We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - I BoCS Art, location esclusiva per l'ultima produzione di Scena Verticale.


Mentre è in corso la residenza fotografica – otto professionisti che posano il loro obbiettivo sulla città fermandola in scatti che poi confluiranno in un book fotografico – i BoCS Art si apprestano ad essere location esclusiva per l'ultima produzione teatrale di Scena Verticale, in anteprima nazionale a Cosenza il 31 maggio (ore 21.30), nell'ambito della rassegna 'Primavera dei Teatri', con il supporto dell'Amministrazione comunale-Assessorato alla Cultura. Dario De Luca si è lasciato ispirare da questo luogo della creazione, unico nel suo genere in Europa, ed un BoCS diventa lo spazio scenico che accoglie “Lo Psicopompo”, spettacolo di cui è autore e regista, e che lo vede in scena insieme a Milvia Marigliano, una delle migliori interpreti del panorama teatrale italiano. In questa casa-vetrina, un uomo e una donna, madre e figlio, si confrontano sulla morte: lui è infermiere e, clandestinamente, accompagna i malati terminali nel suicidio assistito; lei è una professoressa in pensione e desidera morire. Il dialogo si dipana in una dialettica serrata ma placida, anche intorno a riflessioni sulla musica classica, per loro presenza costante. I due, con i loro rapporti interpersonali complicati, già minati da un’altra sciagura del passato, che fa da sfondo alle loro vite, si troveranno ad essere testimoni del mistero della morte e a contemplare l’abisso.  Cosa sarà di loro?

Gli spettatori, dall'esterno, come di fronte ad uno schermo cinematografico, partecipano questa dimensione di profonda intimità, rafforzata dall'ascolto in cuffia, insolito modo di vivere l'esperienza teatrale.  “Un'atmosfera narrativa che sposa perfettamente la dimensione dei BoCS Art – così Dario De Luca - luogo di laboratorio creativo ma anche  luogo di residenza degli artisti ospiti”.
“Io ho scelto di dire quello che avevo da dire, nella consapevolezza che è una follia. L’umana fragilità, e la mia personale - è ancora il commento dell'autore-regista-interprete - pone limiti insormontabili al mio operato. Chiedo fin da subito venia a tutti e invito tutti a tener conto di una semplice considerazione: se vogliamo poter sopportare la vita, disponiamoci ad accettare la morte”.


di Redazione | 31/05/2019

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it