We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Saracena (Cosenza) - Verso la nuova Slow food. Governatore si complimenta con Condotta


Incentivare la partecipazione del più ampio numero di persone possibile e disincentivare l’eccessiva burocratizzazione e gerarchizzazione delle strutture ad ogni livello. Cambiare la comunicazione dell’Associazione in modo da riuscire ad essere più semplici e più immediati nello spiegare chi siamo, senza perdere però la complessità del nostro messaggio e la molteplicità delle nostre progettualità. Fare chiarezza sugli obiettivi e sugli scopi dei vari livelli, in modo da essere più strategici ed efficaci ed eliminare sovrapposizioni e duplicazioni. Preservare e rafforzare l’autonomia dei territori ma al tempo stesso creare meccanismi vincolanti rispetto alla partecipazione ai momenti unificanti del Movimento, come le campagne globali. A livello territoriale, le comunità locali dovranno essere sempre più aperte, più inclusive e sempre più capaci di accogliere persone con ogni tipo di background e di cultura.

Condividendo le linee guida organizzative emerse nel 7° Congresso Internazionale Slow Food tenutosi nell’autunno del 2017 a CHENGDU in CINA, il Congresso del Convivium POLLINO SIBARITIDE ARBERIA tenutosi nei giorni scorsi a SARACENA in apertura della nona edizione del SARACENAWINE FESTIVAL, in vista delle prossime scadenze congressuali regionali e nazionale, ha dato mandato al Fiduciario ed al neo Comitato di mettere in campo tutte le iniziative più opportune ed efficaci per interpretare sul territorio e rispetto al futuro della rappresentanza calabrese lo spirito e le ambizioni della nuova Slow Food che dovrà nascere prima del Congresso del 2020.

A darne notizia è lo stesso Fiduciario Lenin MONTESANTO che, a nome della Condotta, cogli l’occasione per complimentarsi con l’Amministrazione Comunale di SARACENA guidata da Renzo RUSSO e con l’intera organizzazione del WINE FESTIVAL, curata da Giovanni GAGLIARDI sia per la qualità della proposta confermata sia per la scelta di destagionalizzare un evento destinato alla comunicazione strategica del terroir e, quindi, dei marcatori identitari distintivi di una destinazione turistico-culturale come il Paese del Moscato Passito, divenuta negli ultimi anni riferimento per le politiche pubbliche in tema di servizi, turismi e marketing territoriale.

Nel corso tre giorni ricca di degustazioni, incontri e laboratori con grandi personalità ed esperti di settore, dall’esordio nel quale si sono tenuti Assemblea e Congresso fino alla chiusura con la degustazioni degli extravergini calabresi presidio Slow Food, lo staff del Convivium POLLINO SIBARITIDE ARBERIAtra i partner principali dell’evento, ha tenuto aperta la propria sede a SARACENA che è stata visitata da numerosi ospiti e dal Presidente della Regione Calabria Mario OLIVERIO. – Accompagnato dal Primo Cittadino RUSSO e dal Fiduciario MONTESANTO, il Governatore ha espresso soddisfazione per le diverse attività promosse dal Convivium sul territorio, sottolineando la necessità di proseguire ed intensificare l’azione di sensibilizzazione rispetto alle questioni ed opportunità regionali della sovranità alimentare.

Tra i momenti più significativi del WINE FESTIVAL che hanno visto co-protagonista la Condotta Slow Food, sicuramente la presentazione del volume di Piero SARDO, presidente della Fondazione Biodiversità di Slow Food, dedicato ai formaggi naturali (un viaggio alla scoperta dei migliori d'Italia, a latte crudo e senza fermenti aggiunti). – Il silenzio attorno al tema fermenti nei formaggi – ha ribadito SARDO – è assordante. Grazie al fatto che non è necessario indicarli in etichetta, si ignorano il rischio di standardizzazione e la perdita del legame con il territorio che l'aggiunta di fermenti porta con sé. – Quelli proposti nel libro (storie eroiche di chi li produce e schede per scoprire l'assoluta eccellenza italiana nel panorama caseario) sono una cinquantina di produzioni a latte crudo, esenti da aggiunte non autoctone, tra i quali due calabresi. – A margine degli appuntamenti ufficiali si è anche tenuto un incontro, sempre promosso dalla Condotta Slow Food, tra il Sindaco di Amendolara Antonello CIMINELLI, il responsabile regionale dei presidi Alberto CARPINO e Salvatore CIOCIOLA dell’ufficio nazionale presidi Slow Food per confrontarsi sul progetto di presidio per la mandorla autoctona del Paese della Secca.


di Redazione | 02/04/2018

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it