We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Cosa possiamo imparare da una lumaca


di LETIZIA GUAGLIARDI - Oggi entro in punta di piedi nella vita delle lumache. Ho appena scoperto una cosa molto interessante su di loro (della loro lentezza già ne ero a conoscenza).L’occasione me l’ha offerta la classe I A della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Crosia Mirto, guidato dal dirigente scolastico Rachele Anna Donnici, perchè – ispirandosi proprio alla saggezza della lumaca – ha vinto il concorso “Inventiamo una banconota” bandito dalla Banca D’Italia.

La novità – almeno per me – è che la lumaca costruisce il proprio guscio (in cui vive per tutta la vita) e sa esattamente quanto deve essere grande, in base alle proprie dimensioni e alle proprie esigenze. Non è per niente tentata di costruirne uno più grande: quando si accorge che una crescita eccessiva le farebbe fare una vita pessima, decide di fermarsi. Non rischia di essere schiacciata da un peso che non può sopportare e riesce anche a riparare i danni alla sua casetta, anche perchè è consapevole che non se ne può permettere un’altra.

E noi? Abbiamo la sua stessa saggezza? Siamo in grado di capire quando è il momento di fermarci? Ci rendiamo conto che crescita illimitata, sfruttamento infinito delle risorse del pianeta e spreco continuo di tutto – di energie, di cibo, di denaro – non significano benessere? Crediamo di essere liberi ma… quante nuove forme di schiavitù ci sono?

Anche noi, come la lumaca, non abbiamo una Terra né una vita di riserva. Lei va lenta, ha il tempo di osservare, di meditare, di sognare, di incontrare i suoi simili e di intrecciare relazioni, di giocare, di accorgersi delle piccole cose, di coglierne i dettagli, di apprezzarne le sfumature.

E noi? La velocità con cui otteniamo quello che desideriamo ci rende davvero più felici? Siamo in grado di sostenere il peso del nostro guscio (la cultura del successo sociale, della competizione, del profitto ad ogni costo, del desiderio di accumulare sempre di più)?

Quante domande questa lumachina mi ha fatto sorgere…

Lei sì che conosce bene se stessa, i suoi limiti, le sue potenzialità, l’ambiente in cui vive.

E noi? Siamo consapevoli che più conosciamo noi stessi, i valori con cui costruiamo il nostro guscio… più possiamo essere di aiuto agli altri?

La lumaca ha coraggio, perché in un mondo in cui c’è chi ha troppo e chi troppo poco lei ha il giusto; in un mondo in cui ci viene detto che più si è veloci più si è bravi lei va lentamente.

Oltre a congratularmi con la dirigente della scuola Rachele Donnici e con i suoi alunni per il premio vinto, desidero ringraziarli per avermi dato l’opportunità di riflettere sulla saggezza di questo animaletto.

Un’ulteriore prova che le dimensioni non contano: in questo nostro mondo ognuno di noi, per quanto piccolo, può fare la differenza.

 


di Letizia Guagliardi | 07/11/2018

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it