We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Quella gentilezza non comune


di LETIZIA GUAGLIARDI - Gli abitanti del luogo usarono verso di noi una gentilezza non comune, perchè accesero un gran fuoco e accolsero tutti per la pioggia e per il freddo. L’apostolo Paolo è sorpreso dall’accoglienza dei Maltesi quando fa naufragio sulla spiaggia di Malta e ricorda la loro gentilezza in Atti 28:2.

Io non ho fatto naufragio ma approfitto delle parole di Paolo per ricordare la mia recente esperienza come commissario esterno agli Esami di Stato nell’Istituto  Alberghiero e Agrario “Mancini-Tommasi” di Cosenza (della Dirigente Graziella Cammalleri).

Gli abitanti del luogo, cioè della scuola (colleghi, vicepreside, personale di segreteria, addetti di cucina e sala/bar, collaboratori) mi hanno accolta con la stessa gentilezza non comune che aveva colpito Paolo. Non hanno acceso un gran fuoco, naturalmente, ma hanno acceso i fuochi… dei fornelli!

Ogni mattina, appena arrivata, colazione a scelta nel bar all’interno della scuola (caffè, cappuccino, succhi di frutta, croissants, torte e crostate…) A pranzo, nella sala ristorante (è un Istituto Alberghiero), un menu vario e abbondante… ogni giorno.

E fin qui, si potrebbe obiettare: si tratta di accoglienza e di ospitalità. Oltretutto in una scuola alberghiera, avvantaggiata da questo punto di vista.

Ma vorrei allargare il concetto di gentilezza, molto più ampio, che comprende altre parole e altrettanti gesti: cura e attenzione per l’altro, collaborazione, condivisione, empatia. Tutto ciò ha creato un clima sereno e rilassato, pieno di energia positiva, che ci ha fatto lavorare con tranquillità e armonia. Un circolo virtuoso che ha consentito anche ai candidati di dare il meglio di sè.

Quante possibilità abbiamo, ogni giorno, di compiere e di ricevere piccoli atti di gentilezza?

Tanti. Di alcuni ce ne rendiamo conto, di molti no perchè si compiono spontaneamente, perchè è giusto fare così.

È anche vero, però, che la gentilezza è sempre più sopraffatta da rabbia, violenza, scortesia, prepotenza… perchè molti pensano di essere più forti, in questo modo, e di ottenere quello che vogliono. Io, al contrario, credo che la forza consista proprio nell’essere gentili. Fa bene a noi, fa bene agli altri, fa bene al nostro vivere civile.

La gentilezza – verso le persone, gli animali e l’ambiente –  deve diventare, quindi, un’abitudine. Si può imparare, cominciando a prenderci cura di noi stessi. Più ci si allena più diventa naturale. E i benefici sono assicurati.

Un solo atto di gentilezza mette le radici in tutte le direzioni, e le radici nascono e fanno nuovi alberi

A pronunciare queste parole è stata Amelia Earhart, aviatrice statunitense morta nel 1937. Oggi – come allora – il mondo ha bisogno di tanti, nuovi alberi.

Chissà quanti atti di gentilezza potremo dare e ricevere oggi…

Buona giornata!


di Letizia Guagliardi | 18/07/2018

Pubblicità

cinema teatro sanmarco rossano 10 aprile decennale IonioNotizie.it vendesi tavolo da disegno studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it