We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Pietrapaola (Cosenza) - Tanta gente al funerale di don Alfonso Cosentino


Tanti fedeli hanno preso parte alle esequie di monsignor Alfonso Cosentino. La celebrazione ha avuto luogo nella stessa chiesa parrocchiale, “Santa Maria delle Grazie” di Pietrapaola centro, che egli ha guidato come parroco per oltre 50 anni. A presiedere il rito funebre l’Arcivescovo di Rossano Cariati, mons. Giuseppe Satriano. Hanno concelebrato il Vescovo di Mileto – Nicotera - Tropea, mons. Luigi Renzo e altri 18 sacerdoti. Ampia la partecipazione di fedeli provenienti, anche da vari paesi viciniori. Don Alfonso Cosentino è stato un sacerdote che ha contribuito alla crescita sociale, culturale e religiosa di Pietrapaola e del suo hinterland. Punto di riferimento per diverse generazioni. Parroco della parrocchia, per oltre mezzo secolo, a partire  dal 1954. Ha ricoperto vari incarichi, tra i quali direttore dell’Istituto Professionale di Stato di Mirto, Presidente dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero. Don Alfonso, avrebbe compiuto 90 anni il prossimo 25 febbraio. Un uomo di chiesa, ma anche di cultura. Ha aiutato e supportato i giovani del luogo. È stato attento cultore di letteratura e storia del cristianesimo, ma è stato anche fortemente impegnato nel campo sociale. Nei lunghi anni di sacerdozio ha curato tutti i settori della vita pastorale della comunità. Era il 14 marzo 1954 quando don Alfonso è giunto parroco nel borgo di Pietrapaola. Oltre cinquanta anni di attività finalizzata a creare i presupposti di sviluppo di una piccola comunità sociale, come quella di Pietrapaola, dove, all’epoca, per arrivarci bisognava salire con il mulo. Niente strade, niente servizi sanitari, niente acqua  ma tanta gente da aiutare. Cosi don Alfonso, giovane ventiseienne ha iniziato a lavorare per il paese e per la gente. Ha incoraggiato i giovani allo studio dando lezioni di italiano, latino e matematica e oggi, molti di quei ragazzi sono diventati professionisti affermati. Don Alfonso ha dato il suo cuore, la sua anima, la sua persona alla sua Pietrapaola, tanto da diventare un cittadino pietrapaolese. Monsignor Cosentino ha portato la prima televisione nel piccolo borgo del basso Jonio cosentino. Ha allestito un’apposita una sala dove nel pomeriggio andavano i ragazzi per seguire i programmi dedicati alla loro fascia di età e, poi, alla sera, vi si riunivano gli adulti. La sua automobile spesso veniva utilizzata per trasporti d’urgenza. Don Alfonso ha fatto costruire l’asilo infantile facendo arrivare a Pietrapaola le suore. Ha fatto studiare tutti. Ha favorito l’emigrazione ed oggi questa gente ha visto migliorare la propria posizione economica e sociale. Ha creato i presupposti per il lavoro. Ha insegnato nelle scuole. È stato un grande predicatore.

 


di Redazione | 22/02/2018

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it