We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Se i bulli sono una piaga mettiamo il dito nella piaga


di LETIZIA GUAGLIARDI -  In occasione della giornata nazionale contro il bullismo, anche nella mia scuola (l’Istituto Tecnico Industriale “E. Majorana” di Rossano Calbro) si è parlato di cyberbullismo, cioè del bullismo digitale. In questo post, invece di affrontare tale fenomeno dal solito punto di vista – le vittime – voglio guardarlo da un’altra prospettiva: voglio osservare i cyberbulli. Anche loro sono delle vittime.

Quando ero in terza media, poiché mi piaceva studiare e prendevo anche bei voti, per alcuni mesi sono stata presa di mira da un compagno di classe, noto bullo in tutta la scuola, più grande di me di un paio d’anni perché bocciato due volte. Aveva atteggiamenti prepotenti anche nei miei confronti: mi prendeva in giro perchè facevo i compiti, mi chiamava secchiona (o con altri termini simili) perchè ottenevo buoni risultati, mi derideva e faceva continue battute sul mio conto, appoggiato anche da altri due suoi compari, anche loro approdati nella mia classe quell’anno. Inutile dire che ne soffrivo, li temevo e li evitavo. Un giorno la prof di Italiano ci  chiese (a me e a chi andava meglio nella sua materia) di fare una ricerca e di formare dei piccoli gruppi di studio ed io… scelsi proprio loro tre! Non so perché lo feci, ne fui meravigliata io stessa e, soprattutto, lo furono loro. Come andò? Benissimo: scoprii che mi prendevano in giro perchè avevano tante lacune da colmare (e non solo in Italiano), perché, essendo più grandi, si vergognavano di essere ancora alle medie, perchè dava loro fastidio il fatto che gli insegnanti avessero una buona opinione di me e non di loro, perchè i loro genitori lavoravano tutto il giorno e non avevano nessun controllo su quello che facevano, perchè nessuno li ascoltava e ne soffrivano. Risultato? Durante gli incontri pomeridiani per svolgere la ricerca assegnataci ci mettemmo a parlare, scoprimmo di avere un interesse in comune (la musica), loro scoprirono che non ero antipatica come credevano, io scoprii che loro non erano così temibili come pensavo. Le nostre prospettive cambiarono perché ci confrontammo e il problema si risolse.

Con Internet oggi le cose sono più difficili perchè i bulli si nascondono dietro uno schermo e sono molto più pericolosi perchè, facendo leva sull’anonimato, osano molto di più.

Il cyberbullismo, come qualsiasi altro nemico, bisogna conoscerlo a fondo per poterlo distruggere. Ecco una serie di considerazioni mie personali (quindi contestabili), frutto della mia esperienza (di adolescente, di mamma e di insegnante) su bulli e cyberbulli.

1) Già i bambini di sei-sette anni hanno un cellulare e molti di loro hanno genitori o adulti di riferimento che non vigilano sull’uso che ne fanno.

2) Molti ragazzi (ma anche tanti adulti) usano lo smartphone per riprendere e condividere tutto quello che fanno o che vedono e spesso lo fanno senza regole e senza valori. Molti si riprendono in pose e atteggiamenti che rivelano la loro consapevolezza completamente distorta della realtà e, se interpellati, rispondono che “è normale” e che “non ci vedono niente di male”.

3) Quasi tutti i cyberbulli asseriscono di non rendersi conto di violare l’altro, quando fanno commenti sgradevoli in rete o quando attribuiscono un’etichetta negativa a qualcuno. Non hanno nessuna consapevolezza delle conseguenze delle loro azioni e non danno il giusto peso alle parole che usano.

4) Non conoscono la differenza fra gioco,  scherzo e prevaricazione. Dicono che “è solo per scherzare, per passare il tempo”.

5) Non sono abituati a interagire con gli altri. Spesso sono a casa da soli, in compagnia dello smartphone o davanti al computer. Non sanno cosa vuol dire conversare, collaborare, condividere (se non foto, video, giochi online).

6) Il bullo non ama se stesso, di conseguenza non ama gli altri. Non sa come gestire la propria vita, spesso vuota e noiosa, e cerca di riempirla in questo modo, divertendosi a spese della sua vittima.

7) Ha poche regole e ha difficoltà a seguirne altre, ha pochi adulti intorno a sè che, spesso, sono essi stessi bisognosi come lui.

CHE FARE?

Noi adulti (genitori, maestri, professori) non dobbiamo dimenticare che il nostro esempio è il miglior metodo di insegnamento (nel bene e nel male) e dobbiamo stare attenti al comportamento dei bambini o dei ragazzi affidati alle nostre cure. Attenti a cosa?

Alle parole che usano, a certi atteggiamenti prepotenti, aggressivi, violenti, prevaricatori;

come si rivolgono ai loro pari, ai genitori, agli insegnanti;

se non dimostrano compassione per le persone che soffrono o che sono vittime della prepotenza altrui e se non sanno immedesimarsi negli altri.

Il cyberbullo è una vittima nella vita reale ma è un carnefice in quella virtuale.

Gli errori più comuni:

credere che il bullo sia una persona forte. È il contrario: è debole perchè ha bisogno delle continue conferme degli altri, di quelli che ridono delle sue battute, perché ha bisogno del suo pubblico e più riceve like, più viene ammirato, più si accorge che i suoi followers ridono, commentano e condividono le sue “prodezze” online… più lui è spronato a prendere di mira qualcuno, anche a caso, dipende dalla situazione e dal momento;

credere che il bullo debba essere per forza figlio di un pregiudicato o di qualcuno povero e disadattato. Oggi sono sempre di più i bulli che appartengono a famiglie agiate.

Di cosa ha bisogno il bullo? Di adulti di riferimento che lo ascoltino, soprattutto quando non parla; che lo aiutino a rinforzarsi e a colmare i propri vuoti; che gli insegnino ad avere stima di se e del proprio valore, ad amarsi, ad amare.

Il cyberbullo è un nemico invisibile, perciò subdolo. Dietro lo schermo, però, si cela una persona che magari gira in casa nostra o che frequenta la nostra scuola e questa persona non è invisibile, la possiamo vedere e toccare. Si tratta di arrivare al suo cuore.

Si tratta di amarla.


di Letizia Guagliardi | 14/02/2018

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it