We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - In Consiglio bagarre fra maggioranza e opposizione


Si è riunito il Consiglio comunale di Crosia. Anche stavolta i toni sono stati accesi. Maggioranza e opposizione ai ferri corti. Polemiche durante la seduta e nella fase post. Nel corso della riunione i consiglieri Seminario, Urso (Gruppo Pd-Cilf), Filippelli (Per Crosia) e Tavernise “Movimento 5 Stelle”, presenti in platea, dopo l’appello, hanno delegato Seminario a intervenire in rappresentanza dei gruppi di minoranza. Questi ha letto un documento con cui ha chiesto la revoca del Consiglio comunale in seduta straordinaria e il rinvio della trattazione degli argomenti ad altra data, per la mancata pubblicazione della delibera del Consiglio comunale precedente (18 gennaio scorso) in cui è stata dichiarata la decadenza del consigliere Aiello e per la necessità di dover preliminarmente provvedere all’approvazione dei verbali delle sedute precedenti, preannunciando, per protesta, la non partecipazione alla seduta del Consiglio in corso. Al termine dell’intervento, anche Seminario si è recato in platea.”La protesta politica pacifica e già preannunciata – hanno commentato i quattro su citati consiglieri di minoranza, in una nota trasmessa alla stampa - ha provocato una reazione arbitraria da parte del Sindaco nelle sue vesti di Presidente del Consiglio comunale che ha addirittura chiamato i vigili per allontanare i consiglieri che esprimevano doverosamente in modo corretto il loro dissenso”. E ancora: “Riteniamo assurda la pretesa di portare avanti una seduta di consiglio, senza provvedere all’approvazione dei verbali delle sedute precedenti che è prassi consolidata in tutti gli organi collegiali”. A giudizio di Seminario, Urso, Tavernise e Filippelli, il Presidente del Consiglio comunale “non ha esercitato correttamente la sua funzione”. I quattro consiglieri di minoranza hanno richiesto al Prefetto di Cosenza di essere ascoltati. Il Sindaco, dal canto suo, ha sottolineato che “il Consiglio comunale è il massimo organo democratico e di rappresentanza dei cittadini. Esso funziona grazie a dei principi stabiliti dallo Statuto e dal Regolamento che vanno rispettati. Sempre e non a piacimento”. In una nota stampa dell’Amministrazione comunale è stato evidenziato che “ad apertura dei lavori del Consiglio, Seminario e Urso, seduti tra il pubblico, sono stati invitati dal Primo cittadino a sedere tra i banchi del Consiglio. Al reiterato invito del Sindaco, solo il consigliere Seminario si è apprestato a prendere posto nell’emiciclo ma per il tempo necessario a presentare una mozione preliminare ai lavori del Consiglio relativa alla vicenda dell’ex consigliere Aiello, per poi ritornare in platea insieme alla collega Urso”. La nota va oltre. “Entrambi – si legge testualmente - a seguito dell’apertura dei lavori, nonostante l’ennesimo invito a sedere sugli scranni consiliari, hanno tentato di interrompere a più riprese le attività dell’assemblea, tanto da indurre il Primo cittadino a chiedere l’intervento degli agenti della Polizia municipale”. Infine il sindaco ha sottolineato che “Ogni cosa che riguarda la vita pubblica, dall’utilizzo dello stemma comunale per finire al cerimoniale dei Consigli comunali è normato da strumenti e regole chiare. Così come la surroga dell’ex consigliere Aiello – ha chiarito il sindaco – si è svolta nel totale rispetto della normativa vigente, attraverso scrutinio segreto al quale tutti i consiglieri hanno preso parte. L’atto è immediatamente esecutivo. Nulla osta che chiunque potrà appellarsi alla decisione assunta dalla pubblica assise”. (foto di repertorio: una seduta del Consiglio comunale di Crosia)


di Redazione | 09/02/2018

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro...mio amico 2017


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it