We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Bullismo e cyberbullismo: ne parla la Fidapa


di ENRICO IEMBOLI  - La Fidapa, Federazione italiana donne arti professioni affari, sezione di Rossano, prosegue nel suo impegno a favore del sociale e in modo particolare delle giovani generazioni. Questa volta affronta la tematica del “bullismo” giovanile e del “ciberbullismo”, in un convegno  che la presidentessa per il biennio 2017-2019 dottoressa Giuseppina Santagata ha presentato presso la sala dell’auditorium “Alessandro Amarelli”, aperto ai genitori e studenti, agli operatori del mondo della scuola e a tutti coloro che si interessano di cittadinanza attiva.

Dopo i saluti di rito, la Santagata ha introdotto l’argomento facendo un breve cenno sul ruolo della vittima e del bullo per poi lasciare la conduzione della serata alla dottoressa Pina De Martino, vice presidente FIDAPA che si è sempre distinta per la sensibilità dimostrata anche come dirigente scolastico avverso le richieste e problemi giovanili. “Nella mia scuola è praticata la regola dell’ascolto dei ragazzi” –ha precisato la De Martino- “al fine di recepire le istanze e le problematiche giovanili dai diretti protagonisti in una società che forse non è abituata ad ascoltare molto i giovani”. Dopo avere raccontato qualche episodio particolare di bullismo, ha presentato il relatore del tema del convegno, il dott. Riccardo Greco, presidente del Tribunale dei minori di Bari, il quale ha riferito subito che dal punto di vista giudiziario non esiste una legge contro il bullismo né contro l’aspetto peggiore rappresentato dal cyberbullismo, ancora di più pericoloso perché manca il contatto diretto ed i danni provocati sono peggiori perché i messaggi postati non possono essere revocati , L’unica legge vigente è la n. 71/2017, che però non prevede pene nei confronti di coloro che praticano il “bullismo”  ma detta soltanto “disposizioni” a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno, anche se dal punto di vista giudiziario questo fenomeno ha una valenza di illecito. Il dott. Greco ha riferito all’attento pubblico presente che bullismo è un fenomeno recente, praticato da giovani che una volta erano  “baldanzosi” ma che oggi sono diventati  soggetti prevaricatori che non agiscono da soli ma si circondano di spettatori per essere riconosciuti come bulli.

Di fronte all’attuale quadro normativo, l’eventuale “vittima” può solo appellarsi alla società e agli istituti che gestiscono i  social, oppure chiedere al garante della privacy o alla polizia postale  di far cancellare i messaggi postati. L’unico aspetto confortante, riferisce Greco,  è che il tribunale dei minori interviene sul bullo e sulla vittima avvalendosi della collaborazione dei psicologi, psichiatri ed educatori scolastici per capire i motivi e trovare le soluzioni adatte.

È intervenuta sul delicato ed attuale tema anche la dott.ssa Sigismina Converso, la quale ha trattato gli aspetti psicologici del bullismo e del cyberbullismo, sottolineando che oltre alla comprensione del fenomeno  e l’utilizzo degli esperti, è necessario che l’intera collettività si senta coinvolta, rifletta ed agisca senza delegare e nemmeno per trovare un capo espiatorio. La violenza aumenta sempre di più tra i ragazzi che, essendo in possesso di nozioni avanzate dal punto di vista tecnologico, fanno uso frequente del cyberbullismo  creando situazioni devastanti per la vittima o le vittime di turno.

La prevenzione può fare molto per contrastare il fenomeno del cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni ed attraverso di essa possano essere raggiunti ottimi risultati utili a togliere la vittima dall’isolamento ove per scelta personale si è relegata.

La Converso, attraverso la visione di un filmato,  ha offerto diversi spunti di riflessione sui diversi aspetti del bullismo e sui comportamenti sia del bullo e sia della vittima,  i quali sono simili nel modo di agire perché entrambi fanno gli stessi errori, entrambi sono inesperti dal punto di vista emotivo e sociale ed entrambi hanno bisogno di aiuto.

Nel corso del convegno, Martina Rizzo, alunna della scuola E. Maiorana di Rossano, ha letto un’interessante testimonianza rilasciata da una ragazza romana, vittima del bullismo, oggi testimonial della Polizia postale.


di Redazione | 31/01/2019

Pubblicità

cinema teatro sanmarco rossano 10 aprile decennale IonioNotizie.it vendesi tavolo da disegno studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it