We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Ambiente, gli studenti del Comprensivo Crosia promettono atteggiamento consono


Ambiente, l’Istituto comprensivo di Crosia, ritenendo la scuola il luogo che ha nelle sue finalità la promozione della corretta informazione e della cultura e la formazione di cittadini consapevoli e responsabili, si impegna a ridurre, fino a eliminare, i consumi di bottigliette di plastica, sostituendole con borracce o distributori d’acqua; promuovere e rispettare la raccolta differenziata dei rifiuti all’interno di tutti i locali dell’Istituto; promuovere il riciclo e riuso dei materiali di uso quotidiano; promuovere percorsi di divulgazione scientifica, organizzando momenti di incontro tra la comunità scolastica ed esperti in ambito ecologico e climatologico. È quanto ha evidenziato il dirigente scolastico della scuola cittadina, Rachele Anna Donnici. Gli studenti crosimirtesi hanno accolto favorevolmente l’appello della dirigente Donnici e si dicono pronti a mutare i propri comportamenti in favore dell’ambiente. “Ognuno di noi – ha affermato l’alunna Ludovica Madeo -  nel proprio piccolo, può contribuire ogni giorno alla tutela dell'ambiente. Io cerco di stare attenta negli atteggiamenti – ha riferito testualmente -  e a compiere azioni nel rispetto dell'ecosistema, come ad esempio evitare sprechi dell’acqua etc”.  La stessa Ludovica ha evidenziato che l’estate scorsa, dopo una mareggiata, ha provveduto “a ripulire un pezzo di spiaggia dalla spazzatura che il mare ci ha restituito”.  Lo studente Serafino Calarota ritiene che prevenire ogni forma di inquinamento sia “necessario per proteggere le risorse naturali, che sono di fondamentale importanza per la nostra sopravvivenza”. Per il giovane alunno di prima media “è giusto fare la raccolta differenziata, infatti – ha commentato - a casa aiuto la mia mamma. Insieme facciamo la raccolta della plastica, carta, umido e indifferenziata. Ho imparato anche a non sprecare l’acqua. Per di più credo nella necessità di riutilizzare quei materiali che, spesso, invece vengono buttati nelle discariche”. Martina Chiarelli ha parlato delle varie forme di inquinamento. “Il mondo – ha detto – sta soffocando: deforestazione, polveri sottili e invasione della plastica hanno raggiunto livelli elevatissimi. C’è tanto da fare. Basterebbe, però che ognuno di noi rispettasse le regole a partire dai piccoli gesti quotidiani”.  Per Miriam Acri la salvaguardia dell’ambiente rappresenta un’importante priorità di questo momento storico. “Noi uomini – ha commentato - stiamo deturpando la natura. Abbiamo il dovere di mutare i nostri comportamenti. Siamo i responsabili di questa situazione”. Da qui la promessa dei ragazzi a cambiare il proprio stile di via e, al contempo, l’appello ai coetanei: cerchiamo di salvare il salvabile. Intanto l’istituzione scolastica di Mirto Crosia si impegnerà a promuovere incontri con la Protezione civile locale per informare la comunità scolastica sui comportamenti di prevenzione in previsione di eventi meteorologici estremi; incrementare l’utilizzo di prodotti per le pulizie biodegradabili; coinvolgere gli studenti nella cura degli spazi verdi della scuola sviluppando un modello di gestione condivisa delle risorse naturali di cui l’Istituto comprensivo dispone in tutti i plessi, così da essere esempio virtuoso di un modello alternativo di gestione ambientale, plurale e democratico.  


di Redazione | 24/10/2019

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it