We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Protagonisti della nostra vita


di LETIZIA GUAGLIARDI - Siamo in Toscana, nella residenza artistica che ci sta ospitando. In tutti questi giorni i miei ragazzi (dell’Itis “E. Majorana”) hanno imparato a dare vita ai personaggi che, prima di partire da Rossano, erano solo sulla carta. È stata un’impresa piuttosto difficile, soprattutto per chi non è mai salito su un palco, non è abituato a condividere quello spazio circoscritto con altre persone e non ha mai recitato (se non negli spettacolini scolastici).

Sono stati giorni molto intensi, pieni di prove (dalle 9:30 alle 19:30) e di esercizi di vario tipo (per fissare i movimenti, per affinare la consapevolezza, per acquisire fiducia, per impegnarsi a collaborare, per imparare a rispettare le attrezzature e gli oggetti di scena) e strabordanti di emozioni e stati d’animo diversi (dalla stanchezza all’energia ritrovata, dalla sfiducia alla consapevolezza di sè, dallo scoraggiamento al sollievo, dalla monotonia della ripetitività alla gioia e al divertimento).

I due bulli in agguato

Questa esperienza si sta rivelando utilissima per i miei alunni, ogni giorno di più. Fa emergere aspetti di loro che non conoscevano, libera molte emozioni che erano rinchiuse e aspettavano di poter uscire, mette in evidenza i  punti deboli e i punti di forza.

Ho visto i miei ragazzi sbagliare un movimento sulla scena, ripeterlo, sbagliare di nuovo, scoraggiarsi, riprovare ancora una volta e due e tre e poi gioire quando finalmente era perfetto.

Li ho visti impegnati a imparare interi dialoghi, soffrire per gli inevitabili vuoti di memoria, ripetere tante volte le stesse battute, anche a fine serata, fino allo sfinimento ma poi ridere di soddisfazione per esserci riusciti.

Li ho visti lavorare sulle sfaccettature del proprio personaggio, fare attenzione al suo lato psicologico, togliersi i panni di adolescente e indossare quello di un figlio che soffre per la mancanza della madre, di un padre che per il dolore diventa alcolizzato, di due ragazzi che per noia diventano bulli…

Li ho visti rendersi conto che quando si ha un obiettivo – e per noi è lo spettacolo del 27 marzo a Roma – si può raggiungerlo solo con la tenacia, la perseveranza, la forza di volontà e tantissima disciplina.

Nel teatro di Cinigiano, c’è stata l’anteprima: un successo.

Ho visto i miei ragazzi con gli occhi lucidi davanti agli applausi del pubblico entusiasta.

Anch’io avevo gli occhi lucidi e tremavo per l’emozione: li ho visti protagonisti sul palco e ora so che stanno imparando per esserlo anche nella vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


di Letizia Guagliardi | 25/03/2019

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it