We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Siamo tutti come boccioli chiusi


di LETIZIA GUAGLIARDI - Mi pare che tutti noi siamo come boccioli chiusi e la più parte di ciò che leggiamo non ha su di noi alcun effetto, ma ci sono certe cose che hanno un particolare significato e che fanno aprire un petalo: poi i petali si aprono uno a uno e alla fine ecco il fiore. (William Somerset Maugham, “Schiavo d’amore”, 1915).
Penso che sia compito di noi adulti, genitori e insegnanti, far sì che i giovani affidati alle nostre cure incontrino i libri  giusti, quelli che toccano i cuori e fanno aprire, uno a uno, i loro petali.

WhatsApp Image 2018-05-24 at 09.49.13

È quello che si propone il progetto “Il libro… mio amico“, approdato nella mia scuola (IIS “E. Majorana” – Rossano) lo scorso 24 maggio, dopo aver fatto tappa in diversi altri Istituti. A proporlo, per il quarto anno consecutivo, il dott. Antonio Iapichino, sociologo e giornalista, al quale sono grata per questa utile e divertente iniziativa.

L’amore per la lettura inizia da piccoli, quando uno dei genitori legge al proprio figlio la fiaba della buonanotte, e poi continua tra i banchi di scuola. Ma non mi riferisco al libro che serve per studiare… no, intendo quello che si sceglie perchè si sa che in lui troveremo un amico. Perchè un buon libro è proprio come un buon amico: è lì che ti aspetta, non ti chiede perchè ieri lo hai trascurato, nè perchè lo hai messo in disparte e ne hai sSulla-linea...-481x700celto un altro. Un buon libro, quando lo apri, ti offre quello che ha e non si aspetta nulla in cambio, se non di guardarlo e di ascoltarlo (leggerlo). Perchè in questo modo tu cominci a trovare te stesso (e si apre il primo petalo), a conoscerti un pò di più (il secondo), a scoprire lati di te che stavano nell’ombra (il terzo).

Un bel libro ti stimola a pensare, ti sprona a scavare in te stesso, ti pungola perchè tu ti chieda qual è il tuo posto nel mondo. Quanti petali si aprono man mano che leggi…

La nostra mattina dedicata alla lettura (e alla scrittura) ha visto tanti teneri studenti-boccioli che si aprivano durante le varie e delicate innaffiature: video, pensieri, riflessioni.

In questo post il mio personale grazie va a tutti i colleghi che hanno amorevolmente guidato gli studenti e, in particolare, al prof. Vincenzo Talarico perchè, fra gli altri libri, ha scelto di leggere con la 4 A E anche “Sulla linea… la mia vita dietro le sbarre” I video (uno lo puoi vedere QUI  o a questo link: https://www.facebook.com/letizia.guagliardi/videos/446793242440056/) e il brano letto a p. 159  “Io non voglio evadere dal carcere… io voglio evadere nel carcere” mi hanno commossa e hanno emozionato anche il pubblico presente in Aula Magna. Ma la cosa che più mi ha fatto gioire è sapere che i miei alunni ormai hanno preso il “vizio del fumo”… del profumo dei libri ed è cominciato il passaparola.

Al termine della manifestazione il dott. Iapichino ha indetto un concorso fra tutti i progetti presentati. È con orgoglio che ringrazio i miei alunni della 4 A E: il loro impegno è stato riconosciuto e il prossimo 7 giugno parteciperanno alla premiazione nel Palateatro di Mirto.

Leggere deriva dal latino “raccogliere” e mi pare scontato che dobbiamo raccogliere solo le cose buone (i libri buoni) che ci fanno bene… come il buon cibo.

Io leggo, per quanto è possibile, soltanto ciò di cui ho fame, nel momento in cui ho fame, e allora non leggo: mi nutro. (Simone Weil, “Attesa di Dio”, 1950)

Lasciami dire che il libro che nutre di più e meglio, da sempre, è la Bibbia.


di Letizia Guagliardi | 30/05/2018

Pubblicità

10 aprile decennale IonioNotizie.it vendesi tavolo da disegno studio sociologia buona pasqua ionionotizie bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170)


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it