violenza sulle donne


L’Istituto comprensivo di Mandatoriccio continua a creare presupposti di crescita dei propri alunni e della comunità sociale in cui opera quotidianamente. Un’iniziativa in tal senso è stata caratterizzata da un incontro-dibattito contro la violenza sulle donne, dal titolo “Senza rispetto non c’è amore”. Curata dai docenti Aquila Adele Passavanti e Antonio Cirigliano, la scuola guidata dal dirigente scolastico Angelo Serafino Parrotta, ha ospitato illustri ospiti.  Dopo l’Inno di  Mameli eseguito dall’Orchestra dei flauti dolci, formata dagli alunni delle classi seconda e terza dela scuola secondaria di primo grado e cantato dagli alunni della classe prima, hanno portato i saluti il dirigente scolastico Angelo Serafino Parrotta e il sindaco di Mandatoriccio, Dario Cornicello, quindi, si è proseguito con la lettura del messaggio dell’Arcivescovo di Rossano-Cariati, mons. Giuseppe Satriano, che ha offerto alla platea importanti spunti di riflessione. “Oggi – ha scritto mons. Satriano - a più livelli, non abbiamo rispetto della persona e della dignità  e questo  viene declinato  su quanti sono più fragili  nella società  in cui viviamo: donne, bambini, anziani, immigrati”. Si è proseguito con gli interventi del dirigente del Commissariato di Pubblica sicurezza di Corigliano-Rossano, il dottor Cataldo Pignataro e del Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Rossano, il capitano  Carlo   Alberto  Sganzerla. Entrambi, profondi   conoscitori   del   territorio loro assegnato, in modo chiaro ed esaustivo, hanno puntualizzato diversi interventi posti in essere a seconda dei casi. Hanno parlato dei reati che si configurano ed è stata illustrata l’attuazione di  “percorsi protetti” creati per l’accoglienza e l’ascolto  delle donne all’interno degli uffici di Polizia e l’allestimento di un apposito setting d’ascolto presso gli uffici investigativi della Questura di Cosenza. Giosuè Marino, funzionario dell’Ufficio scolastico provinciale di Cosenza, ha sottolineato l’importanza della diffusione nelle scuole di iniziative mirate all’approfondimento di queste problematiche. A tal proposito sono stati richiamati anche i concorsi banditi dal Miur a vantaggio delle pari opportunità  e sulla condizione femminile. Luigia Rosito, assistente sociale e responsabile del Centro antiviolenza “Fabiana” di Corigliano – Rossano è entrata nel vivo dell’attività di accoglienza e di ascolto svolta dal suddetto  centro antiviolenza  e su come sia delicato, a volte, aiutare le donne poiché solo dopo un lungo percorso  riescono a liberarsi del senso di colpa e acquisire la consapevolezza di non essere loro le responsabili della violenza che scatenano nell’uomo, che le maltratta o le minaccia. A seguire si è dato spazio al dibattito. Fra gli altri sono intervenuti, offrendo interessanti input, la dirigente scolastica del Comprensivo di Crosia Rachele Anna Donnici, e la psicologa del centro antiviolenza  “Fabiana”, Sonia Leonino.


 


di Redazione | 09/01/2020

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno IonioNotizie per la tua pubblicità Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2020 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it