We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cotronei (Crotone) - Scia


di MARIANNA POERIO - A tutti è capitato di pensare, almeno una volta alla nostra vita, come se guardassimo la scia di qualcosa che spesso non riconosciamo. Ci chiediamo se il percorso che abbiamo fatto è quello giusto. Spesso accompagnato da quel desiderio di aver potuto cambiare qualcosa, o ancora peggio fare di meglio. L'uomo per antonomasia è un animale egoista, ed un po’ sognatore.  Se per un istante ci soffermassimo a osservare ciò che abbiamo costruito, ci renderemmo sicuramente conto che è tutto come avremmo voluto che fosse. L'altro giorno, leggendo per caso un articolo su un giornale di gossip, ho letto una frase bellissima rilasciata dal popolare Carlo Conti: "Quando hai più di quello che hai sognato, allora potrai assaporare la felicità". Dopo aver letto questa bellissima considerazione, mi è venuto spontaneo chiedere a me stessa la medesima cosa. "Che cosa posso volere più di quello che ho?". Un punto di domanda che crolla all'istante se poso gli occhi sui miei figli. Sono giunta alla conclusione che nulla cambierei nella mia vita, poiché se penso alla scia del mio percorso, essa mi racconta palesemente le opportunità che mi ha dato, fra cui quella di essere madre. Non esiste nulla che possa far riscattare una persona più dell'amore dei propri figli. Oggi, quindi, quando mi affaccio e vedo la mia scia, guardo nitidamente ciò che sono stata e, ciò che è lo devo nettamente a essa, poiché tutti siamo null’altro che il risultato della nostra vita. Ho imparato a mie spese, che la vita non è perfetta, come molti pensano che sia. Non cerco la perfezione. Ritengo che tale ossessione non è altro che un’utopia che nella maggioranza dei casi è ingannevole, sconvolgendo vite senza alcun senso. Perciò invito i miei lettori e soprattutto a me stessa, a riflettere su ciò di bello che abbiamo: non sprechiamo tempo a pensare cosa avremmo potuto essere. Cosi facendo ruberemmo del tempo prezioso a ciò che di bello effettivamente siamo.

Scia

Scia, la rima della mia vita 

la più vera, la più ovvia.

Se potessi la dipingerei ancora

la infonderei come macchia sul mio cuore.

Quant’è vera la mia scia

Che resta con me anche quando svanisce.

Senza più parole mi ritrovo qui 

a scuotere nel silenzio la mia vita

sorpassando felicemente la mia scia.

 


di Marianna Poerio | 13/09/2018

Pubblicità

cinema teatro sanmarco rossano 10 aprile decennale IonioNotizie.it vendesi tavolo da disegno studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it